Reviews

Created: Sunday, 08 July 2018 19:30 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Eduardo Nunomura, Review of O velho Marx, Carta Capital, July 08, 2018.

 

O jovem e velho Marx

Na gíria inglesa, Old Nick, ou “Velho Nick”, significava “Velho Diabo”, e era assim que Karl Marx assinava as cartas que enviava às filhas ou ao amigo Friedrich Engels.

July 2018
Read more ...
Created: Thursday, 07 June 2018 13:47 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Lucas Parreira Álvares, Review of O velho Marx: uma biografia de seus últimos anos (1881-1883), Blog da Boitempo, June 07, 2018.

Acerca de O Velho Marx, de Marcello Musto – ou: por que essa biografia merece ser lida

June 2018
Read more ...
Created: Wednesday, 30 May 2018 14:12 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Michael Löwy, Review of O velho Marx: uma biografia de seus últimos anos (1881-1883), Blog da Boitempo, May 30, 2018.

 

Michael Löwy: A descoberta do último Marx

May 2018
Read more ...
Created: Wednesday, 30 May 2018 13:09 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Review of O velho Marx: uma biografia de seus últimos anos (1881-1883), UFMG, May 30, 2018.

 

Autor da obra 'O Velho Marx' realiza seminário na UFMG nesta segunda

Nesta segunda-feira, 4, às 11h, o pesquisador Marcello Musto, da Universidade de York (Canadá), vai discutir, no seminário The research of the late Marx, o tema do seu livro homônimo, cuja tradução está sendo lançada no Brasil pela Editora Boitempo com o título O Velho Marx.

May 2018
Read more ...
Created: Wednesday, 16 May 2018 12:08 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Mauretta Capuano, review of L'ultimo Marx: 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, ANSA, May 16, 2018.

A 200 anni dalla nascita di Karl Marx, il 5 maggio 1818, torna alla ribalta l'attualità del suo pensiero, che guardava proprio al futuro, e ci si interroga sul valore e sul destino dei suoi testi, a partire dal Manifesto scritto con Engels che si conclude con l'appello: "Proletari di tutti i Paesi, unitevi!".

May 2018
Read more ...
Created: Saturday, 05 May 2018 12:50 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: tamil

Review of கார்ல் மார்க்ஸ்: அறிவுப் பயணத்தில் புதிய திசைகள் (1881-83), The Hindu Daily, May 5, 2018.

ர்ல் மார்க்ஸ், 19-ம் நூற்றாண்டின் மகத்தான எழுத்தாளர். ‘எழுத்தாளரா? அவர் சிறுகதை, நாவல் எதுவும் எழுதியிருக்கிறாரா?’ என்று யோசிக்க வேண்டாம். அரசியல், பொருளாதாரம், தத்துவம் என்று ஒன்றோடொன்று பின்னிப் பிணைந்த பல துறைகளிலும் அவர் எழுதிக் குவித்திருக்கிறார்.

May 2018
Read more ...
Created: Friday, 04 May 2018 11:36 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Ricardo Musse, review of O velho Marx: uma biografia de seus últimos anos (1881-1883), O Globo, May 04, 2018.

 

RIO — A obra e o perfil, político e pessoal, de Karl Marx sempre foram objeto de acesas controvérsias. Suas inúmeras biografias apresentam avaliações divergentes e antagônicas.

May 2018
Read more ...
Created: Wednesday, 02 May 2018 13:19 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Jong-Yeob JO, Review of The Last Marx (1881-1883): An Intellectual Biography, donga, May 02, 2018, (English language).

 

Marx bicentenary to be marked by books, movies

Saturday marks the 200th anniversary of the birth of Karl Marx (1818-1883).

May 2018
Read more ...
Created: Wednesday, 02 May 2018 11:49 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: korean

Jong-Yeob JO, Review of The Last Marx (1881-1883): An Intellectual Biography, donga, May 02, 2018.

 

“불평등 존재하는 한 마르크스주의는 영원하다”

 

May 2018
Read more ...
Created: Tuesday, 01 May 2018 07:49 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: chinese

马克思诞辰200周年 英国掀起马克思主义专著出版热

2018年是马克思诞辰200周年,世界各地信仰和研究马克思主义的人们在以各种方式纪念这位伟人、重温他的思想。

May 2018
Read more ...
Created: Monday, 01 January 2018 23:58 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Ubaldo Fadini, review of L'ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Antologia Vieusseux, 2018.

Da più parti si assiste a quello che può essere considerato un nuovo e importante ‘ritorno a Marx’, soprattutto da parte di coloro che si dispongono ad un confronto serio e articolato con le trasformazioni del lavoro all’interno del quadro di funzionamento del modo di produzione capitalista.

January 2018
Read more ...
Created: Friday, 01 December 2017 23:59 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: chinese

张福公:重新探索马克思《资本论》的当代意义——“150年后的马克思《资本论》:对资本主义的批判与替代”国际学术会议综述

 

[内容提要]本文旨在以不同方式推进对马克思政治经济学批判的研究。

December 2017
Read more ...
Created: Thursday, 27 April 2017 02:52 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Agustín Santella, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Marxismo Critico, April 27, 2017.

Entre los años ochenta y principios de los noventa del siglo pasado, los marxismos atravesaron una crisis que parecía ser final. Sin dudas, el acontecimiento clave fue el derrumbe de los “socialismos reales”, que venían a condensar un desgaste de esperanzas emancipadoras.

April 2017
Read more ...
Created: Saturday, 01 April 2017 01:49 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Jaime Ortega Reyna, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Andamios, April 2017.

Una vieja anécdota —probablemente falsa— nos servirá como intro- ducción para reseñar la última compilación que ha hecho Marcello Musto a propósito del filósofo de la “Tesis XI” titulada De regreso a Marx.

April 2017
Read more ...
Created: Thursday, 16 February 2017 12:03 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Christopher Araujo, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Marx and Philosophy Review of Books, February 16, 2017.

 

Notwithstanding their commemorative subtitles, the Marcello Musto edited Workers Unite! The International 150 Years Later is quite different from his Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later. Published in 2008, the latter is a collection of essays on the significance of Marx’s ‘Rough Draft’ by a series of contemporary scholars, including Arthur, Foster and Carver.

February 2017
Read more ...
Created: Monday, 13 February 2017 11:20 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Marie Gouze, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Diciotto Brumaio, February 13, 2017.

Al tempo stesso troppo onore e troppo torto

Sto leggendo un fitto volumetto di Marcello Musto, L’ultimo Marx (1881-1883), Donzelli, 2016. Dovrebbe essere letto soprattutto da coloro che – come scrivevo recentemente – Marx più che conoscerlo di prima mano preferiscono farselo raccontare.

February 2017
Read more ...
Created: Sunday, 12 February 2017 10:50 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Luigi Candreva, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Azioni Parallele: Quaderni D'aria, February 12, 2017.

Marcello Musto, L'ultimo Marx

Il 30 marzo 1911, Giolitti dichiarava alla Camera che “Carlo Marx è stato mandato in soffitta”. Da un secolo a questa parte, il vecchio Moro è stato mandato in soffitta più volte. Ultima, finora, in occasione della fine dell'Urss e dei paesi satelliti, tra il 1989 e il 1991, con la quale è stata dichiarata anche la fine del “comunismo”, oltre che, con una certa esagerazione, della storia.

February 2017
Read more ...
Created: Friday, 10 February 2017 11:05 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Annibale C. Raineri, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, PalermoGrad: la crisi vista dal Sud, February 10, 2017.

L'ultimo Marx e noi

Nel 2016 Donzelli ha pubblicato il libro di Marcello Musto L’ultimo Marx 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale. Vale la pena soffermarcisi.

February 2017
Read more ...
Created: Wednesday, 01 February 2017 13:44 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Bruno Bongiovanni, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, L'Indice, February 1, 2017.

February 2017
Created: Wednesday, 18 January 2017 15:19 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Benedetto Vecchi, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Il Manifesto, January 18, 2017.

Una condivisione di pensiero critico

Cento anni separano il presente da un «evento» che ha cambiato il corso della Storia. Un secolo dove la speranza di una trasformazione radicale del vivere in società si è nutrita dell’immaginario di uomini e donne senza voce che prendevano la parola e sovvertivano gli assetti di potere. Era il coronamento di quella rivoluzione che Karl Marx aveva inseguito per tutta la sua vita. Soltanto che il filosofo di Treviri l’aveva vista possibile in altri paesi da quella dove accadde. Soltanto in tempi recenti studi sull’Ultimo Marx (il titolo del volume di Marcello Musto per Donzelli) hanno messo in evidenza come, stanco e con il corpo segnato da anni di studio e condizione precarie, si interessasse alla formazione sociale russa, intravedendo anche in quell’immenso territorio possibilità di una rivoluzione.

January 2017
Read more ...
Created: Saturday, 07 January 2017 02:25 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Alfio Neri, review of Karl Marx’s Grundrisse. Foundations of the Critique of Political Economy 150 years later, Carmilla, January 7, 2016.

Da cinquant’anni mancava un’introduzione ai Grundrisse. Oggi finalmente abbiamo un testo che ci permette di affrontare iLineamenti fondamentali di critica dell’economia politica.

January 2017
Read more ...
Created: Sunday, 01 January 2017 16:49 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Alessandro Visalli, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Nella fertilità cresce il tempo, January 1, 2017.

Marcello Musto, “L’ultimo Marx

Marcello Musto è di Marx in qualche modo uno specialista, attualmente visiting professor di sociologia teorica a Toronto, presso la York University, nel 2103 ha pubblicato “Ripensare Marx e i marxismi” (una presentazione qui), oltre ad una serie di antologie e volumi collettanei sullo stesso tema che sono stati tradotti in venti lingue.

January 2017
Read more ...
Created: Sunday, 01 January 2017 13:49 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

August H. Nimtz, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Science & Society, January 2017.

 

The International Workingmen’s Association, or First International, was the jewel in the crown of Marx’s practice, declared Engels at his partner’s funeral in 1883. He planned to write an account about Marx’s role in the IWA but didn’t live long enough to do so.

January 2017
Read more ...
Created: Saturday, 24 December 2016 12:15 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Alfio Neri, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Carmilla, December 24, 2016.

L’ultimo Marx

Non era solo un vecchio malandato. La salute di Marx era malferma ma il suo cervello funzionava. Avere problemi fisici non significa essere rincoglioniti.

December 2016
Read more ...
Created: Wednesday, 21 December 2016 12:30 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Loris Narda, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Commonware, December 21, 2016.

Marx ad Algeri

“Qual è la legge ultima dell’essere?”

“La lotta!”

(Risposta di Marx a John Swinton)

December 2016
Read more ...
Created: Tuesday, 15 November 2016 16:34 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Chiara de Cosmo, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Officine Filosofiche, November 15, 2016.

Un grande pensiero rivoluzionario deve la sua forza al rigore della teoria che lo sostanzia, rigore che è in grado di portare a concretezza la generale percezione che «il mondo deve essere cambiato.

November 2016
Read more ...
Created: Sunday, 06 November 2016 12:45 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Felice Mometti, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Communia Network, November 6, 2016.

Segnalazioni marxiane

Sarebbe probabilmente esagerato dire che per la prima volta c’è la possibilità di leggere l’opera di Marx senza le supervisioni dei comitati centrali, le edizioni orientate dai gruppi dirigenti dei partiti comunisti, le incrostazioni dei marxismi ossificati e la ripetizione di formulette preconfezionate. Certamente esagerato ma con un qualche fondo di verità.

November 2016
Read more ...
Created: Wednesday, 12 October 2016 13:29 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Guido Liguori, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Il Manifesto, October 12, 2016.

L’operosità del Moro negli ultimi anni della sua intensa vita

Karl Marx. Una biografia intellettuale in forma di saggio scritta da Marcello Musto per Donzelli.

October 2016
Read more ...
Created: Friday, 30 September 2016 13:26 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Alfonzo Berardinelli, review of L’ultimo Marx, 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, La Repubblica, September 30, 2016.

September 2016
Created: Saturday, 24 September 2016 13:41 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Diego Gabutti, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Italia Oggi, September 24, 2016.

Dostoevskij indovinò le derive della rivoluzione. Marx invece era convinto che i terroristi russi avrebbero portato la democrazia

Per essere uno che non intendeva «prescrivere ricette [...] per l'osteria dell'avvenire», come ci ricorda Marcello Musto in un saggio dedicato ai suoi ultimi anni, Karl Marx finì per prestare la sua zazzera (un Che Guevara molto in anticipo sui tempi) a chi, senza preoccuparsi delle controindicazioni, non fece che prescrivere ricette per l'osteria dell'avvenire a intere nazioni.

September 2016
Read more ...
Created: Saturday, 17 September 2016 00:17 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

William A. Pelz, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Labor Studies Journal, October 17, 2016.

 

In many parts of the industrialized world, workers have spent decades, if not longer, focused narrowly on their own unique situations.

September 2016
Read more ...
Created: Friday, 16 September 2016 13:35 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Carmine Castoro, review of L’ultimo Marx, 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, L’Unità, September 16, 2016.

 

September 2016
Created: Sunday, 11 September 2016 13:51 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Antonio Carioti, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, La Lettura, September 11, 2016.

La vena fatalista nelle idee di Marx

È un bel ritratto di un uomo eccezionale al tramonto della sua vita, quello che Marcello Musto ci offre nel libro L’ultimo Marx (Donzelli, pp. 148, e 24), apprezzabile soprattutto per l’intreccio fra l’attività intellettuale del protagonista e il versante umano, denso purtroppo di terribili dolori, in quel biennio 1881-83, per l’autore del Capitale.

September 2016
Read more ...
Created: Thursday, 01 September 2016 08:59 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: french, french

Antony Burlaud, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Actuel Marx, 2016.

C’est pour épargner au lecteur anglais une plongée dans les épais volumes publiés autrefois par l’Institut du marxisme-léninisme de l’URSS que Marcello Musto a réalisé cette anthologie de textes de l'Association internationale des travailleurs.

September 2016
Read more ...
Created: Tuesday, 28 June 2016 14:07 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Babak Amini, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Rethinking Marxism, June 28, 2016.

 

Realistic portrayal of an organization as diverse as the International Working Men’s Association (IWMA) which has been historically and ideologically depicted mainly from the vantage point of a single individual, namely, Karl Marx (and sometimes alongside the ghostly presence of the anarchist, Mikhail Bakunin), is the task undertaken in this thematized anthology by Marcello Musto. The central aim of the book is to redistribute the credit for the political significance of the IWMA to the ordinary workers and labour activists who composed the body of this extraordinary organization.

June 2016
Read more ...
Created: Monday, 18 April 2016 19:38 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Modesto Emilio Guerrero, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Agência Periodística de Información Alternativa, April 18, 2016.

De regreso a un Marx siempre latente

De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual , es un recorrido intelectual atrevido, por el interior de la más importante corriente de pensamiento social de base mundial del último siglo y medio.

April 2016
Read more ...
Created: Friday, 01 January 2016 20:12 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Edgardo Logiudice, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Herramienta, 2016.

De los regresos a Marx

El más mediático regreso a Marx en lo que va del siglo ha sido un pseudoregreso.Fue el de Pikkety con El Capital del siglo XXI, quien confesó que nada tenía que ver con el autor de la célebre obra. Un poco más acá, y con menos prensa y sin el matiz provocativo del economista francés, el filósofo alemán Joseph Vogl escribió un sugerente El espectro del capital.

January 2016
Read more ...
Created: Friday, 01 January 2016 19:58 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Santiago M. Roggerone, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Ideas de Izquierda: Revista de Política y Cultura, 2016.

En un capítulo de Los Simpson, Bart vende su alma a Milhouse por la suma de cinco dólares.Tras gastar el dinero en esponjas con forma de dinosaurios, comienza a arrepentirse de haber efectuado menuda transacción.

January 2016
Read more ...
Created: Friday, 01 January 2016 19:35 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Antônio David, review of Trabalhadores, uni-vos. Mouro, January 2016.

January 2016
Created: Friday, 01 January 2016 18:26 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Terrell Carver, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Political Studies Review, 2016.

 

The title of this landmark volume refers to the International Workingmen’s Association (IWMA), formally founded in London in 1864, and known in more recent times simply as ‘The International’ or ‘First International’.

January 2016
Read more ...
Created: Friday, 01 January 2016 17:50 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Giorgio Mele, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Critica Marxista, 2016.

L’ultimo Marx

Il 10 marzo 1883, dopo il controllo del dottor Donkin, Federico Engels comunica che le condizioni di Karl Marx, malato ormai da tempo, sembravano migliorate.

January 2016
Read more ...
Created: Friday, 01 January 2016 03:07 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Esteban Ruiz, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Exlibris, 2016.

El incansable trabajo de Marcello Musto, uno de los principales impulsores a nivel mundial de los estudios marxianos, ha dado otro fruto: De regreso a Marx: nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual (2015).

January 2016
Read more ...
Created: Tuesday, 01 September 2015 16:03 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Roberto Carocci, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Critica Marxista, 2015.

I 150 anni della Prima Internazionale

Erano circa duemila i lavoratori e le lavoratrici che il 28 settembre 1864 si riunirono al St. Martin’s Hall di Londra per ascoltare i comizi di alcuni dirigenti sindacali. L’incontro, cui erano presenti diversi delegati europei, era stato preparato con una certa accuratezza poiché nelle intenzioni degli organizzatori avrebbe dovuto dare vita a un ambito sovranazionale di studio sulle condizioni degli emergenti ceti operai.

September 2015
Read more ...
Created: Wednesday, 01 April 2015 21:59 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Roberto Carocci, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Succedeoggi, April 2015.

Prima dei socialisti

Donzelli pubblica, a cura di Marcello Musto, una preziosa raccolta di discorsi, interventi e documenti della Prima Internazionale. La genesi di un movimento lungo oltre un secolo.

April 2015
Read more ...
Created: Saturday, 21 March 2015 19:34 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Iain McKay, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Anarchist Writes, March 21, 2015.

 

Introduction

The editor of Workers Unite! should be congratulated on his aim, namely to make the debates within the International Working Men’s Association (IWMA) accessible for radicals active 150 years after it was founded in 1864.

March 2015
Read more ...
Created: Thursday, 19 March 2015 21:29 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, il Manifesto, 19 March 2015.

March 2015
Created: Friday, 27 February 2015 13:03 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: tamil

கம்யூனிச விதையைப் பற்றிய ஆராய்ச்சி

உலகின் பல பகுதிகளில் இன்று நடைபெறும் மக்கள் போராட்டங்களில் காரல் மார்க்ஸின் கருத்துக்களும் பேசப்படுகின்றன.

February 2015
Read more ...
Created: Thursday, 12 February 2015 17:58 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Diego Bagutti, review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, Italia Oggi, February 12, 2015.

February 2015
Created: Tuesday, 16 December 2014 16:39 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Morgana Gomes, review of Trabalhadores, uni-vos. Boitempo, December 16, 2014.

Entrevista de Marcello Musto a Morgana Gomes

O slogan que finaliza a mensagem inaugural da I Internacional e que fora escrito por Karl Marx, 150 anos depois, mantém-se atual no que refere as reivindicações dos trabalhadores inseridos no processo de globalização em todas as partes do mundo

December 2014
Read more ...
Created: Monday, 15 December 2014 21:43 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Alfonso M. Iacono, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Il Tirreno, December 15, 2014.

December 2014
Created: Sunday, 23 November 2014 00:28 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Andrew Murray, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Morning Star, November 23, 2014.

 

The foundation of the First International is forever doomed to have its anniversaries overshadowed by falling in the same years as the world commemorates the war that began in 1914.

November 2014
Read more ...
Created: Monday, 17 November 2014 00:00 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Denis MacShane, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Tribune, November 17, 2014.

A new international rescue – intellectuals of the world unite

 

It is 150 years since trade union leaders, intellectuals and left activists assembled in autumn 1864 in London to create the International Working Men’s Association, commonly known as the First international. It was followed by the Second or Socialist international in 1889 which still limps along in an attenuated, under-financed way today.

November 2014
Read more ...
Created: Saturday, 15 November 2014 23:00 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Alfio Neri, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Carmilla, November 15, 2014.

Prima Internazionale

Negli anni Settanta questo libro avrebbe davvero spopolato. Sarebbe stata un’autentica bomba. Avrebbe creato un dibattito enorme. Poteva fare davvero piazza pulita di molti luoghi comuni. Molte cose sarebbero apparse sotto una nuova luce. Non sto facendo affermazioni avventate. Gli anni Settanta erano abitati da militanti con una formazione culturale trascurata. Era un’epoca in cui premeva l’immediato, la grande svolta sembrava proprio dietro l’angolo.

November 2014
Read more ...
Created: Monday, 03 November 2014 21:56 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Luciano Canfora, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Corriere della Sera, November 3, 2014.

L'alba della Prima Internazionale Un'eredità che sembra smarrita

Escono, certo per caso, quasi contemporaneamente, due libri tra i quali non è fuor di luogo stabilire un collegamento. Un volume che racconta e documenta l'atto di nascita della Prima Internazionale (Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, a cura di Marcello Musto, Donzelli) e inoltre un libro di Domenico Losurdo significativamente intitolato La sinistra assente (Carocci).

November 2014
Read more ...
Created: Sunday, 02 November 2014 04:38 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Gilberto Cruvinel, review of Trabalhadores, uni-vos. GGN, November 02, 2014.

I Internacional foi palco de disputas políticas e modelo para organizações futuras, diz cientista polìtico italiano

RIO - Os bairros operários de Liverpool e Manchester aparecem nos jornais do século XIX como lugares lúgubres e paupérrimos, onde famílias inteiras dormiam no mesmo cômodo, uns sobre os outros.

November 2014
Read more ...
Created: Saturday, 01 November 2014 20:42 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Há 150 anos, a primeira tentativa de união dos trabalhadores do mundo, O Globo, 1 November, 2014.

RIO - Os bairros operários de Liverpool e Manchester aparecem nos jornais do século XIX como lugares lúgubres e paupérrimos, onde famílias inteiras dormiam no mesmo cômodo, uns sobre os outros. Não surpreende, portanto, que tenha nascido na Inglaterra, berço da Revolução Industrial, a tentativa pioneira de organização dos trabalhadores a nível mundial.

November 2014
Read more ...
Created: Saturday, 01 November 2014 18:44 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Leonardo Cazes, review of Trabalhadores uni-vos. O Globo, November 01, 2014.

Quando os trabalhadores do mundo se uniram

Os bairros operários de Liverpool e Manchester aparecem nos jornais do século XIX como lugares lúgubres e paupérrimos, onde famílias inteiras dormiam no mesmo cômodo, uns sobre os outros. Não surpreende, portanto, que tenha nascido na Inglaterra, berço da Revolução Industrial, a tentativa pioneira de organização dos trabalhadores a nível mundial.

November 2014
Read more ...
Created: Monday, 27 October 2014 16:00 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Paulo Barsotti, review of Trabalhadores, uni-vos. Boitempo, October 27, 2014.

Esta preciosa antologia política organizada por Marcello Musto, de manifestos, documentos e intervenções da AIT – Associação Internacional dos Trabalhadores (1864-1872), a “primeira” Internacional –, é uma excelente maneira de brindar aos seus 150 anos de fundação.

October 2014
Read more ...
Created: Sunday, 26 October 2014 17:29 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Giuseppe Bedeschi, review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, Il Sole 24 Ore, October 26, 2014.

October 2014
Created: Sunday, 12 October 2014 18:19 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Lombardia Oggi, review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, Lombardia Oggi, October 12, 2014.

October 2014
Created: Thursday, 09 October 2014 21:18 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, Il Salvagente, 09 October 2014.

October 2014
Created: Thursday, 02 October 2014 19:03 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Maria Grazi Meriggi, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Il Manifesto, October 02, 2014. 

La parola all’Internazionale

Saggi. I discorsi e le soluzioni nei diversi mondi del lavoro, a partire dalla storia della più grande esperienza collettiva. In un libro pubblicato da Donzelli, a cura di Marcello Musto

October 2014
Read more ...
Created: Monday, 29 September 2014 18:08 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

La Regione Ticino, review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, La Regione Ticino, September 29, 2014.

September 2014
Created: Sunday, 28 September 2014 21:47 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Paolo Petroni, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, ANSA, September 28, 2014.

I 150 anni della Prima Internazionale

Cadono il 28 settembre e un volume riunisce discorsi e documenti

Centocinquanta anni fa, il 28 settembre 1864, alla St. Martin's Hall di Londra, gremita da oltre duemila lavoratori, si teneva la sessione inaugurale dell'Associazione internazionale dei lavoratori: l'atto fondativo della prima organizzazione internazionale del movimento operaio.

September 2014
Read more ...
Created: Saturday, 27 September 2014 18:31 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Rita Felerico, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, Positano News, September 27, 2014.

Centocinquant’anni fa, il 28 settembre 1864, alla St. Martin’s Hall di Londra, si teneva la sessione inaugurale dell’Associazione internazionale dei lavoratori: l’atto fondativo della prima organizzazione internazionale del movimento operaio. Visti a distanza di 150 anni, questi 80 testi (26 dei quali tradotti per la prima volta in italiano) – editi da Donzelli e curati con estremo rigore scientifico da Marcello Musto, vedono contemporaneamente la luce in inglese presso l’editore Bloomsbury.

September 2014
Read more ...
Created: Friday, 26 September 2014 17:48 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Massimiliano Panarari, review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, La Repubblica, September 26, 2014.

September 2014
Created: Wednesday, 10 September 2014 11:21 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Silvia Baglini, review of Ripensare Marx e i marxismi, Azioni Parallele, September 10, 2014.

Ripensare Marx e i marxismi si presenta come titolo programmatico a partire dalla grande operazione editoriale e filologica costituita dalla Mega2, la nuova edizione critica delle opere complete di Marx e Engels avviata negli anni Settanta del secolo scorso.

September 2014
Read more ...
Created: Monday, 01 September 2014 21:37 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Angelo d'Orsi, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, La Stampa, September 1, 2014.

Così si unirono i lavoratori di tutto il mondo

Il 28 settembre di 150 anni fa nasceva a Londra la Prima Internazionale: la sua vicenda in un’antologia di testi dell’epoca, da Marx a Bakunin, agli scritti degli operai

Londra, 28 settembre 1864: la sala del St. Martin’s Hall, nel cuore di Londra, era affollata da duemila uomini e donne di umili condizioni, inglesi, ma anche tedeschi, francesi, spagnoli, russi, polacchi, italiani… Nessuno, quel giorno, sospettava che stava nascendo la prima organizzazione mondiale proletaria. Forse neppure Karl Marx, la testa pensante più celebre, autore (pur in collaborazione con Engels) del Manifesto del Partito comunista che a Londra aveva visto la luce nel 1848.

September 2014
Read more ...
Created: Friday, 15 August 2014 18:44 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Stefania Miccolis, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, Rassegna Sindacale, October 15, 2014.

August 2014
Created: Monday, 07 July 2014 10:23 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Antonio Negri, review of Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Critical Economy 150 Years Later, Rethinking Marxism, 2014.

 

I began working on the Grundrisse in the 1960s. When I started, I had already been a Communist for years, but I was not yet a Marxist. I’d worked a lot on Kant, Hegel, neo-Kantianism, Weber, Lukács, and then finally, as I was approaching thirty in the early 1960s, I began reading Capital. I had already read through the going interpretations of the young Marx.

July 2014
Read more ...
Created: Wednesday, 01 January 2014 19:52 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

George C. Comninel, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Socialism and Democracy, 2014.

Workers Unite! The International 150 years later by Marcello Musto (ed.)

 

What is most distinctive about this book is that, instead of being about “Marx and the International,” it is about the International Workingmen’s Association (IWA) itself – though fully recognizing the important role that Marx played within it. This makes it a rarity.

January 2014
Read more ...
Created: Wednesday, 01 January 2014 14:48 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: korean

Choeng-Lip Chu, Marxism 21, 2014.

마르크스와 마르크스주의들을 다시 생각한다 에 대한 본 서평에서는 이 책의 저자 무스토가 MEGA2에 대한 면밀한 검토를 통해 [1844년 경제학·철학 수고]나 [그룬트리세] 등 마르크스의 주요 저술에 대한 기존의 해석들과 자본론 제2권 및 제3권에 대한 엥겔스의 편집 작업이 지닌 문제점 등에 대해 전개하는 비판적 논의 를 살펴본다.

January 2014
Read more ...
Created: Saturday, 01 June 2013 22:42 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Fernando Paz Sánchez, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, Iztapalapa, June 2013.

En abril de 2004 varias instituciones de estudios superiores de Italia, entre otras la Universidad de Estudios de Nápoles, el Instituto di Napoli “L’ Orientale” y la Univer- sidad de Bari, organizaron un coloquio internacional sobre el tema Tras las huellas de un fantasma. La obra de Karl Marx entre la lología y la losofía.

June 2013
Read more ...
Created: Tuesday, 29 January 2013 10:20 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Antonio Negri, review of Karl Marx’s Grundrisse. Foundations of the Critique of Political Economy 150 years later, Uninomade, January 29, 2013.

1. Cominciai a lavorare sui Grundrisse negli anni ’60. Quando cominciai ero comunista da parecchio tempo, non ancora marxista. Avevo lavorato molto su Kant, Hegel, e il neokantismo, Max Weber, Lukacs e poi, infine, all’inizio degli anni ’60, avvicinandomi ai 30 anni, avevo cominciato a leggere Il Capitale.

January 2013
Read more ...
Created: Saturday, 26 January 2013 17:18 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Alfio Neri, review of Ripensare Marx e i marxismi, Carmilla, January 26, 2013.

Ripensare Marx e i marxismi

Il modo di leggere Marx è cambiato negli ultimi anni. Gli scritti sono (quasi) sempre quelli ma sono intervenuti due fattori nuovi che hanno cambiato molte cose. Innanzitutto, i nuovi equilibri geopolitici hanno reso obsolete le letture legate agli schieramenti della guerra fredda.

January 2013
Read more ...
Created: Thursday, 10 January 2013 18:25 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Jaime Ortega Reyna, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, Herramienta Web, 2013.

El presente libro, coordinado por Marcello Musto, nos ofrece los últimos avances de la investigación marxista a partir de la publicación completa de las obras de Marx y Engels, particularmente el proyecto de la MEGA2.

January 2013
Read more ...
Created: Tuesday, 01 January 2013 20:43 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Guido Oldrini, review of Ripensare Marx e i marxismi, Marxismo Oggi, 2013.

January 2013
Created: Tuesday, 01 January 2013 19:23 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews

Robert Ware, review of Marx for Today, Philosophy in Review, 2013.

Marx is back, after making a steady return since the 150th anniversary of the Communist Manifesto in 1998. It has taken decades of work to rethink, reapply, rework, and restore Marx to get to the renaissance that is clearly underway today. 

January 2013
Read more ...
Created: Tuesday, 01 January 2013 17:49 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Dunja Larise, review of Marx for Today, Political Studies Review, 2013.

 

The aim of this collection of essays is to offer new interpretations of Marx’s writings by showing his distance from the dogmatic and economistic streams of Marxism of the twentieth century, as well as to suggest the usefulness of his theoretical work for the contemporary world. The first part of the volume assembles texts that focus on the re-reading and reinterpretation of Marx’s work from an interdisciplinary and contemporary perspective. The second part deals with the global reception of Marx after 1990.

January 2013
Read more ...
Created: Tuesday, 01 January 2013 16:27 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Xabier Grácia, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, Dialéctica, 2013.

“Este [Eckstein] pertenece a ese género de periodistas, nacidos con el crecimiento de la prensa obrera, que saben escribir de todo: derecho de familia japones, biología moderna, historia del socialismo, teoría del conocimiento, etnografía, historia de la civilización, economía política, problemas tácticos..., de todo lo que haga falta.

Estos polígrafos se mueven por todos los campos del saber con una descarada seguridad que los investigadores serios pueden envidiar sinceramente. Y cuando les falta toda comprensión para el asunto tratado, la sustituyen produciéndose con osadía y petulancia.” - Rosa Luxemburg (Una Anticrítica)

January 2013
Read more ...
Created: Tuesday, 01 January 2013 12:11 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Jordy Cummings, review of Marx for Today, Studies in Marxism, 2013.

 

Marcello Musto’s new edited volume Marx for Today is a superlative collection of essays by a fantastic roster of today’s most important Marxist thinkers. Grouped together, these essays coalesce into something greater than its parts, forming a whole that drives home the point that Marx as theorist and scientist of human emancipation is even more relevant in the second decade of the 21st century than he was in his own lifetime, as Ellen Wood points out in her contribution.

January 2013
Read more ...
Created: Tuesday, 01 January 2013 11:24 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Francesca Antonini, review of Ripensare Marx e i marxismi, Storia del pensiero politico, 2013.

Ripensare Marx e i marxismi. Studi e saggi

Che negli ultimi anni si stia verificando una vera e propria Marx-Renaissance è un dato di fatto: riferimenti al filosofo di Treviri sono sempre più diffusi nella carta stampata e un crescente interesse per la sua riflessione politica, economica e filosofica si va manifestando in ambito accademico, italiano e non solo (si pensi solo all’ultima monografia di M. Tomba, Strati di tempo. Karl Marx materialista storico, Jaca Book, Milano, 2011, o al saggio di E. Hobsbawm, Come cambiare il mondo. Perché riscoprire l’eredità del marxismo, Rizzoli, Milano, 2011).

January 2013
Read more ...
Created: Thursday, 13 December 2012 11:15 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: portuguese

Antonino Infranca, review of Ripensare Marx e i marxismi, Margem Esquerda, 2012.

É indubitável que a atual crise do sistema capitalista fez renascer o interesse pelo maior e mais radical inimigo do capitalismo, Karl Marx. Esse interesse, depois da queda dos regimes do socialismo real, é agora mais livre e mais objetivo, uma vez que a pesquisa sobre a obra de Marx não é mais ligada a defesa preconceituosa e extremistas daqueles odiosos sistemas políticos.

December 2012
Read more ...
Created: Friday, 07 December 2012 18:29 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Rita Felerico, review of Ripensare Marx e i marxismi, Il Denaro, December 7, 2012.

December 2012
Created: Sunday, 25 November 2012 17:16 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Giovanni Russo Spena, review of Ripensare Marx e i marxismi, Contro la crisi, November 25, 2012.

Ripensare Marx e i marxismi. Se la trasformazione bussa alla porta della soggettività politica

Marcello Musto, giovane ed autorevolissimo docente di Teoria Politica alla York University di Toronto, è autore di un testo che ritengo fondamentale per ogni studioso di Marx e per ogni militante anticapitalista: Ripensare Marx e i marxismi (Carocci editore).

November 2012
Read more ...
Created: Friday, 23 November 2012 12:06 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews

Tom Whittaker, review of Marx for Today, Counterfire, November 23, 2012.

Marx for Today

Having been declared officially dead and consigned to history’s proverbial dustbin roundabout 1989, Marx has returned surprisingly quickly, popping up in various places. For Marcello Musto, the editor of this collection of essays on Marx, there ‘has always been a “return to Marx”’. For the eminent poststructuralist philosopher Jacques Derrida, ‘it will always be a mistake not to read and reread and discuss Marx’ (p.4).

November 2012
Read more ...
Created: Monday, 05 November 2012 17:07 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Matteo Gargani, review of Ripensare Marx e i marxismi, Syzetesis, 2012.

Ripensare Marx e i marxismi raccoglie studi e saggi di Marcello Musto editi tra il 2005 e il 2010 su diverse riviste italiane e straniere. Il libro consta di due parti, la prima analizza formazione e produzione intellettuale marxiana dal periodo scolastico sino al 1860, cfr. Parte prima. Per una nuova biografia intellettuale di Marx (1818-1860). La seconda è rivolta sia ad alcuni aspetti dell’esegesi novecentesca, sia alle tortuose vicende della pubblicazione e della ricezione delle opere marxiane, cfr. Parte seconda. Sulla diffusione e sulla recezione dell’opera di Marx.

November 2012
Read more ...
Created: Monday, 01 October 2012 17:05 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Cesare Pianciola, review of Ripensare Marx e i marxismi, L'indice dei libri del mese, October 1, 2012.

La locomotiva del progresso e le altre storie possibili

La gravità della crisi attuale ha ravvivato l'interesse per Marx; nel settembre 2008 la Frankfurter Allgemeine Zeitung scriveva: “La storia del capitalismo è la storia delle sue crisi. Qui Marx aveva completamente ragione”. Vladimiro Giacché, che nel 2009 ha raccolto l'antologia di scritti marxiani Il capitalismo e la crisi (DeriveApprodi, pp. 176, € 15), al convegno “Marx e la crisi” (Università di Bergamo, 23 aprile 2010; cfr. http://wwwdata.unibg.it/dati/persone/46/3907) diceva:“Molte delle certezze su cui erano state edificate la visione del mondo e la filosofia della storia diffuse a livello di massa negli ultimi decenni sembrano oggi – se non proprio in frantumi – quantomeno incrinate. Per capire i motivi del rinnovato interesse nei confronti di Marx bisogna partire da qui".

October 2012
Read more ...
Created: Saturday, 22 September 2012 18:45 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Alfonso M. Iacono, review of Ripensare Marx e i marxismi, Il Tirreno, September 22, 2012.

September 2012
Created: Saturday, 08 September 2012 18:23 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Agustín Santella, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, Crítica y Emancipación, September 8, 2012.

 

“La nueva edición crítica de la obra de Marx y Engels sobre la que giran los ensayos incluidos nos permite reflexionar sobre un Marx libre de todo dogmatismo, de toda prevención ideológica, y abierto a la problemática viva de nuestro tiempo”, dice Gabriel Vargas Lozano en el prólogo.

September 2012
Read more ...
Created: Monday, 23 July 2012 12:04 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Nick Taylor, review of Marx for Today, The London School of Economics and Political Science, July 23, 2012.

 

Since the onset of global crisis in recent years, academics and economic theorists have been drawn to Marx’s analysis of the inherent instability of capitalism. The rediscovery of Marx is based on his continuing capacity to explain the present.

July 2012
Read more ...
Created: Sunday, 22 July 2012 18:20 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Rubén D. Atahuichi López, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, La Razón, June 22, 2012.

‘Hoy, Marx no hablaría de dictadura del proletariado’

Marcello Musto - Marcello Musto recorre América Latina con la presentación del libro ‘Tras las huellas de un fantasma, la actualidad de Karl Marx’, para provocar el debate sobre el pensamiento marxista.

July 2012
Read more ...
Created: Monday, 18 June 2012 10:17 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Michael Maidan, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Marx & Philosophy Review of Books, June 18, 2012.

 

This collection of essays marking the one hundred and fiftieth anniversary of the composition by Marx of the Grundrisse comprises 32 essays and a Foreword by Eric Hobsbawn. Part I (Critical Interpretations) contains eight interpretative essays on different aspects of the Grundrisse. Part II looks at the history of the composition of the Grundrisse. Finally, part III reviews the history of the publication, translation and international reception of Marx’s 1857-8 notebooks.

June 2012
Read more ...
Created: Saturday, 02 June 2012 16:59 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Antonino Infranca, review of Ripensare Marx e i marxismi, Critica Marxista, 2012.

Ripensare Marx

Non c’è più alcun dubbio che l’attuale crisi del sistema capitalistico ha fatto tornare di grande attualità la “critica roditrice” del più radicale nemico del capitalismo, cioè Karl Marx. Il ritorno di interesse, dopo la caduta dei regimi del socialismo reale, è adesso più libera e più oggettiva, perché la ricerca su Marx non è più legata alla obbligatoria difesa pregiudiziale e ad oltranza di quegli odiosi sistemi politici.

June 2012
Read more ...
Created: Wednesday, 16 May 2012 18:36 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Vera Bessone, review of Ripensare Marx e i marxismi, Corriere Romangna, May 16, 2012.

May 2012
Created: Thursday, 05 April 2012 16:55 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Alfonso Gianni, review of Ripensare Marx e i marxismi, Gli Altri, April 5, 2012.

Marx liberato dai marxiani

Il nuovo libro di Marcello Musto (Ripensare Marx e i marxismi. Studi e saggi, Carocci editore, Roma 2011, pp. 373, euro 33,00) appare fin dal titolo come una raccolta di saggi che l’autore, attualmente professore di Teoria Politica presso la York University di Toronto, ha prodotto lungo l’arco di un quinquennio, tra il 2005 e il 2010.

April 2012
Read more ...
Created: Thursday, 26 January 2012 16:52 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Roberto Ciccarelli, review of Ripensare Marx e i marxismi, Il Manifesto, January 26, 2012.

Un teorico ribelle alla gabbia della realtà

Il volume di Marcello Musto da poco pubblicato da Carocci è una cartografia puntuale sulla riflessione e il progetto di ripubblicare tutte le opere di Karl Marx. Con l'obiettivo di sottrarre l'autore del «Capitale» a una lettura accademica

January 2012
Read more ...
Created: Monday, 16 January 2012 16:49 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Francesca Izzo, review of Ripensare Marx e i marxismi, L'Unità, January 16, 2012.

Riscoprire Marx ostile al socialismo di stato

«Mega2» è il titolo della prima edizione critica che raccoglie tutti gli scritti editi e inediti del filosofo di Treviri. A partire dalla sua lettura Musto scrive un importante contributo sul profilo teorico e umano del pensatore.

January 2012
Read more ...
Created: Sunday, 01 January 2012 19:10 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Fausto Proietti, review of Ripensare Marx e i marxismi, Il Pensiero Politico, 2012.

January 2012
Created: Sunday, 01 January 2012 15:23 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: indonesian

Arianto Sangaji, review of Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, IndoProgress, 2012.

SUATU ketika, Lenin mengatakan, adalah mustahil untuk memahami secara utuh karya Marx tentang Capital, khususnya bab pertama, tanpa melakukan studi dan pemahaman mendalam atas karya Hegel tentang Logic secara keseluruhan. ‘Konsekuensinya,’ demikian Lenin, ‘dalam setengah abad terakhir (di masa Lenin hidup), tak ada seorang pun Marxis yang memahami Marx.’

January 2012
Read more ...
Created: Sunday, 01 January 2012 14:23 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: dutch

Radio Marx, review of Marx for Today, 2012.

Marx for Today 

Na rond 1989 officieel dood te zijn verklaard en verwezen te zijn naar de spreekwoordelijke vuilnisbak van de geschiedenis, was Marx verrassend snel weer terug, en dook op verschillende plaatsen weer op. Voor Marcello Musto, de redacteur van deze verzameling essays over Marx, was er altijd een “terugkeer naar Marx”. Of zoals de eminente poststructuralistische filosoof Jacques Derrida zei: “het is altijd fout Marx niet te lezen, te herlezen en te bediscussiëren” (blz. 4).

January 2012
Read more ...
Created: Sunday, 01 January 2012 10:17 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Yasin Kaya, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Socialism and Democracy, 2012.
 

The existence of the Grundrisse was unknown for more than half a century after Marx’s death, and its texts were not available until almost one century after they had been written. Yet their impact has been momentous. The Grundrisse was first publishedin the midst of Stalin’s ascendancy; it became a point of reference in endeavors to liberate Marxist theory and practice from the Stalinist paralysis.

January 2012
Read more ...
Created: Saturday, 17 December 2011 16:41 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Eduardo Scotti, review of Ripensare Marx e i marxismi, La Repubblica, December 17, 2011.

Rileggere Marx e il pensiero marxista al tempo della crisi economica globale

Marcello Musto insegna Teoria politica alla York University di Toronto. È uno dei quei giovani cervelli napoletani in fuga e accolti come risorsa all' estero.

December 2011
Read more ...
Created: Saturday, 10 December 2011 18:18 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Ángel Vargas, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, La Jornada, October 12, 2011.

El fantasma de Karl Marx comienza a recorrer otra vez el mundo

El italiano Marcello Musto y el mexicano Gabriel Vargas subrayan la vigencia de sus tesis. El socialismo sólo será posible con la participación radical y democrática del pueblo, sostiene el primero.

December 2011
Read more ...
Created: Saturday, 01 October 2011 17:14 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Enrico Guarneri, review of Ripensare Marx e i marxismi, Cassandra, October 2011.

Poche cose sono chiare, ai nostri giorni, quanto l’ urgenza di ricostruire una cultura di opposizione, vera e popolare. Oggi come ieri essa implica una ideologia “di classe” che dia alla lotta coscienza e progetto. E questa comporta un enorme sforzo di divulgazione di quello che resta la grande storia teorica del socialismo e del comunismo attraverso lavori sistematici e persino manualistici (la critica filologica è necessaria ma è faccenda da specialisti).

October 2011
Read more ...
Created: Thursday, 01 September 2011 21:57 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: chinese

Zhang Xiuqing, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, China Book Review, September 2011.

September 2011
Created: Wednesday, 24 August 2011 10:43 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Paresh Chattopadhyay, review of Sulle Tracce di un Fantasma. L’Opera di Karl Marx tra Filologia e Filosofia, Studies in Marxism, 2011.

 

Marx is a disregarded author. The systematization of his critical theory, the impoverishment which has accompanied its divulgation and diffusion, the manipulation and censorship of his writings and their instrumental utilisation for political ends have rendered Marx incomprehensible.

August 2011
Read more ...
Created: Wednesday, 01 June 2011 22:06 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: chinese

Fan Lijun, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Marxism & Reality, June 2011.

June 2011
Created: Wednesday, 01 June 2011 22:02 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: chinese

Xu Changfu, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Marxism & Reality, June 2011.

June 2011
Created: Tuesday, 01 March 2011 11:44 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Gianfranco Ragona, review of Karl Marx, Introduzione alla critica dell'economia politica, Commento storico critico di Marcello Musto, La società degli Individui, 2011.

L’Introduzione alla critica dell’economia politica, oggi ripubblicata in Italia in base a solidi criteri scientifici (Karl Marx, Introduzione alla critica dell’economia politica. Commento storico critico di Marcello Musto, Macerata, Quodlibet, 2010), apparve per la prima volta postuma nel 1903, dopo essere stata abbandonata per quasi mezzo secolo alla «rodente critica dei topi», seguendo in ciò il destino di altre opere marxiane: LIdeologia tedesca, per limitarsi a un solo celebre esempio.

March 2011
Read more ...
Created: Tuesday, 01 February 2011 17:38 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Donatello Santarone, review of Karl Marx, L'alienazione (a cura di M. Musto), Il Manifesto, February 4, 2011.

La prima introduzione al laboratorio marxiano

Nell’ultima settimana dell’agosto 1857, in concomitanza con lo scoppio della prima crisi finanziaria mondiale nella storia del capitalismo, Marx scrisse un testo che intitolò Introduzione e che avrebbe dovuto precedere un lavoro che apparve nel 1859 con il titolo di Per la critica dell’economia politica.

February 2011
Read more ...
Created: Saturday, 01 January 2011 23:00 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: espanol

Oscar Martinez, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, Revista Solar, 2011.

Introducción

Este, a nuestro parecer, es uno de los libros imprescindi- bles en cuanto a la actualidad de Marx y el “marxismo”. Para comenzar, se toma como punto de partida el coloquio internacional celebrado en Nápoles el 2004, en el cual se presentaron una serie de ilustres pensadores y en la que se basa este libro.

January 2011
Read more ...
Created: Saturday, 01 January 2011 17:38 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Enrico Guarneri, review of Karl Marx Introduzione alla critica dell’economia politica, Cassandra, 2011.

I Lineamenti fondamentali dell’economia politica (“Grundrisse”) costituiscono l’agone privilegiato della marxologia, ma anche di una certa tendenza degli approcci iniziali al pensiero di Marx. Si tratta del materiale preparatorio del Capitale, “frutto di quindici anni di studio”, di cui nel’59 Marx redige una accurata “Relazione”, Si tratta di un testo di non facile comprensione, per il quale vale il suggerimento di Jenny Marx di lasciare agli specialisti le cose più tecniche e difficili.

January 2011
Read more ...
Created: Saturday, 01 January 2011 11:09 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Fred Moseley, review of Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Review of Radical Political Economics, 2011.

 

This book is an important addition to the scholarship on Marx’s Grundrisse, on the 150th anniversary of its writing. The book consists of three parts: critical interpretations, Marx’s life at the time of the Grundrisse (including his writings on the economic crisis of 1857-58), and the dissemination and reception of the Grundrisse around the world.

January 2011
Read more ...
Created: Saturday, 01 January 2011 10:15 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Wang Xiaosheng, review of Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years LaterStudies in Marxism, 2011.

 

Although the book is not a monograph, it contains a number of inspiring and informative essays about the life of Marx at the time of his writing the Grundrisse, about the social background of the book, and extensive information on the dissemination and reception of the Grundrisse throughout the world.

January 2011
Read more ...
Created: Saturday, 01 January 2011 10:12 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Joel Wainwright, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Human Geography, 2011.

 

The sesquicentennial of Marx’s Grundrisse 
(1973 [1857]) brought renewed attention to this extraordinary and confounding text, comprised of the notebooks in which Marx took his first steps toward Capital (1867). In his Foreword to this collection, Eric Hobsbawm describes the Grundrisse as “an enormously difficult text in every respect” (p. xxiii), and to make matters more complex, Marx’s notebooks have been subject to a peculiar publication history.

January 2011
Read more ...
Created: Saturday, 01 January 2011 10:10 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Contemporary Sociology: A Journal of Reviews, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Contemporary Sociology, 2011.

 

When Eric Hobsbawm in 1964 edited and introduced Jack Cohen’s translation of a 53- page fragment of Marx’s mighty Grundrisse in his Pre-Capitalist Economic Formations (International Publishers), even committed readers did not notice its importance to Marxology, just as they had failed to register N. I. Stone’s 1904 translation of the Grundrisse’s introduction (overseen by Karl Kautsky) as the vital clarification, the ‘‘missing link,’’ of Capital that it was later claimed to be.

January 2011
Read more ...
Created: Saturday, 18 September 2010 17:22 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Redazione, review of Karl Marx, L'alienazione (a cura di M. Musto), Mobydick, September 18, 2010.

L'alienazione secondo Marx

Forse l'avevamo archiviato troppo presto il vecchio Karl Marx. Certo, per costruire nuove società il Capitale non serve più, ed è sufficiente quello che si è sperimentato nelle disgraziate parti del mondo che hanno visto l'applicazione del cosiddetto socialismo scientifico e delle sue dittature proletarie. Che hanno lasciato panorami di orrore e di macerie, di squallore estetico e morale, di atroci persecuzioni e di infamie senza fine. Però l'analisi di Marx è ancora attuale nel mondo del lavoro a cottimo e interinale, del precariato come condizione di vita, del turbo capitalismo globale che atomizza sempre di più uomini e comunità, disgrega anzioni e rende la solidarietà variabile dipendente. Sicchè sono ancora utili le pagine marxiane sull'Alienazione pubblicate da Donzelli.

September 2010
Created: Wednesday, 04 August 2010 17:25 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Donatello Santarone, review of Karl Marx, L'alienazione (a cura di M. Musto), Il Manifesto, August 4, 2010.

Una vita prigioniera nella gabbia delle merci

Nella sobria ed elegante collanina degli “essenziali” – nata per riprodurre alcuni temi classici utili al presente – l’editore Donzelli propone una sintetica antologia di testi marxiani sul tema dell’alienazione presentati da Marcello Musto. Si tratta di un concetto centrale nella riflessione del filosofo di Treviri che il curatore, docente alla York University di Toronto, colloca nella sua introduzione all’interno della più generale trattazione di questa problematica.

August 2010
Read more ...
Created: Tuesday, 20 July 2010 17:25 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Titoli Marxiani, review of Karl Marx, L'alienazione (a cura di M. Musto), Liberazione, July 20, 2010.  

Titoli marxiani

Tra i titoli marxiani in libreria c'è anche quello di Marcello Musto, Karl Marx, L'alienazione (Donzelli 2010), un'antologia di brani tratti da varie opere. Con Marx, scrive l'autore nell'introduzione, "la teoria dell'alienazione uscì dalle carte dei filosofi per irrompere nelle piazze attraverso le lotte operaie, e divenire critica sociale. Questo fenomeno non coincide con l'oggettivazione in quanto tale, ma con una specifica realtà economica: il lavoro salariato e la trasformazione dei prodotti del lavoro in oggetti che si contrappongono ai loro produttori".

July 2010
Created: Friday, 21 May 2010 17:27 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Corrado Augias, review of Karl Marx, L'alienazione (a cura di M. Musto), Il Venerdì di Repubblica, May 21, 2010.

Segnalati da Augias

In una preziosa collana definita “Gli essenziali” Donzelli pubblica le celebri pagine di Marx diventate, anni fa, manifesto sociale. Il curatore Marcello Musto le correda di prefazione e note. Capire il meccanismo del lavoro in una società capitalistica significa passare dalla libertà del capitale alla libertà umana dell’individuo sociale. 

May 2010
Created: Saturday, 01 May 2010 00:10 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Salvatore Prinzi, review of Karl Marx, L'alienazione (a cura di M. Musto), Associazione Politico-Culturale Marx XXI, May 1, 2010.

Nell’autunno del 2008, a crisi conclamata, sull’asfalto di Parigi iniziò a comparire il faccione di Marx, accompagnato da un’ironica dicitura: ça arrive - “succede”, “capita”, ma anche: “manca poco”, “sta arrivando”.

May 2010
Read more ...
Created: Wednesday, 21 April 2010 23:23 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Alex Marshall, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Critique, April 21, 2010.

 

Blessed with an elegant introduction by Eric Hobsbawm, this substantial collection of essays to commemorate the anniversary of the writing of Karl Marx's groundbreaking 1857–58 notebooks on political economy—the core from which Capital subsequently emerged—represents a highly interesting and ambitious project.

April 2010
Read more ...
Created: Friday, 01 January 2010 17:37 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews

Giuseppe Cospito, review of Karl Marx, Introduzione alla critica dell'economia politica, Critica Marxista, 2010.

L’Introduzione del 1857

Nei Quaderni del carcere Gramsci critica gli sviluppi dell’economia marxista, in particolare in Urss, osservando come quella dovrebbe essere una disciplina «critica», a differenza di quella accademica che riflette incessantemente sui propri metodi e strumenti di analisi, «si vale troppo spesso di espressioni stereotipate, e si esprime in un tono di superiorità a cui non corrisponde il valore dell’esposizione» (A. Gramsci, Quaderni del carcere, a cura di V. Gerratana, Torino, Einaudi, 1975, vol. III, p. 1803). Per ovviare a questo limite egli ritiene necessaria un’«introduzione metodico-filosofica ai trattati di economia», prendendo a modello le «prefazioni al primo volume di Economia critica» (vale a dire Il Capitale) e alla «Critica dell’Economia politica» (ivi, p. 1844), cioè la celeberrima Prefazione del 1859.

January 2010
Read more ...
Created: Thursday, 01 January 2009 10:07 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

John Hoffman, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Science and Society, 2009.

 

Each day brings speculation as to whether the economic crisis sweeping the globe will plunge society into the depths of a depression comparable to that of 1929-31. It is ironic that, since the collapse of the Communist Party states almost 20 years ago, Marxism has been largely cast aside and yet today we face an economic crisis of epic proportions.

January 2009
Read more ...
Created: Thursday, 01 January 2009 10:06 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: english

Feiyi Zhang, review of Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, International Socialism, 2009.

 

The current global financial meltdown highlights the need to both grasp and apply Karl Marx’s analysis of the crisis-prone and exploitative capitalist economy. The Grundrisse is a manuscript in which Marx elaborated his plan for his major work, Capital, and developed his understanding of the central characteristics of capitalism.

January 2009
Read more ...
Created: Monday, 01 September 2008 21:36 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: deutsch

Jan Hoff, review of Karl Marx's Grundrisse. Foundations of the Critique of Political Economy 150 years later, 2008.

Das 150-Jahre-Jubiläum der Marxschen Grundrisse der Kritik der politischen Ökonomie von 1857/58 hat in der internationalen Fachwelt – im Gegensatz zur breiteren Öffentlichkeit – erhebliche Resonanz hervorgerufen. Die große Rezeptionswelle der späten 60er und der 70er Jahre, die nicht zuletzt durch Roman Rosdolskys umfangreichen Kommentar von 1968 inspiriert wurde, ist längst abgeklungen. Dennoch bilden die Grundrisse einen ständigen Bezugspunkt in der internationalen Debatte zur Kritik der politischen Ökonomie. In diesem Zusammenhang steht auch der vorliegende Sammelband.

September 2008
Read more ...
Created: Monday, 01 January 2007 16:55 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Massimiliano Tomba, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Filosofia Politica, 2007.

Il volume Sulle tracce di una Fantasma. L’opera di Marx tra filologia e filosofia, edito da manifestolibri e curato da Marcello Musto, raccoglie gli interventi di un omonimo convegno internazionale tenutosi a Napoli nell’aprile del 2004.

January 2007
Read more ...
Created: Monday, 01 January 2007 10:45 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: deutsch

Frieder Otto Wolf, review of Sulle Tracce di un Fantasma. L’opera di Karl Marx tra Filologia e Filosofia, Das Argument, 2007.

 

In sechs Abteilungen geht dieses Buch über Derridas These vom unvertreibbaren >Gespenst< hinaus, indem es dessen Spuren so kompetent nachgeht, dass es ein ^Heute für Marx^^ in Anspruch nehmen kann. Nachdem herausgearbeitet wurde, was die MEGA² für ein zeitgenössisches Verständnis des Marxschen Werkes bedeutet (Manfred Neuhaus, Gerald Hubmann, Izumi Omura und Malcolm Sylvers, 31-115), stellt sich ein zweiter Abschnitt den beiden großen Lücken der marxistischen Tradition, der unausgearbeiteten ^Kritik der Philosophie^^ und dem für das Projekt eingreifender Theorie besonders gravierenden Fehlen einer ^Kritik der Politik^^ (Mario Cingoli, Peter Thomas, Giuseppe Cacciatore, Marcello Musto, Gianfranco Borrelli und Stathis Kouvelakis, 117-207).

January 2007
Read more ...
Created: Monday, 01 January 2007 08:56 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Marco Bertorello, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Erre, 2007

1. Filologia e filosofia nella Marx-Engels-Gesamtausgabe (MEGA²)

Ad oggi siamo ancora privi di un'edizione integrale e scientifico-critica delle opere di Marx e, tuttavia, è in corso da qualche anno un risveglio d’interesse per lo studio di questi scritti.

January 2007
Read more ...
Created: Saturday, 25 November 2006 22:41 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Angelo D’Orsi, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, La Stampa, November 25, 2006.

November 2006
Created: Wednesday, 08 November 2006 16:14 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews

Fabiola Quijas, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, La Jornada, November 8, 2006.

Una visión multifacética de varios autores de China, Japón y Europa sobre diversos temas alusivos a Karl Marx y el marxismo, se reúne el libro En la pista de un fantasma: las obras de Karl Marx entre la filología y la filosofía.

November 2006
Read more ...
Created: Friday, 20 October 2006 15:26 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Giuseppe Manzo, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, La Rinascita della Sinistra, October 20, 2006.

Il ritorno di Karl Marx

Pochi pensatori hanno scosso il mondo come Karl Marx, ma, paradossalmente, ancora oggi Marx rimane un autore «misconosciuto» e privo di un’edizione integrale e scientifica delle sue opere. E’ per questo che l’ottimo e corposo volume, Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, a cura di Marcello Musto (Manifestolibri 2005, pp. 392, € 30), costituisce uno dei più interessanti e importati contributi alla riscoperta e all’interpretazione dell’opera di Marx.

October 2006
Read more ...
Created: Thursday, 27 April 2006 17:30 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Roberto Monicchia, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Miscropolis, April 27, 2006.

L'opera del fantasma

Avviato nel 1975 nella Ddr, il secondo tentativo di edizione integrale delle opere di Marx ed Engels (Marx-Engels, Gesamtausgabe, Mega), è entrato in crisi dopo il 1989. Il progetto avviato da Rjazanov negli anni ‘20 era stata interrotto dallo stalinismo, quello nuovo sembrava affondare con il socialismo reale.

April 2006
Read more ...
Created: Tuesday, 14 March 2006 16:48 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Vincenzo Moretti, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, La Stampa, March 14, 2006.

Studiare Marx. Quello vero!

Si può ritenere Karl Marx “un autore misconosciuto, vittima di una reiterata incomprensione”?

March 2006
Read more ...
Created: Sunday, 01 January 2006 17:19 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Lidia Cirillo, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Erre, 2006.

Per una nuova esplorazione di Marx

Vi ricordate la “crisi del marxismo”? Dalle nostre parti politiche si reagì con rituali esorcistici ( o con quelli che allora potevano apparire tali) sull’attualità ontologica di Marx, a testimonianza più dell’irriducibilità della nostra passione che della nostra lucidità intellettuale.

January 2006
Read more ...
Created: Sunday, 01 January 2006 10:47 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Vincenzo Moretti, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Rassegna Sindacale, 2006.

Si può ritenere Karl Marx “un autore misconosciuto, vittima di una profonda e reiterata incomprensione”? A leggere l’introduzione di Marcello Musto, curatore di questo interessante, rigoroso, sorprendente, volume, sì.

January 2006
Read more ...
Created: Monday, 03 October 2005 15:22 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Carla Fabiani, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Recensioni filosofiche, October 03, 2005.

 

«D’altra parte, come diceva Arnaldo Momigliano, a non leggere non succede nulla» Livio Sichirollo.

È in libreria il volume che raccoglie le relazioni presentate alla Conferenza Internazionale Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, svoltasi a Napoli dal 1 al 3 aprile del 2004.

October 2005
Read more ...
Created: Thursday, 29 September 2005 16:46 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews

Liberazione, 29 settembre 2005

MARX SENZA PARTITI NEL MONDO

Se c'è stato un autore contemporaneo il cui pensiero sia stato studiato, interrogato, rielaborato di pari passo con le vicende storiche, questo risponde al nome di Marx.

Negli oltre cento anni che ci separano dalla sua morte le opere del filosofo tedesco non sono state semplicemente oggetto di studio accademico.

Non che nella storia del marxismo siano mancati dissidi intorno a oggetti teorici - in apparenza - evanescenti.

September 2005
Read more ...
Created: Thursday, 29 September 2005 11:12 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Autori Vari, review of On the Tracks of a Spectre: The Works of Karl Marx between Philology and Philosophy, Liberazione, September 29, 2005.

Se c'è stato un autore contemporaneo il cui pensiero sia stato studiato, interrogato, rielaborato di pari passo con le vicende storiche, questo risponde al nome di Marx.

Negli oltre cento anni che ci separano dalla sua morte le opere del filosofo tedesco non sono state semplicemente oggetto di studio accademico.

Non che nella storia del marxismo siano mancati dissidi intorno a oggetti teorici - in apparenza - evanescenti.

Eppure mai è accaduto che le sottigliezze dialettiche rimanessero confinate nelle aule universitarie e non proiettassero le proprie conseguenze sul mondo reale degli uomini in carne e ossa.

La storia del marxismo testimonia una singolare commistione tra teoria e pratica, favorita dalla nascita di un movimento operaio organizzato e di partiti politici che, ancor prima della morte di Marx, si richiamavano esplicitamente alle sue analisi.

Gli scritti marxiani sono stati continuo oggetto di rivisitazione, scandagliati negli angoli più reconditi per trovare, di volta in volta, le risposte alle sollecitazioni poste dalla storia.

Lo stesso corpo teorico del marxismo si è arricchito, strada facendo, delle sedimentazioni successive.

La ricezione degli scritti marxiani è avvenuta nel fuoco degli eventi tormentati del Novecento e non c'è idea di Marx che non abbia dovuto fare i conti con le sfide della storia.

Ma cosa è accaduto dopo il crollo dell'Urss e di gran parte dei paesi dell'ex blocco socialista, dopo il ridimensionamento drastico di tanti partiti comunisti e del movimento operaio nel suo complesso? Quale Marx è rimasto in dotazione alla nostra epoca e ai - non molti - marxisti ancora in circolazione? "Nonostante l'affermazione delle sue teorie, trasformate nel XX secolo in ideologia dominante e dottrina di Stato per una gran parte del genere umano e l'enorme diffusione dei suoi scritti, egli rimane, ancora oggi, privo di un'edizione integrale e scientifica delle proprie opere".

La divulgazione e la promiscuità con la politica non avrebbe granché giovato alle sorti dell'opera marxiana, secondo questo profilo tracciato nel volume apparso di recente con il titolo Sulle tracce di un fantasma.

L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia (Manifestolibri, a cura di Marcello Musto, pp. 392, euro 30,00) che raccoglie gli atti di un omonimo convegno napoletano dello scorso anno, con scritti - tra gli altri - di Domenico Jervolino, Enrique Dussel, Domenico Losurdo e Giuseppe Cacciatore.

Cessata l'ingerenza della politica, la comunità dei marxisti si trova oggi davanti al progetto della nuova edizione storico-critica delle opere complete di Marx ed Engels, la cosiddetta Mega2 - della quale riferiscono Manfred Neuhaus, Gerald Hubmann, Izumi Omura e Malcom Sylvers.

La sconfitta epocale del movimento operaio si tramuterebbe, per incanto, in una fortuna.

"Liberata dall'odiosa funzione di instrumentum regni" - scrive Marcello Musto nell'introduzione - l'opera di Marx riemerge nella sua "originale incompiutezza", "riconsegnata ai liberi campi del sapere".

Non che la cosa abbia a che fare con il rigore scientifico che sostiene il progetto editoriale della Mega2, ma il nostro tempo sembra in qualche modo succube della suggestione del ritorno a un presunto Marx originario, a un incontaminato grado zero depurato da tutte le incrostazioni della storia successiva - che sarebbe poi il Novecento.

Quel che continua a essere insegnato e studiato nelle aule universitarie - poche a dire la verità - è un Marx senza partiti, un corpo di teorie incompiute di cui si può dissertare senza che nessun partito, nessun soggetto collettivo abbia ad averne conseguenze nei destini futuri e nella pratica.

Anche quando prevale l'assillo dell'azione, il desiderio di trasformare il mondo e i rapporti sociali, le letture dell'opera marxiana mettono l'accento sulla tensione etica degli scritti giovanili piuttosto che, ad esempio, sulle teorie politiche del partito e dell'organizzazione del Marx del Manifesto.

Semmai c'è la tendenza a sottolineare la crisi di qualsiasi soggetto forte e monolitico - della "metafisica del soggetto produttore", secondo l'espressione di André Tosel.

Qual è, al livello teorico, il marxismo espresso dalla nostra epoca? - si chiede Roberto Finelli.

La II e III Internazionale hanno avuto per riferimento il "marxismo della contraddizione", quella tra forze produttive e rapporti di produzione.

Nel dopoguerra è subentrato il "marxismo dell'alienazione" basato sulla teoria antropologica dell'uomo rovesciato nei prodotti del lavoro alienato.

Alla nostra epoca spetterebbe, invece, un "marxismo dell'astratto" che renda conto di come, oggi, il capitale svuota dall'interno il mondo concreto degli oggetti e dei bisogni umani.

Cose e uomini sopravvivono in superficie, ma tutto è incorporato nel meccanismo di un'accumulazione quantitativa.

Ma quel che rischia di scomparire dalla scena di un capitale astratto e senza volto è, appunto, la storia, la politica, i partiti, l'iniziativa e la resistenza delle classi subalterne.

Degli uomini in carne e ossa.

da Liberazione del 12 ottobre 2005

MA LA RIVOLUZIONE OGGI CHI LA FA? AGGIORNIAMO MARX

Il filosofo è davvero rimasto senza partiti? La domanda torna attuale dopo la pubblicazione degli atti del convegno napoletano "Sulle tracce di un fantasma". Gli studi marxisti sono soltanto accademici o hanno efficacia politica?

di Roberto Finelli

Nella sua recensione a un libro di più autori sull'attualità di Marx, pubblicato dalla "manifestolibri" (Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, a cura di Marcello Musto) Tonino Bucci ha avuto facile gioco ad accusare di astrazione il "marxismo dell'astrazione", che propongo nel mio intervento come chiave di lettura del capitalismo attuale e del postmoderno e come un marxismo molto più attuale rispetto ad altri marxismi classici, quali quelli che io ho chiamato rispettivamente della contraddizione e dell'alienazione, che hanno occupato la scena del '900 e che a mio avviso rappresentano ormai armi spuntate nella lotta culturale e politica.

Un'interpretazione di Marx come la mia che parla del capitale come di un universale astratto, perché la ricchezza che tende ad accumulare è di natura solo quantitativa - e una ricchezza che è solo quantità tende proprio per la sua natura a un'espansione sempre più ampia - sarebbe una lettura solo intellettualistica, caratteristica delle aule universitarie, dove sono assenti i soggetti reali della storia e della lotta sociale, gli esseri umani in carne ed ossa, le classi, le organizzazioni, i partiti e così via.

Ora, oltre al fatto che io non riesco a vedere neppure un'aula universitaria in cui si facciano sistematicamente lezioni su Marx (ma neppure Bucci, a dire il vero, ne vede molte), vorrei in poche righe precisare qualche cosa.

Ovviamente per chi è dotato di buon senso e di un sano empirismo è naturale che ci siano i capitalisti, anziché il capitale in generale, che ci siano i lavoratori e le lavoratrici, nella loro individualità di esseri umani, anziché il lavoro o la forza-lavoro in generale: che ad operare nella realtà concreta ci siano gli individui, i loro raggruppamenti sociali con le loro attività economiche, le loro organizzazioni sindacali e politiche, anziché degli astratti fattori universali di socializzazione e di riproduzione della vita collettiva.

Insomma appare ovvio che nella realtà non ci sono gli "universali", che sarebbero solo funzioni della logica del pensare o astrazioni della metafisica.

Eppure a me sembra che quando Marx scrive Il capitale definisca delle regole di funzionamento economico, di gestione della produzione, di uso e comando della forza-lavoro, di accumulazione e di vendita, che sono sostanzialmente impersonali e universali, perché valide per ogni capitale particolare e individuale, indipendentemente dalla persona del singolo capitalista che lo gestisce, dal tipo di merce che viene prodotta, dalla localizzazione nazionale dell'impresa.

Caratteristica impersonale e universale del capitale in quanto tale, che dipende dalla natura appunto identica e astratta della ricchezza che, a ben vedere, ogni singolo capitale produce, al di là dei tanti valori d'uso in cui l'accumulazione astratta del denaro poi si realizza.

E mi sembra che tale verità universale del capitale in generale, e dunque del Capitale di Marx, da sempre vera, stia divenendo per altro realtà innegabile ed evidente solo oggi, dato che la globalizzazione, pur con tutte le sue violentissime disuguaglianze e asimmetrie, appare essere proprio la messa in verità del Capitale di Marx: ossia di un'accumulazione di ricchezza astratta che s'è fatta talmente soggetto dominante e tendenzialmente assoluto del mondo contemporaneo da superare i confini e il potere dello Stato-nazione e da muoversi con grande velocità di trasferimento finanziario e produttivo, per cogliere nell'intero pianeta le occasioni più propizie per la propria crescita ed espansione.

Con l'aggiunta che, soprattutto nell'Occidente avanzato, il passaggio dal fordismo al postfordismo, dalla produzione materiale alla produzione immateriale, ha significato l'approfondimento del capitalismo non solo in senso orizzontale, a diffusione planetaria, ma in senso anche verticale, quanto a pervasività nella coscienza e nell'interiorità della forza-lavoro.

Perché la rivoluzione informatica e l'applicazione della nuova forza-lavoro mentale alle macchine dell'informazione ha implicato, non come taluni declamano, far entrare la conoscenza nella produzione, quanto mettere al lavoro, in modo passivo e subalterno, in una sorta di colonizzazione interiore, le qualità cognitivo-immateriali dei singoli, l'intelligenza e le loro doti apparentemente più personali.

Per dire cioè che quei valori di autorealizzazione e autenticità del proprio sé, che sono stati alla base delle rivolte sociali degli anni '60 e '70, sono finiti coll'essere rovesciati, anche con il contributo determinante della "sinistra", della maggioranza del sindacato, e della loro arrendevolezza alla seduzione del progresso tecnico, in una forza produttiva della modernizzazione capitalistica, in una "soggettivazione normativa del lavoro", per usare una felice espressione di Axel Honneth.

Non che questo processo di totalizzazione del capitale non trovi i suoi limiti nella resistenza, quando si dà, della forza-lavoro e dei ceti subalterni, a motivo delle condizioni di vita generali terribilmente peggiorate, oltre che nei limiti naturali del mondo-ambiente.

Ma, a meno di non finire nelle braccia fabulatrici di Tony Negri e dei nuovi sofisti che vedono nel "comune" linguistico e comunicativo delle reti informatiche il nuovo soggetto rivoluzionario, preparato bell'è e pronto dalla tecnica, la questione, maledettamente seria, della costituzione, sociale e politica, di nuove soggettività dell'emancipazione non può non fare i conti con questa realtà della diffusione capitalistica dell'astratto, che più che cancellare e negare il mondo del concreto, lo colonizza e lo svuota dall'interno, lasciando solo la brillantezza fittizia di una superficie, che è terreno postmoderno di seduzione ideologica e di cultura del frammento.

da Liberazione del 3 novembre 2005

LA POLITICA HA FATTO MALE AL MARXISMO

di Cristina Corradi

Proverò a spiegare perché non condivido le critiche che Tonino Bucci, nella recensione del volume collettaneo Sulle tracce di un fantasma.

L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia recentemente pubblicato da Manifestolibri, ha rivolto in modo particolare al saggio di Roberto Finelli e all'introduzione del curatore, Marcello Musto.

Nella sua replica, apparsa su Liberazione, Finelli ha spiegato come e perché il marxismo dell'astratto - alternativa contemporanea al vecchio marxismo della contraddizione tra forze produttive e rapporti di produzione e al marxismo dell'alienazione di una soggettività presupposta - sia ben lungi dal prospettare un ritorno puramente accademico a Marx, un ritorno ad una fonte incontaminata, che rimuoverebbe la storia del Novecento e dimenticherebbe i conflitti sociali, l'attività dei partiti, gli esseri umani in carne ed ossa.

La prospettiva del marxismo dell'astratto consente, infatti, di leggere criticamente, anziché apologeticamente, l'approfondimento postmoderno, orizzontale e verticale, dei rapporti sociali capitalistici; permette di tenere aperta, anziché di dare illusoriamente per risolta, la questione della costruzione di "nuove soggettività dell'emancipazione"; rende possibile, infine, svelare i meccanismi attraverso i quali si riproduce e si dissimula l'unico, autentico totalitarismo sopravvissuto al secolo breve.

Ammesso che sia possibile evincere un profilo unitario in un volume che raccoglie contributi di taglio diverso su differenti temi e fasi del pensiero marxiano, è fuorviante, a mio avviso, riassumere il senso del convegno di Napoli nel tentativo di spezzare il rapporto tra teoria marxiana e politica.

Nel sottolineare le opportunità di rilettura offerte da un'edizione integrale e scientifica delle opere di Marx, dopo la fine di un'epoca storica in cui il filosofo di Treviri era forzosamente inserito in una ideologia di legittimazione di un sistema di Stati e di partiti socialisti, Marcello Musto non individua nella filologia un succedaneo della politica o uno strumento magico per trasformare "in una fortuna" una "sconfitta epocale del movimento operaio"; ma sollecita noi, che aderiamo ad un progetto di rifondazione del comunismo, a profondere energie in una rivisitazione più problematica della critica marxiana della politica e dell'economia, capace di contribuire alla costruzione di un rinnovato marxismo. Richiamando la singolare commistione tra teoria e prassi che caratterizza la storia del marxismo, Bucci lascia trasparire un certo scetticismo nei confronti del ruolo dell'impegno teorico, di quella che Althusser chiamava la lotta di classe nella teoria.

D'accordo con quanto ha evidenziato Roberto Fineschi, curatore di un altro recente volume (Karl Marx.

Rivisitazioni e prospettive, Mimesis), io credo invece che proprio un malinteso, e apparentemente più rivoluzionario, primato della prassi e della politica, che ha fatto saltare le necessarie mediazioni tra l'analisi del modo di produzione capitalistico e la politica del movimento operaio, annichilendo la dimensione teorica e avallando l'empirismo politico, abbia nuociuto molto al marxismo novecentesco e abbia concorso alla crisi esplosa già alla fine degli anni '70, ben prima del crollo dell'Urss.

Animato da una volontà di trasformazione della realtà, Marx ha dedicato sforzi giganteschi all'interpretazione del mondo, immergendosi, dopo la sconfitta della rivoluzione del '48, nello studio dell'economia politica e nella rilettura della Logica hegeliana; animato dalla volontà di realizzare la rivoluzione in Europa, Gramsci, a seguito della sconfitta del movimento consiliare, ha rimesso in discussione la riduzione neoidealistica di Marx a Machiavelli del proletariato e ha riscoperto lo spessore e l'originalità della filosofia marxiana.

Forse, dopo la sconfitta e la rivoluzione passiva degli ultimi trent'anni, dovremmo imparare anche noi a prendere sul serio il lavoro teorico.

da Liberazione del 19 novembre 2005

PERCHÉ IN LIBRERIA TROVO TUTTO DI TONI NEGRI E MAI NIENTE DI CARLO MARX?

di Riccardo Bellofiore

Un intervento recente di Tonino Bucci ha preso spunto dal volume curato da Marcello Musto Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia (Manifestolibri, 2005) ed è stato oggetto di repliche da parte di Roberto Finelli e di Cristina Corradi.

Bucci si è limitato a lanciare una provocazione, che Finelli e Corradi hanno inteso invece come una recensione: di più, come un attacco al "marxismo dell'astratto".

Bucci lancia tre sassi.

Il primo riguarda la tendenza di alcune pubblicazioni recenti a vedere in Marx un 'classico': liberato, grazie al crollo del socialismo reale, da ogni commistione con la realtà.

Non vedo come si possa dar tutti i torti a Bucci: il sottotitolo del libro di Musto è inequivocabile.

Ora, Marx pensava, a ragione o a torto, di essere uscito dalla filosofia e dall'idealismo; e non me lo vedo entusiasta nell'essere ridotto a oggetto di esercizi filologici.

Il secondo sasso è lo scetticismo rispetto ad un atteggiamento, quale quello difeso da Corradi, che istituisce una separazione troppo netta tra interpretazione e trasformazione della realtà sociale, e che privilegia l'aspetto filosofico.

Anche qui, a me pare si debba prendere Marx per quello che ha voluto essere: un critico dell'economia politica che era anche, ad un tempo, un economista politico critico.

Un analista dei rapporti sociali di produzione per il quale rappresentazione della, e intervento sulla, realtà sono soggetti a mediazioni ma inseparabili.

Qualcosa che è legato a filo doppio alla capacità di farsi sangue e carne, all'agire antagonista di una classe sociale determinata, segnata da una contraddizione fondamentale.

Certo, Bucci ed io prendiamo qui strade diverse.

A lui interessa, mi pare, più la dimensione politico-partitica che quella politico-sociale della classe, dove per me il partito serve solo se è strumento della seconda. Solo dunque se si rompe nella sostanza con l'eredità leninista. Il terzo sasso riguarda il rischio del marxismo dell'astratto di costruire una immagine primo-francofortese di una totalità chiusa. Tutto viene incorporato nel meccanismo di un'accumulazione quantitativa che dà vita ad un universo sempre più deconcretizzato. È un rischio che va riconosciuto come reale. Sta qui l'attacco contro Finelli. È d'altra parte singolare che Bucci, dei molti interventi dentro la logica del Marx (più che del marxismo) dell'astratto presenti nel volume di Musto, ne abbia visto solo uno, quello più compromesso con quel rischio. Basta andarsi a leggere i saggi di Reuten, o di Arthur, o il mio, per avere prospettive ben diverse, immuni da quelle critiche.

E Bucci non può non sapere che del Marx dell'astratto sono presenti altre versioni che sfuggono all'esito che lui condanna, quali quelle della rivista Vis-à-Vis o di Raffaele Sbardella.

Nei confronti di Finelli (autore verso cui ho dei debiti importanti nella mia lettura di Marx), l'obiezione di Bucci ha però una sua parziale validità.

L'astratto è qui un Soggetto che si autoaccresce senza limiti, in un circolo che al più può trovare una "resistenza" - fondata in non si sa bene cosa dal punto di vista categoriale, visto che il lavoro è ridotto unilateralmente alla sola dimensione della forza-lavoro.

Qui la risposta di Finelli a Bucci è intelligente: il Marx dell'astratto sarebbe un Marx oggi ancora più vero, in quanto solo oggi il lavoro e la totalità assumerebbero quei caratteri.

Così, il marxismo dell'astratto di Finelli può rovesciarsi in analisi della realtà capitalistica così come ce la troviamo squadernata davanti. È però una risposta pericolosa nei suoi esiti.

Marx viene ortodossamente richiamato, al di là delle cautele verbali, in una sua supposta purezza originaria, ridotto allo statuto di un profeta.

E per spiegare la fine di una egemonia dovremmo rifugiarci nella ricerca di una nuova antropologia.

Quello che il Marx dell'astratto può dare è ben di più, se vi si vede innanzi tutto un problema.

È quello che ci hanno insegnato letture come quelle di Colletti, Napoleoni, Rubin: da cui dobbiamo imparare superando le loro impasse.

In due righe si tratta di questo.

Il valore è un "fantasma" che "prende corpo" nella merce-moneta, sicché il lavoro astratto delle merci si "espone" nel lavoro concreto che produce l'oro.

Come capitale, il valore mira a produrre sistematicamente più valore, in una spirale.

Ma, a differenza dell'Idea hegeliana, ciò al capitale non può riuscire, a meno di un costante e sempre incerto processo di "interiorizzazione" e sussunzione di quell'altro, rispetto al lavoro morto, il lavoro vivo, che pur sempre è erogato da una forza-lavoro "appiccicata" ad esseri umani.

Per questo il capitale è un morto che torna a vivere come "vampiro", e tanto lo sviluppo quanto la crisi vanno spiegati a partire da quel centro che è il processo immediato di valorizzazione.

Il lavoro vivo, però, va erogato secondo un tempo di lavoro socialmente necessario che dipende dalle tecniche medie, ma anche dal bisogno sociale (possiamo dire, dopo Keynes, dalla domanda "autonoma").

E la sua messa in moto dipende da una ante-validazione monetaria (possiamo dire, dopo Schumpeter, dal sistema bancario).

Già qui è evidente che Marx non ci basta.

Per dirne una: la teoria della moneta-merce non è accettabile, e senza di essa il rimando del valore al lavoro sembra entrare in crisi.

La sua argomentazione non può perciò essere mantenuta nei termini originali: va ricostruita.

È chiaro pure che la storia, la politica, gli esseri umani in carne ed ossa entrano in gioco.

Ce lo dice proprio lo schema dialettico quando mostra come la totalità non riesce a chiudersi automaticamente su se stessa.

Così, il circolo della totalità si apre all'intervento dei soggetti e delle classi, nei suoi snodi cruciali: il comando sulla moneta come capitale all'apertura del circuito, l'antagonismo sulla prestazione lavorativa nella produzione, la gestione politica della domanda effettiva nella circolazione finale delle merci.

Insomma: Marx ci lascia una eredità insuperata sul momento centrale della totalità.

Per il resto, fare oggi come Marx significa non accontentarsi di Marx, adottandone però la lezione di metodo.

Che ci impone il programma di costruzione di una economia politica critica (dunque, anche, di una critica dell'economia politica del '900) sugli altri aspetti del ciclo del capitale, all'altezza dei nostri tempi.

E ci impone di vedere nel lavoro astratto non un lavoro sempre più "deconcretizzato" - perché il lavoro nella produzione è sempre tanto concreto quanto potenzialmente astratto, e l'astrazione latente nella produzione si attualizza soltanto nello scambio finale - ma un lavoro le cui caratteristiche concrete (in certe fasi davvero più "relazionali", più "ricche", con maggiore "autonomia") sono dettate, costruite e limitate dal capitale.

Dentro il ciclo aperto del conflitto e della ristrutturazione.

Se abbiamo perso è soprattutto perché non siamo stati in grado di ricostruire adeguatamente la trasformazione morfologica del capitale.

Farlo significherebbe rilanciare la sfida della teoria marxiana dove la centralità dell'economico rimanda alla contraddizione forza-lavoro/lavoro vivo che si dà, necessariamente e sistematicamente, al suo interno: sfuggendo così alla tenaglia di chi vede la classe sempre disperatamente subalterna o sempre miracolosamente riunificata.

Qui si apre il vero problema.

Come può darsi una ricerca del genere, al di là degli sforzi dei singoli? Bucci scrive su un giornale comunista, quotidiano di un partito comunista.

Non sono loro che dovrebbero essere i veri destinatari di un discorso che si chiede quale sia il valore d'uso per noi di Marx? Chi si deve preoccupare del fatto che tutto di Toni Negri sia disponibile nelle librerie, mentre di Marx quasi niente? Chi può impiegare tempo e denaro in una casa editrice che di questa eredità si curi? Non dovrebbero tanto il giornale quanto il partito impegnarsi in una ricerca che faccia del riferimento ad un Marx problematizzato e non imbalsamato, qualcosa in grado di orientare per davvero l'inchiesta sociale e l'indagine economica, fino a definire l'interpretazione del capitalismo contemporaneo e le linee di politica economica in modo un po' meno abborracciato ed eclettico? Ma se c'è un luogo dove Marx, al di là di un riferimento ideale privo di ricadute concrete, pare ridondante, e il discorso degli economisti si riduce a un po' di keynesismo e di sraffismo banalizzati, mi sembra proprio questo quotidiano, e spesso l'elaborazione del partito: per cui è bene che il mio discorso si chiuda qui.

da Liberazione del 6 dicembre 2005

SIATE MARXISTI, NON SIATE IMPOLITICI

Quale Marx per il XXI secolo. Una risposta polemica ai precedenti interventi e all'opzione del cosiddetto marxismo dell'astrazione

di Luigi Cavallaro

Il dibattito su "quale Marx per il XXI secolo", avviatosi su questo giornale grazie agli interventi di Roberto Finelli e Cristina Corradi in replica alla recensione di Tonino Bucci al volume collettaneo curato da Marcello Musto (Sulle tracce di un fantasma.

L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Manifestolibri, 2005), ha già evidenziato i nodi dai quali non può prescindere qualunque ripresa della discussione sul lascito teorico e politico del pensatore di Treviri.

In primo luogo, infatti, è emersa la necessità di un approccio rigoroso (soprattutto filologicamente), che non soltanto valga a stabilire una volta per tutte "che cosa esattamente ha scritto Marx", in modo da differenziarlo da quanto è imputabile all'intervento sul Nachlass dei suoi molteplici editori e glossatori, ma soprattutto a fissare qualche limite a quel continuo "sollecitare i testi" che assai spesso inclina a sovrapporre intentio auctoris, intentio operis e intentio lectoris, vale a dire cose che sarebbe bene tener distinte.

Sotto questo profilo, ha ragione Corradi a sostenere - richiamando quanto affermato da Roberto Fineschi nell'introduzione ad un volume al quale anche chi scrive ha contribuito (Karl Marx.

Rivisitazioni e prospettive, Mimesis, 2005) - che è stato "proprio un malinteso, e apparentemente più rivoluzionario, primato della prassi e della politica" a far saltare "le necessarie mediazioni tra l'analisi del modo di produzione capitalistico e la politica del movimento operaio"; l'importante, aggiungerei, è non illudersi che i frutti, che speriamo copiosi, dello scavo filologico possano poi autorizzare Tizio o Caia a professarsi, che so, "marxiano" invece che "marxista": l'unico che poteva dire "je ne suis pas marxiste" è stato, appunto, Marx; i suoi interpreti non possono non esserlo (s'intende, ammesso che lo vogliano).

D'altra parte, è pur vero che la discussione odierna su Marx non ha nulla di quel tempo in cui - per dirla con Bucci - le "sottigliezze dialettiche", lungi dal restare "confinate nelle aule universitarie", proiettavano "le proprie conseguenze sul mondo reale degli uomini in carne e ossa", né la differenza è dovuta solo al fatto che non ci sono poi così tante aule universitarie dove si discuta di Marx.

Il problema, piuttosto, mi pare costituito dal fatto che, nonostante il "marxismo dell'astrazione" possa senz'altro rivendicare una fedeltà all'intentio operis di Marx di gran lunga superiore al "marxismo del comune" di ascendenza negriana (dominato, all'opposto, da un'intentio lectoris così prepotente da dimenticare i "diritti" del testo), sono o rischiano di essere radicalmente "impolitiche" le implicazioni che da esso si possono derivare.

Provo a spiegarmi.

Quale fu l'implicazione politica principale del "marxismo della contraddizione", cioè di quello che dominò l'epoca della Seconda e Terza Internazionale e che assumeva come proprio perno la contraddizione tra "forze produttive" e "rapporti di produzione"? Essenzialmente, quella di porre la rivoluzione all'ordine del giorno.

Il fatto che quest'ultima non sempre si sia data in forme giacobine e che là dove si diede abbia prodotto risultati talvolta perfino esecrabili nulla toglie alla capacità di questo marxismo di mobilitare milioni di donne e uomini, che avranno magari avuto come obiettivo l'"assalto al cielo", ma intanto venivano a partecipare per la prima volta alla vita politica e sociale.

E negli anni Sessanta, quando cominciarono a circolare i testi giovanili di Marx, cosa si dedusse dal "marxismo dell'alienazione"? Essenzialmente, che le strutture politiche e sociali che erano emerse dalla guerra civile europea (e poi mondiale) del 1914-1945 erano, all'Est come all'Ovest, ancora profondamente infettate dalla Trennung (scissione, ndr), per cui né i lavoratori abitanti nel "campo socialista" né tanto meno i loro omologhi del "campo capitalista" erano riusciti a sussumersi le condizioni della propria produzione e riproduzione, che continuavano al contrario a dominarli, seppure sotto forma di movimento "politico" (e non più solo "di cose").

E fu la critica al capitale, certo, ma soprattutto ai partiti tradizionali e allo Stato, alle istituzioni universitarie, scolastiche, sanitarie, ecc.

E il "marxismo dell'astrazione", quali possibilità schiude? Se è vero che, oggi, il capitale svuota dall'interno il mondo concreto degli oggetti e dei bisogni umani, che cose e uomini sopravvivono in superficie mentre tutto è incorporato nel meccanismo di un'accumulazione quantitativa e, soprattutto, che questo meccanismo funziona così bene che aumenta sia il numero dei salariati che la durata e l'intensità della giornata lavorativa, cosa ci resta da fare? La domanda non è oziosa.

Se il capitale funziona così bene da colonizzare le nostre vite e il nostro immaginario e perfino da aumentare il numero degli occupati, "resistergli" è velleitario e, prima ancora, insensato: e in effetti, il velleitarismo è l'accusa che viene sempre più spesso mossa ai comunisti, che dal canto loro, nella misura in cui riducono il loro essere comunisti ad un generico "anticapitalismo", di fatto danno ragione ai loro avversari.

(Alcuni ecologisti l'hanno capito così bene che, per ovviare al problema, hanno sostituito alla contraddizione tra forze produttive e rapporti di produzione quella fra "capitale" e "natura": ma codesto "ecomarxismo", come si è voluto chiamare, non ha più titoli per rivendicare la propria discendenza da Marx di quanti ne possa vantare il "marxismo del comune", cioè nessuno.) Intendiamoci: non vedrei nulla di male (né di "antimarxista") nell'ammettere che da Marx non possiamo più derivare alcuna "teoria della rivoluzione".

La domanda però è: perché mai dovremmo allora pensare a un "nuovo soggetto rivoluzionario" o alla "costituzione, sociale e politica, di nuove soggettività dell'emancipazione" (Finelli), visto che il capitale funziona benissimo? A diverse implicazioni potrebbe giungersi qualora considerassimo la crescita costante della disoccupazione negli ultimi trent'anni e, soprattutto, la circostanza che il capitale non riesce più a riprodursi ai tassi di crescita del secolo XIX (se non nelle periferie del pianeta, dove le condizioni della vita sociale ricalcano più dappresso quelle prevalenti due secoli fa in Europa e nell'America del Nord): si tratta, infatti, di evidenze empiriche che dovrebbero farci comprendere che è insensato continuare ad attribuire al capitale un potere che viceversa è solo l'espressione rovesciata di una nostra intrinseca debolezza.

Ma non c'è cosa più difficile di convincere i marxisti che oggi il capitale è molto più debole di quanto non fosse ai tempi di Marx: credere in un capitalismo onnipotente è per loro molto più rassicurante, perché dispensa dalla ricerca delle proprie insufficienze teoriche e pratiche e, proiettando in futuro fantastico la plenitudo temporis, permette di eludere la resa dei conti col "comunismo realizzato" (quello statuale) e coi problemi che esso ha posto all'ordine del giorno, in Oriente come in Occidente.

Di questi, uno mi pare davvero centrale, ed è quello che troppo banalmente si è definito come "fine del lavoro".

Non se ne può dire qui; c'è spazio solo per avvertire che la sua mancata comprensione fa sì che ancor oggi "il nesso interno della produzione complessiva si impone agli agenti della produzione come una legge cieca, e non come una legge compresa e dominata dal loro intelletto associato" (Marx): la diminuzione del tempo di lavoro necessario, connessa all'enorme sviluppo tecnologico del secolo appena concluso e soprattutto dai nuovi rapporti sociali entro cui esso ha potuto dispiegarsi in modo non distruttivo durante i "trenta gloriosi keynesiani", trionfa infatti al momento "così come per esempio trionfa con forza la legge della gravità, quando la casa ci capitombola sulla testa".

Non sarà per questo che aumentiamo l'età pensionabile pur essendo pieni di disoccupati e di disperati che premono alle frontiere alla ricerca di lavoro?

da Liberazione del 21 Dicembre 2005

NO IL CAPITALE NON È TUTTO. RICORDIAMOCI DELLA CLASSE

Quale Marx per il XXI secolo. Prosegue il dibattito sul volume critico "Sulle tracce di un fantasma".

Un intervento critico contro la tesi che oggi il capitalismo sia un astratto meccanismo che riduce gli individui a maschere in superficie

di Massimiliano Tomba

Nel 2005, non solo in Italia, sono apparsi in libreria diversi libri su Marx.

Sulle colonne di questo giornale la recensione di Tonino Bucci al volume Sulle tracce di un fantasma.

L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, edito dalla manifestolibri e curato da Marcello Musto, ha suscitato una discussione forse impensabile fino a pochi anni fa.

Riccardo Bellofiore ha posto una giusta questione quando chiede come mai "tutto di Toni Negri sia disponibile nelle librerie, mentre di Marx quasi niente?".

Probabilmente perché, al di lá delle mode, c'è un'urgenza generazionale di politica che mal sopporta sia la fatica del lavoro teorico sia i vecchi riferimenti a un Marx imbalsamato.

Siamo tutti d'accordo, credo, nell'affermare che ció di cui abbiamo bisogno è un Marx problematizzato, magari anche pensato contro i suoi limiti, ma che ci permetta di "ricostruire adeguatamente la trasformazione morfologica del capitale".

La questione posta da Tonino Bucci si ripresenta allora nella sua bruciante attualità.

Essa riguarda il rapporto tra teoria e prassi.

Ed è in fondo da qui che ha preso le mosse la discussione.

Con chi, come Cristina Corradi, esorta a "prendere sul serio il lavoro teorico" e denuncia alcuni esiti nefasti del primato della prassi nel marxismo della seconda metá del Novecento.

Inutile in questa sede ripercorre presunti o reali malintesi del primato della prassi e della politica sulla teoria.

Il problema che attraversa queste discussioni si annida probabilmente proprio nella struttura del dualismo teoria-prassi: la sua forma dicotomica porta ad accentuare di volta in volta uno dei due aspetti, mentre ad essere vero non è né l'uno né la l'altro.

E tanto meno una loro presunta superiore sintesi di ascendenza hegeliana.

Il giovane Marx si trovó di fronte ad un problema analogo mentre cercava di uscire dalle pastoie della riflessione posthegeliana.

Nella prima delle sue Tesi su Feuerbach considerava parimenti inadeguati sia il materialismo sia l'idealismo: se il primo guarda la realtà solo come oggetto, il secondo ne sviluppa astrattamente il lato attivo, tralasciato appunto dal materialismo.

Ma nessuno dei due punti di vista è vero, perché nessuno dei due è in grado di cogliere l'oggetto come prassi, vale a dire soggettivamente.

Qui Marx, per la prima volta, giunge a una nozione di verità che è intimamente intrecciata alla praxis.

Non ci sarebbe peró arrivato senza la lezione appresa nelle organizzazioni comuniste che iniziava a frequentare in quegli anni, e ancor meno senza la lezione della rivolta dei tessitori slesiani del 1844.

È qui che impara a conoscere la natura di classe di quel conflitto: la rivoluzione nella rivoluzione.

Marx coglie cioè la rivoluzione sociale che attraversa la rivoluzione politica; una rivoluzione che emerge dalle faglie aperte da dinamiche di classe che restano oscure a chi guarda solamente al rapporto tra individuo e comunità politica.

Con questo Marx opera un duplice simultaneo spostamento: assieme all'angolo prospettico dal quale guardare la società viene spostato l'intero piano della riflessione.

Fu una mossa spiazzante.

Impensabile senza la radicale assunzione nella teoria della prassi rivoluzionaria dei proletari.

Ben venga l'edizione critica delle opere marxiane se puó servirci a fare maggiore chiarezza su questi rapporti tra riflessione politica, analisi economica e intervento pratico nelle situazioni, aspetto, quest'ultimo, sempre presente in Marx.

Politicamente ci serve oggi quel gesto marxiano.

Il carattere astratto che Bucci imputa al "marxismo dell'astrazione" di Finelli ha a che fare con un vecchio problema relativo al rapporto teoria-prassi.

Finelli legge la globalizzazione come un processo di "accumulazione di ricchezza astratta che s'è fatta talmente dominante e tendenzialmente assoluto del mondo contemporaneo da superare i confini e il potere dello Stato-nazione".

Insomma, assisteremmo secondo Finelli ad un "processo di totalizzazione del capitale" nel quale il valore diviene un soggetto automatico, e gli individui concreti sue funzioni.

Ed è certo innegabile che la sussunzione del valore d'uso nel valore di scambio si presenti oggi nei termini del dominio dell'astratto.

Ma allora di fronte a questo "processo di totalizzazione del capitale" o ci si consegna a una nuova filosofia della storia che profetizza il crollo del capitalismo sotto i colpi di un comunismo che esso stesso produrrebbe al proprio interno, o non resta che auspicare una qualche forma di resistenza che ne trattenga gli aspetti piú mortiferi.

Se non troviamo oggi il gesto capace di cogliere l'oggetto soggettivamente, come prassi, rischiamo un'immagine totalizzante o apocalittica del capitale.

Due facce della stessa medaglia.

È invece necessario ridiscendere nei laboratori segreti della produzione, ricostruire le catene del valore che si stagliano non nello spazio neutro e indifferenziato della globalizzazione, ma nei percorsi molto piú accidentati segnati dalle insorgenze del lavoro vivo.

È questo il lato soggettivo, la prassi da indagare dentro quei processi, nelle nervature concrete delle pratiche di classe.

Senza attribuire a quest'ultimo concetto, oggi decisamente démodé, alcuna valenza sociologica.

Se non siamo in grado di attualizzare questo gesto marxiano, continueremo ad aggirarci nelle ambiguità del rapporto tra teoria e prassi, e vedremo ancora nelle librerie piú Toni Negri che Marx.

da Liberazione del

MARX, BENE COMUNE

di Domenico Jervolino

Sulle colonne di Liberazione si sta svolgendo da qualche tempo un dibattito sul libro - curato da Marcello Musto ed edito dalla manifestolibri - Sulle tracce di un fantasma.

L'opera di Marx tra filologia e filosofia - che raccoglie gli atti di un convegno organizzato a Napoli tra il 1 e il 3 aprile 2004 da un pool di istituzioni universitarie ed extrauniversitarie, prevalentemente napoletane, ma non solo, essendo diventata Napoli in quest'occasione il punto d'incontro di studiosi provenienti dalle principali nazioni europee con presenze che spaziavano dall'Estremo Oriente all'America Latina.

Ho fatto parte, con Giuseppe Cacciatore e Roberto Finelli, del Comitato scientifico del Convegno e finora ho ritenuto più opportuno finora lasciare la parola a chi non aveva partecipato alla organizzazione di quell'evento e non era uno degli autori del libro.

Ma ora mi pare giusto prendere la parola, anche perché sono state sollevate questioni che mi coinvolgono non solo come co-autore del libro, ma come militante di Rifondazione.

Il problema è tutto nel rapporto fra studi su Marx e lavoro politico.

C'era un tempo che le diverse letture di Marx avevano riflessi immediati nell'azione politica dei partiti e dei movimenti socialisti e comunisti, ora c'è una distanza che può persino apparire siderale fra le ricerche e i dibattiti teorici e l'agire politico quotidiano.

Sicuramente è un bene per la libertà della ricerca che può procedere senza essere sottoposta a controlli, influenze, censure.

Ma questa distanza può anche indurre una frustrazione in chi si occupa di Marx e di marxismi, come se si trattasse di cosa irrilevante per le scadenze dell'oggi.

È possibile ricostruire un rapporto fra lavoro culturale e lavoro politico senza cadere negli errori del passato (mi riferisco non al nostro breve passato, ma a quello dei partiti socialisti e comunisti storici) senza pretese di ricavare per deduzione la giusta linea né di orientare gli studi in base a direttive di partito? È una questione difficile, ma da non eludere.

Nel cercare una risposta, io partirei - forse la cosa potrà stupire - da una concezione che ci è diventata familiare negli ultimi tempi, vale a dire la conoscenza come bene comune e come fondamento di una democrazia rinnovata sulla base di un concetto universalistico ed egualitario di cittadinanza.

Che c'entra questo con Marx? C'entra.

Significa che noi vogliamo un partito fatto di compagni e di militanti che conoscano Marx, che sappiano leggerlo, che sappiano fare i conti col suo pensiero perché vogliamo un partito, dei compagni, dei militanti colti.

E potrei aggiungere dei cittadini colti (e vorrei ricordare anche che nel movimento operaio dei primi decenni, ancora ai tempi di Rosa Luxemburg, prima di chiamarsi compagni, ci si chiamava cittadini, con riferimento all'eredità rivoluzionaria della rivoluzione francese e delle sue famose tre parole d'ordine: libertà, fraternità, eguaglianza).

Significa che Marx appartiene alla cultura dell'umanità ed è un riferimento indispensabile per qualsiasi sapere critico.

Non l'iniziatore di una forma di conoscenza esoterica, riservata a un tipo particolare di persone, destinate a diventare inevitabilmente una setta o creare una ortodossia.

Questo è certamente la ragione per la quale Marx non si dichiarava marxista e durante tutta la sua vita non ha mai cessato di confrontarsi con i punti alti della cultura dei suoi tempi.

Quindi in breve: riappropriarsi dell'opera (ancor in parte sconosciuta) di Marx, farla diventare un bene comune dell'umanità, costruire una cultura che - come diceva la Lettera a una professoressa - consiste in due cose: possedere la parola e appartenere alla massa.

E sulla base di questi presupposti battersi per una democrazia che si fondi sul protagonismi di soggetti che posseggono la parola e sono impegnati in un processo senza fine (perché non si cessa mai di imparare) di apprendimento critico della società in cui viviamo, dei suoi processi, delle sue dinamiche.

Questo mi pare l'obiettivo che può degnamente proporsi un partito di tipo nuovo, che sappia sfuggire alle sabbie mobili dei dogmatismi, alle chiusure settarie d'ogni genere, alle paludi dell'indifferenza e al cinismo della politica politicante.

recensione da CRITICA MARXISTA di: M. Musto, Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia

«ASTRAZIONE E FANTASMI» DI NUOVO SULL'ATTUALITÀ DI MARX di Roberto Finelli

Gli atti un un convegno su Marx «tra filologia e filosofia» ripropongono, insieme con l'importanza e la vitalità dell'opera marxiana, i nodi centrali del suo pensiero.

Il capitale come egemonia di un soggetto astratto e la centralità del nesso Hegel-Marx.

Il recente volume della Manifestolibri, Sulle tracce di un fantasma.

L'opera di K. Marx tra filologia e filosofia, a cura di Marcello Musto, riproduce gli atti di un convegno internazionale che si è svolto a Napoli nell'aprile dello scorso anno sul pensiero e l'opera di Marx nel suo complesso, dalla giovinezza alla maturità.

L'assise napoletana, come non poteva essere diversamente, ha avuto assai poca eco sui media.

Eppure il convegno, organizzato, a partire da un'iniziativa dello stesso curatore del volume, da professori e ricercatori delle Università di Napoli (Federico II e l'Orientale) e dell'Università di Bari, dall'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici e dall'Istituto Suor Orsola Benincasa, ha visto non solo il concorso di molti studiosi internazionali, dall'Europa, dall'America latina, dal Giappone e dalla Cina, ma ha rappresentato, a mio avviso, in modo pubblico e ufficiale – e qui sta il suo valore di fondo – la ripresa del marxismo teorico italiano.

Nel senso di una rimessa sulla scena e di un confronto con l'attualità del postmoderno della teoria più astratta e sistematica di Marx, considerata sia filologicamente nella complessità della sua pagina scritta e delle sue varie sedimentazioni e stesure, sia filosoficamente nella coerenza o meno, quanto a percezione e coglimento della realtà, del suo tessuto di concetti.

Il marxismo filosofico in Italia è stato dichiarato morto, com'è noto, a una data precisa, coincidente con il 1974, l'anno in cui Lucio Colletti, pubblicando la sua Intervista politico-filosofica, si accorgeva, diversamente da quanto aveva pensato fin'allora, che la teoria della contraddizione storico-sociale di Marx era assai condizionata dalla dialettica di Hegel e conseguentemente che, rappresentando Hegel il massimo del pensiero fallace e antiscientifico, il marxismo non poteva costituire un sistema veridico di pensiero.

Così poiché Colletti era accreditato, nel bene e nel male della sua produzione teorico-politica precedente, come il teorico marxista più conosciuto e più celebrato sul piano filosofico, ne era derivato – in tempi già d'incipiente febbre pubblicitaria postmoderna e di scarsa attitudine alle letture serie e approfondite – che la sua dichiarazione valesse coram populo a seppellire il marxismo come filosofia e a liberare il rapido rotto di molti somarelli, ormai estenuati dal peso della vecchia soma, verso pascoli, ben più nutrienti, di una cultura dialogico-democratica conciliata con un capitalismo sano o risanabile e con il volgimento dell'intera realtà in linguaggio, sia nella versione analitico-positivistica che in quella continentale-ermeneutica.

Non è un caso perciò che il convegno di Napoli sia ripartito proprio da dove il marxismo italiano con Colletti era presuntivamente giunto alla sua fine – dalla centralità del nesso Hegel-Marx –, mostrando quanto, indipendentemente dalle conclusioni un po' tranchant e a effetto dell'Intervista politico-filosofica, non solo in Italia, ma in Inghilterra, in Germania, in Olanda, in Giappone, prima, durante e dopo, si sia continuato a studiare e a indagare con rigore critico il testo di Marx, trovando in esso non solo un classico della modernità, ormai consegnato alla storia, ma un interprete insostituibile del presente e dell'attuale passaggio tra moderno e postmoderno.

Filologia e storiaIntanto, come prima cosa, la situazione filologica ed editoriale dell'opera di Marx, alla quale, come condizione primaria per qualsiasi approfondimento teorico, è stata dedicata non a caso la prima sessione del convegno napoletano.

Com'è noto e com'è ovvio, la storia editoriale delle opere di Marx ed Engels non poteva non essere profondamente intrecciata con la storia del movimento comunista internazionale e in particolare dell'ex Unione Sovietica.

La prima edizione critica delle opere complete, conosciuta anche con la sigla MEGA (Marx Engels Gesamtausgabe) fu avviata negli anni venti e stampata a Berlino e Francoforte sotto la guida intelligente e colta dello studioso russo David B.

Rjazanov e interrotta, dopo la pubblicazione di alcuni volumi, quando lo stesso Rjazanov e numerosi suoi collaboratori russi e tedeschi furono fisicamente eliminati dal terrore staliniano degli anni trenta, a ulteriore conferma, se mai ce ne fosse bisogno, della violenza di quello sciagurato regime fatto passare per realizzazione del comunismo.

Nel secondo dopoguerra, dopo la morte di Stalin, e malgrado le notevoli resistenze alla ripresa di un'edizione criticamente accurata che implicava il rischio di evidenziare fragilità e incrinature del corpus teorico del marxismo, la pubblicazione di una seconda e nuova MEGA fu avviata con l'istituzione di diversi centri di studio, tra i quali quelli di Mosca e Berlino Est, durante gli anni sessanta.

Il progetto iniziale era di 100 volumi (ciascuno doppio perché corredato di un secondo volume, costituito da un apparato di note), poi portati a 165, divisi in quatto sezioni: Ia, Opere, Articoli, Abbozzi; IIa, Il capitale e lavori preparatori; IIIa, Epistolario; IVa, Estratti, Appunti, Marginalia.

Quando erano stati pubblicati circa 40 volumi, il crollo dei regimi dell'Unione Sovietica e della Repubblica Democratica Tedesca ha rischiato di mettere definitivamente la parola fine all'impresa, basata sulla pubblicazione integrale, e dotata di amplissimi apparati critici, del corpo dei manoscritti di Marx ed Engels, originariamente lasciati da una delle figlie di Marx al Partito socialdemocratico tedesco e due terzi dei quali sono ora in Olanda, in possesso dell'Istituto internazionale di storia sociale di Amsterdam, e un altro a Mosca, presso l'Archivio di Stato russo per la storia politica e sociale.

L'istituzione di una fondazione internazionale (IMES = Fondazione Internazionale Marx Engels), cui partecipano l'Istituto di Amsterdam e la Karl-Marx-Haus di Treviri (finanziata dalla Fondazione Ebart), l'accoglimento economico e culturale dell'impresa sostanzialmente da parte della Repubblica federale tedesca, la metamorfosi della vecchia Accademia delle scienze di Berlino Est nella nuova Accademia delle scienze di Berlino e del Brandeburgo (presso cui ora viene concentrata la fase finale di redazione dei testi), il passaggio dalla vecchia casa editrice Dietz Verlag, legata al vecchio regime della Ddr, alla nuova casa editrice, lo Akademie Verlag, di fama accreditata per l'edizione di classici della filosofia come Aristotele, Leibniz e Feuerbach, ha consentito, con una nuova struttura finanziaria e organizzativa, di riprendere, con un minimo ridimensionamento dei volumi del progetto, il lavoro e le pubblicazioni.

Di tutto ciò, dei criteri filologici e culturali di edizione, della sistematicità dell'elaborazione elettronica dei dati per una futura edizione su Cd-Rom, dello stato attuale dei volumi in corso di lavorazione, al convegno di Napoli hanno dato conto Manfred Neuhaus, responsabile del gruppo di lavoro per la MEGA dell'Accademia berlinese, e Gerald Hubmann, responsabile del Marx Engels Jahrbuch, l'annuario dell'Accademia dedicato ai problemi, anche teoricoconcettuali, della pubblicazione delle opere.

Malcom Sylvers, che si occupa in Italia, presso l'Università di Venezia, dell'edizione di volumi della terza sezione della MEGA, ha invece illustrato, più specificamente, l'enorme valore dell'epistolario marx-engelsiano, indispensabile per ricostruire non solo il rapporto tra i due, ma più in generale la rete di comunicazione che, attraverso le lettere, si venne a costituire tra i profughi sconfitti della Rivoluzione del 1848, sparsi nei vari angoli dell'Europa e degli Stati Uniti.

In particolare Sylvers nella sua relazione ha dato conto dei contenuti e dei problemi di un volume futuro della terza sezione (la corrispondenza di Engels per il periodo di aprile 1888-settembre 1889), appunto curato da lui stesso insieme a due colleghi tedeschi, i cui temi sono i nascenti movimenti socialisti in Europa e negli Stati Uniti, la fondazione della Seconda Internazionale, il lavoro editoriale per il terzo volume del Capitale e la traduzione degli scritti di Marx ed Engels in varie lingue (di cui la corrispondenza con Martignetti per la lingua italiana): ricco e vario carteggio da cui emerge tra l'altro anche un profilo della vita quotidiana di Engels.

Izumi Omura, docente dell'Università giapponese di Sendai, ha illustrato l'enorme mole di lavoro, a elevatissimo livello di informatizzazione, che il suo gruppo di lavoro (verosimilmente il più ampio di tutti i gruppi di lavoro MEGA) sta svolgendo.

Infine Gian Mario Bravo, con la sua competenza e accuratezza di sempre, ha trattato in modo approfondito, sul piano storiografico, della questione della diffusione e volgarizzazione del marxismo nell'Italia postunitaria della seconda metà dell'Ottocento.

Mostrando quanto, fatta eccezione per l'opera di Antonio Labriola, il nascente socialismo italiano di quell'epoca abbia avuto una fondazione teorica essenzialmente positivistica, assai lontana, se non per una popolarizzazione di superficie, dalla tematiche di Marx, e soprattutto incapace di consegnare al proletariato e alle classi popolari della nuova Italia una visione culturale, oltre che etico-politica, originale e autonoma dal modo di pensare e di valutare delle classi dominanti.

Infine, non va certamente trascurata la relazione che, in questa sezione del convengo, la professoressa Wei Xiaoping, membro dell'Istituto di Filosofia dell'Accademia cinese di scienze sociali, ha svolto sulla situazione degli studi marxisti in quel paese, testimoniando quanto anche qui sia importante l'edizione critica della nuova MEGA per un lavoro degli studiosi cinesi che vogliano sottrarsi alle rigidità e all'eccessiva esposizione politica della tradizionale lettura di Marx caratteristica del passato.

Il capitale come egemonia di un soggetto astrattoPassando al piano più propriamente teorico del pensiero di Marx di cui s'è trattato a Napoli, gli organizzatori del convegno hanno voluto centrare la discussione in particolare sul Marx dei Grundrisse e del Capitale, ritenendo che è nell'opera matura, ben più che nei testi giovanili (Critica della filosofia statuale di Hegel, Manoscritti economico-filosofici) come nei testi di definizione della filosofia del materialismo storico (La Sacra famiglia, L'ideologia tedesca e la Miseria della filosofia), che si gioca o meno la forza dell'attualità di Marx nel leggere il moderno, o più esattamente il postmoderno del moderno.

Ed è un nuovo paradigma interpretativo – il cosidetto marxismo dell'astratto – che, a partire da alcune relazioni, s'è venuto proponendo al centro della questione.

Per dire cioè che, nella storia dei marxismi che ha contrassegnato il XIX e il XX sec.

– prima il marxismo della contraddizione, quale teoria dell'evoluzionismo storico, comune alla Seconda e Terza Internazionale, basata sulla contraddizione tra il polo positivo delle forze produttive e quello negativo dei rapporti di produzione, e poi nel secondo dopoguerra il marxismo dell'alienazione, quale scoperta del giovane Marx, teorico dell'uomo e del suo rovesciamento nei prodotti del suo lavoro alienato – è proprio la realtà che tutti, o almeno noi occidentali, stiamo vivendo di un mondo del concreto sempre più svuotato di gusto, di qualità, di emozioni dall'accumulazione della ricchezza astratta del capitale, a far avanzare ed estrarre dall'opera marxiana la presenza di un terzo canone di lettura della storia moderna fino all'attualità dei nostri giorni che è appunto quello del marxismo dell'astrazione.

Quest'ultimo fa dell'astrazione – ossia della ricchezza solo quantitativa del Capitale, indifferente nella sua accumulazione al mondo qualitativo dei valori d'uso e dei bisogni degli esseri umani – il vero soggetto, dominante ed egemonico, della modernità.

Questo marxismo dell'astrazione, lasciando cadere una lettura, umanistica e antropocentrica, della storia, non nega ovviamente l'azione, la resistenza e l'iniziativa delle classi subalterne e dei portatori di forza-lavoro nel confronto con il capitale, ma sostiene che il vero soggetto moderno non sono i produttori, quanto il capitale, quale universale che, proprio per la sua indifferenza ai processi materiali in cui si incorpora, può diffondere il suo dominio su tutti gli spazi naturali e antropomorfi della realtà.

E legge appunto la modernità, e quella sua intensificazione che è la post-modernità, non tanto attraverso la categoria canonica della opposizione-contraddizione (secondo cui un soggetto collettivo urta e configge contro la realizzazione alienata ed espropriata di sé), quanto attraverso quella dell'astrazione-svuotamento, secondo la quale l'astratto, più che opprimere e reprimere dall'esterno il concreto, lo colonizza dall'interno, riempiendolo della sua logica e svuotandolo di un suo proprio significato, ma lasciandolo sopravvivere, in pari tempo, nella cornice esteriore ed apparente della sua superficie.

Le relazioni di Chris Arthur, Riccardo Bellofiore, Roberto Finelli, Michael Kraetke, Geert Reuten, hanno discusso approfonditamente di tutto ciò, nell'assenso e nel dissenso, ma concorrendo tutti a far avanzare sulla scena teorica la presenza e il rilievo di questo nuovo paradigma interpretativo.

Bellofiore in particolare, connettendo la centralità della produzione, e del confronto in essa tra lavoro concreto e lavoro astratto, ad una teoria del circuito monetario che non impedisca alla critica dell'economia politica di Marx di dar conto dell'importanza fondamentale oggi dei fenomeni monetari e della asimmetria del capitale finanziario e del capitale creditizio rispetto al capitale produttivo.

Come per altro rivendicando l'attualità delle categorie marxiane nel criticare tutte le estremizzazioni teoriche che pretendono di equiparare il postmoderno e le trasformazioni economiche del postfordismo con una società cosiddetta della fine del lavoro, quando ciò che sta accadendo anche nei paesi sviluppati è proprio un aumento, a vario titolo, della lunghezza della giornata lavorativa e dell'intensità della prestazione lavorativa.

Anche per Chris Artuhr le categorie di ricchezza astratta e di lavoro astratto sono indispensabili per comprendere come la riflessione di Marx abbia concepito il Capitale essenzialmente come un principio economico che tende a universalizzarsi e a costituirsi come sistema generale della vita e della riproduzione sociale: non dunque solo rapporto tra singoli imprenditori e determinati gruppi di classe operaia, ma come universale astratto, in senso forte, che con la sua logica di accumulazione vuole pervadere tutti gli ambiti dell'esistenza.

Ed infatti Arthur, come Finelli – ma con delle significative differenze tra i due – ha riproposto in termini originali ed assai approfonditi il tema del confronto-derivazione del Capitale di Marx dalla Scienza della logica di Hegel, quale opera par excellence della filosofia moderna dedicata ai modi dell'articolarsi e del distribuirsi sull'intero campo della vita di una totalità.

A conferma anche qui di quanto la pretesa conclusione del marxismo teorico in Italia, compiutasi con Colletti, abbia preso le mosse da una assai sbrigativa liquidazione di Hegel, visto, alla Popper, come un pensatore oscurantista e premoderno che avrebbe tradotto e razionalizzato in termini concettuali un contenuto sostanzialmente teologicoreligioso, antiscientifico e antistorico.

Laddove nel convegno napoletano, soprattutto nella sezione dedicata al Capitale, la rivalorizzazione di Marx nel leggere le astrazioni e le immaterialità del postmoderno è tornata a fare uso profondamente del rapporto di Marx con Hegel, ma questa volta sottratto alle ipoteche di pesante umanismo e antropocentrismo entro le quali la querelle tra storicismo da un lato e scientismo antistoricista dall'altro lo aveva comunque limitato nella seconda metà del Novecento.

È appunto all'uso impersonale della «totalità» in Hegel, ma sottratta alla rifondazione antropomorfa nel lavoro e nella prassi umana che ne fa Lukács nell'Ontologia dell'essere sociale, che ora si guarda, per sottrarre contemporaneamente Hegel da un volgare riduzionismo spiritualistico-telogico e Marx da una filosofia della storia centrata sul prometeismo dell'homo faber e sul trionfante sviluppo delle sue forze produttive.

Per altro in questa rottura di una icona interpretativa che ha costituito il canone dei diversi marxismi ufficiali del XIX sec.

(la progressione materialistica della dialettica dallo spiritualismo di Hegel, via Feuerbach, al materialismo di Marx) e in una riaffermata continuità, ma appunto a partire da altre categorie e da altre mappe concettuali, tra l'opera di Marx e l'idealismo tedesco, significativa è stata a Napoli la proposta di un cosidetto «paradigma schellinghiano», quale quella avanzata da Enrique Dussel.

Per Dussel infatti, il cui ispirarsi tra altre fonti anche alla teologia della liberazione della chiesa povera sudamericana è evidente, Grundrisse e Capitale vanno compresi a muovere dal nesso di opposizione fondamentale della modernità: dalla capacità cioè del sottosviluppo più radicale di creare lo sviluppo più opulento, della povertà assoluta di costituire la fonte della ricchezza più ricca.

In una connessione intrinseca, di cui Marx dà conto in pagine celebri dei Grundrisse e che per Dussel si legano appunto alla teorizzazione che l'ultimo Schelling (quello della Filosofia della rivelazione) fa del fondamento dell'Assoluto come non-essere, che nella sua assenza di contenuto, è potenza e potenzialità di ogni contenuto possibile.

Per cui ciò che se ne ricava sul piano geo-politico è che, più che la classe operaia tradizionale dell'Occidente novecentesco, sarebbero ora, più complessivamente, le masse povere del terzo e quarto mondo a costituire i soggetti collettivi di una possibile trasformazione futura.

A sottolineare ulteriormente quanto il convegno napoletano non sia stato una mera celebrazione di un Marx, consegnato ormai come classico al passato, v'è stata infine la proposta di lettura del Capitale, e insieme della modernità, che Jacques Bidet sta approfondendo ormai da un quindicennio.

Per l'autore francese, direttore tra l'altro della rivista Actuel Marx, il discorso di Marx sulla struttura economica del capitalismo caratterizzata da relazioni di sfruttamento e di disuguaglianza, per essere fatto ben valere nella comprensione del mondo contemporaneo, non può essere disgiunto dall'operare di quell'altro piano fondante la modernità, da lui definito metastruttura: dal fatto cioè che solo nella modernità è stato ed è possibile mettere insieme individui attraverso libera scelta, dandosi così luogo a relazioni contrattuali, che dall'interindividualità vanno all'associatività e alla centricità del potere statale.

Questa metastruttura del moderno, costituita da relazioni contrattuali di varia natura, esprime per Bidet un trascendentale della modernità, nel senso di rappresentare un insieme di condizioni che stanno a base – sono il presupposto – di qualsiasi formazione storico-sociale concreta del moderno, venendo nello stesso tempo sempre posti, riprodotti, dal funzionamento sociale effettivo.

Ispirando la sua concezione a una possibile mediazione tra marxismo e contrattualismo, Bidet ne deriva perciò non solo che società liberale e società comunista vanno concepite come due possibili variazioni, due possibili casi all'interno di tale metastruttura generale, ma soprattutto che a muovere dalla compresenza di diversi piani relazionali si potrebbe giungere a concepire un modo di produzione, caratterizzato dal mercato, ma autonomo dalla presenza e dalla funzione del capitale.

Tra etica e politica, «comunismo della finitudine» ed ermeneuticaLa sezione più etico-politica del convegno ha visto le relazioni di Gianfranco Borrelli, Giuseppe Cacciatore, Mario Cingoli, Domenico Jervolino, Domenico Losurdo, Marcello Musto, Peter Thomas, André Tosel.

Il giovane studioso australiano Peter Thomas, occupandosi di quell'opera assai singolare che è la dissertazione di laurea di Marx sulla Differenza tra la filosofia della natura di Democrito e quella di Epicureo, ha argomentato di come e quanto la nuova ricerca su Marx debba abbandonare metodologie e criteri d'indagine superati e stereotipi, legati alla vecchia mitologia dell'eroe che fin dall'infanzia anticipa con segni premonitori, senza mai accedere all'errore o alla contraddizione, la pienezza della verità matura.

Così la tesi di laurea di Marx sul confronto tra i diversi sistemi dell'atomismo antico va sottratta ad ogni forzatura di materialismo supposto già presente a priori e restituita alla concretezza della lotta ideologica e culturale-politica che costituiva allora l'orizzonte della formazione e della riflessione marxiana, come all'opposto non va iscritta in un'ispirazione unicamente idealistica, che farebbe del giovane Marx un pensatore inizialmente completamente subalterno ad Hegel.

Va cioè contestualizzata storicamente all'interno della problematica dei Giovani hegeliani (del cui gruppo allora il giovane Marx faceva parte) e teoricamente rispetto alla questione di che cosa significasse allora la funzione della «critica» culturale.

E, specificamente, cosa significasse in quel testo per il giovane Marx cominciare a mettere in scena una sua critica della critica, visto che la battaglia culturale contro la religione per garantire maturità laica e razionale allo Stato moderno non sembrava mantenere quella promesse di emancipazione su cui pure avevano sperato i Giovani hegeliani.

A proposito della complessità di sensi e della molteplicità di atteggiamenti che si aprono nell'opera di Marx rispetto al termine e al concetto cruciale di «materialismo», un'attenta relazione di Mario Cingoli, riferita anch'essa soprattutto all'opera del primo Marx, ha espresso la necessità di considerare il rapporto del giovane Marx con il materialismo, suddividendolo in tre fasi.

Una prima fase in cui Marx, sotto l'esplicita influenza di posizioni romantiche e della Naturphilosophie non hegeliana prima, e di Hegel dopo, è decisamente critico nei confronti del materialismo.

Questa fase comprende i primi scritti letterari, o Quaderni preparatori alla Dissertazione di laurea, la Dissertazione stessa, gli articoli sulla Rheinische Zeitung.

Una seconda fase, che si esprime soprattutto con la Critica della filosofia del diritto di Hegel, in cui Marx, sotto l'influenza di Feuerbach e del suo modulo critico dell'inversione soggetto-predicato, si sposterebbe verso una posizione che sarebbe in sé già materialistica, ma conservando nello stesso tempo una forte diffidenza verso il termine «materialismo » in quanto tale: non a caso parla assai criticamente di «crasso» materialismo o di «astratto» materialismo).

Una terza fase, a partire dai Manoscritti del '44 (fondamentali anche da questo punto di vista), nella quale anche il termine «materialismo» viene assunto in un'accezione via via più positiva.

Di questa fase si considerano diversi momenti: nel celebre excursus della Sacra famiglia alla difesa del materialismo si collega ancora l'influenza della Naturphilosophie; intanto Marx si impegna a differenziare la propria posizione da quella di Feuerbach, definita «statica»: si tratta, per Marx, di mettere in evidenza anche l'attività degli enti naturali «uomini», tramite cui essi lavorano la restante natura e insieme costruiscono la loro storia, e di giungere quindi a un materialismo «storico» e «dialettico» (in questo periodo, a differenza della posteriore scolastica, i due termini sono strettamente collegati).

Viene poi esaminata rapidamente la posizione del Marx della maturità; in connessione col testo di Schmidt Il concetto di natura in Marx[1] si mette in rilievo che per Marx, sempre più volto agli studi di economia politica, la natura appare essenzialmente come «base» del lavoro umano; non manca però, sia pure in sottofondo, un'ontologia materialistica, ed appare fondamentale il rapporto con la teoria di Darwin.

Si parla infine brevemente della posizione engelsiana: si evidenziano i limiti, ma anche l'importanza di essa, e l'esigenza di svilupparla ulteriormente.

Anche la relazione di Marcello Musto sul Marx parigino dei Manoscritti economico-filosofici, uscendo da canoni tradizionali e consolidati della tradizione marxista, ha ben mostrato come, alla luce dell'edizione critica della MEGA, il primo documento organico della riflessione marxiana sull'economia politica debba essere riletto e contestualizzato nell'ambito della complessiva attività di Marx in quel periodo: e dunque in un confronto-rispecchiamento costante soprattutto con i Quaderni di estratti che Marx viene raccogliendo durante il soggiorno parigino.

Tanto che per Musto ciò che di fondo si ricava da tale comparazione è che i Manoscritti economico-filosofici non possono essere considerati come un testo coerente e steso da Marx in maniera sistematica e preordinata.

Le tante interpretazioni che hanno voluto attribuirvi il carattere di un pensiero concluso, tanto quelle che vi hanno sottolineato la presenza e l'acquisizione già della piena maturità del pensiero marxiano, quanto quelle che l'hanno letta come l'opera di una teoria già formata e definita ma opposta a quella della critica dell'economia politica della maturità, risultano confutate dall'esame filologico.

Disomogenei e ben lungi dal presentare una stretta connessione tra le parti, sono, piuttosto, evidente espressione di un pensiero in movimento.

Basti pensare che il primo manoscritto è quasi poco più che una raccolta di citazioni, già trascritte da Marx nei suoi quaderni di lettura.

A testimonianza di un modo di lavorare e di pensare che, in questo primo approccio di Marx a temi di teoria economica, si componeva appunto di estratti dai testi che studiava, di riflessioni critiche in merito a questi ed elaborazioni che, di getto o in forma più ragionata, metteva su carta.

Per cui separare i Manoscritti economico-filosofici dal resto, estrapolarli dal loro contesto, può indurre a gravi errori interpretativi.

Per quanto riguarda il Marx che maggiormente ha riflettuto sulle forme politiche della modernità, Giuseppe Cacciatore, nella sua relazione sulla democrazia in Marx, ha fortemente valorizzato il contrasto che nello svolgersi dell'opera marxiana si dà tra due concetti di democrazia e di Stato moderno.

Quelli, più noti tradizionalmente, di una forma particolare di potere politico legato a una determinata configurazione socio-economica della società civile borghese-capitalistica, presente negli scritti di Marx dall'Ideologia tedesca in poi (lo Stato come comitato d'affari della borghesia).

E quelli invece presenti nei primissimi scritti del giovane Marx (gli articoli della Rheinische Zeitung del 1842 e, soprattutto, la Kritik des Hegel'schen Staatrechts del 1843), nei quali la democrazia e lo Stato politico vengono assunti in un significato radicale, come possibili forme di emancipazione e di liberazione delle energie della vita di un popolo.

Cacciatore ha approfondito in particolare questa prima concettualizzazione dello Stato e della democrazia da parte di Marx, sottolineando come nel primo Marx vi sia il tentativo teorico di radicalizzare le forme della politica moderna, non semplicemente negandole e rovesciandole in termini rivoluzionari, bensì traducendo e trasferendo il loro potenziale di universalità dal formalismo giuridico-politico della tradizione liberale a una mediazione più concreta di forma e contenuto, in cui la vita popolare possa trovare nella vita politica appunto il contenitore e i luoghi di possibilità della sua più ampia autoespressione.

La democrazia si configura in questo primo Marx come «l'enigma risolto di tutte le costituzioni», come «l'essenza di ogni costituzione politica», giacchè è l'unica forma istituzionale che tende ad annullare ogni distanza tra governati e governanti, tra popolo e sua rappresentanza.

La democrazia per il giovane Marx è infatti il luogo in cui, superandosi la separatezza tradizionale degli Stati premoderni tra popolo e istituzioni politiche, il popolo autorappresenta se stesso, nel senso che la sua rappresentanza è rappresentazione-espressione adeguata dei suoi reali ed autentici bisogni.

Attraverso istituzioni come la moltiplicazione, la generalizzazione del diritto di voto, sia attivo che passivo, il primo Marx è volto a concepire un esaurimento della funzione dello Stato, ma solo in quanto Stato politico, cioè separato ed astratto dalla società civile e dalle condizioni materiali d'esistenza dei più: giacché invece nella democrazia lo Stato, per lo stesso Marx, è il luogo e l'insieme delle istituzioni in cui il popolo rispecchia se stesso, prendendo coscienza del suo interesse unitario e organicamente universale contro il privilegio dei pochi e ogni dimensione cetuale-governativa della società civile.

Sulla variegatezza e la diversità di approcci di Marx al tema della politica ha insistito anche Gianfranco Borrelli, il quale nel suo intervento ha sottolineato come il lavoro di elaborazione specificamente politica di Marx vada scandito in tre periodi, che corrispondono rispettivamente: a) agli scritti che vanno appunto dalla Kritik der Hegel'schen Rechtsphilosophie del '43 al Manifesto (1848) e, attraverso gli articoli su Le lotte di classe in Francia, fino a Il 18 brumaio di Luigi Bonaparte (1852): scritti che sono stati sempre considerati come il nucleo originario della riflessione politica di Marx; b) al periodo che va dalla metà degli anni cinquanta fino alla fine degli anni sessanta, il quale in corrispondenza con i lavori preparatori del progetto critico dell'economia politica, e di fatto fino alla pubblicazione del primo volume del Capitale, vede l'assenza pressoché assoluta di argomentazioni esplicite di natura politica; c) infine agli anni finali con la riflessione dedicata all'analisi dell'esperienza drammatica della Comune di Parigi (1871) e alle considerazioni del ruolo dello Stato e della dittatura di classe nella fase di transizione alla società socialista, svolte nelle annotazioni critiche portate al programma di Gotha, il manifesto del partito socialdemocratico tedesco (1875).

Per Borrelli la complessità, fino alla compresenza di due impostazioni diverse se non opposte, del discorso di Marx sulla politica, sta nel fatto che da un lato viene messa in atto una decostruzione critica e radicale del potere specificamente politico (die politische Gewalt), che deve preparare l'approdo alla società comunista; mentre, su di un altro piano, viene tematizzata la necessità di strumenti di un governo di transizione che debbano necessariamente utilizzare la funzione di un potere politico ancora concentrato, funzionale all'abbattimento della dominazione capitalistica da parte della classe operaia.

Né Borrelli, come già Cacciatore, ha tralasciato di sottolineare la ricchezza del sapere e del confronto con le istituzioni politiche accumulato dal giovane Marx, a muovere dal suo studio appassionatissimo dei testi storici e politici attinenti la Rivoluzione francese; citando a tal proposito, come esempio, l'articolazione dei punti di un Piano di uno scritto sullo Stato previsto in una pagina marxiana del 1845 e contenente temi quali: «1. la storia della nascita dello Stato moderno ovvero la rivoluzione francese; 2. La proclamazione dei diritti dell'uomo e la Costituzione dello Stato; 3. lo Stato e la società civile; 4. lo Stato rappresentativo e la Charte; 5. la divisione dei poteri. Potere legislativo ed esecutivo; 6. Il potere legislativo e i corpi legislativi; 7. Il potere esecutivo. Centralizzazione e gerarchia. Centralizzazione e incivilimento politico. Federalismo ed industrialismo. L'amministrazione statale e l'amministrazione comunale. Il potere giudiziario e il diritto. La nazionalità e il popolo; 9. I partiti politici. Il diritto elettorale, la lotta per il superamento dello Stato e della società civile»[2] Nell'ambito della tematica etica e politica di Marx una delle proposte più innovative del convegno napoletano è apparsa essere per altro quella di André Tosel, il quale, continuando una riflessione che dura ormai da molti anni, ha radicalizzato il tema del «marxismo della finitudine».

Per Tosel l'autoliquidazione del comunismo storico ha avuto come una delle sue cause fondanti l'assunzione antropologica e politica di una metafisica del soggetto produttore, in grado per il solo esercizio del lavoro, cioè della sua prassi produttiva di ricchezza e trasformatrice della natura, di ereditare il lato progressivo del capitalismo e di organizzare il comunismo.

Il tutto a partire da una concezione fortemente positivistica e neutrale delle forze produttive e da un affidamento fideistico alla pretesa oggettività della contraddizione storica, secondo la quale il movimento del capitale avrebbe prodotto di per sé il passaggio al comunismo, in quanto la natura sociale delle forze produttive si sarebbe trasformata in un'organizzazione politica votata essa stessa a convertirsi necessariamente nella libera associazione dei produttori.

Concezione mitica e astratta, correlata a un'idea altrettanto mitologica del comunismo, come orizzonte idillico di rapporti sociali organici e trasparenti, caratterizzati dalla favola della conclusione, ossia della scomparsa delle strutture della società civile e dalla fine dello Stato, del diritto, della classi, del mercato, dell'illusione ideologica.

Ma non si può neppure dimenticare, per altro verso, quanto l'emergere del comunismo storico all'inizio del Novecento abbia significato la denuncia strutturale della crisi consustanziale alla forma capitalistica dell'essere sociale.

Oggi che si è fatta chiaramente esplicita, con i drammi della mondializzazione, la fine della missione civilizzatrice del capitale, il comunismo si riafferma all'ordine del giorno in quanto ri-significazione della democrazia, dato che lo spostamento della tematica della rivoluzione sociale verso la questione della cittadinanza integrale costituisce verosimilmente il fatto teorico-politico più significativo della nostra congiuntura storica.

Ma questo significa tornare a congiungere e a mediare «economico » e «politico» (a differenza di quanto fa tutto l'orientamento arendtiano-habermassiano, con la separazione tra ambito materiale dell'agire strumentale, o lavorativo, e ambito politico dell'agire discorsivo) e vivere la democrazia come luogo che assume il confronto e il conflitto, anziché farsi luogo di neutralizzazione del conflitto, come accade oggi con l'omogeneità di un ceto politico riproduttore solo del capitale e del proprio privilegio.

Anche perché è la democrazia in sé a costruirsi sul conflitto e l'opposizione dei suoi due princìpi costitutivi basilari: il primo che afferma che la democrazia si legittima e si fonda solo attraverso argomentazioni razionali condivisibili (e dunque attraverso la cura dell'universale e dell'interesse generale), il secondo che garantisce a ogni individuo il diritto inalienabile alla libertà privata e alla libertà, quale sfera in cui l'interesse del singolo non ha l'obbligo di esibire pubblicamente il grado di universalità della propria scelta.

Ed è chiaro che condizione elementare e primaria di una tale risignificazione del comunismo è l'abbandono di qualsiasi mitologia e presupposizione di un soggetto forte e in-finito.

A Tosel ha fatto da controcanto la lettura «ermeneutica » del marxismo di Domenico Jervolino, secondo cui un percorso di fuoriuscita dal capitalismo deve rinunciare all'ipoteca di una teoria forte e blindata, che pretenda di esaurire in sé tutto il senso dell'esperienza umana, e aprirsi a un pensiero che sappia dialogare con tutte le dimensioni possibili dell'emancipazione e della liberazione.

Che il marxismo debba rinunciare, senza residuo alcuno di dubbio o d'incertezza, alla violenza implica infatti non solo scelte di natura pratico-comportamentale, per le quali l'organizzazione dei movimenti della sinistra, nuova e tradizionale, si deve istitituire nel rifiuto di gerarchie rigidamente verticali e ad alto rischio di burocratizzazione, ma anche, e soprattutto, attraverso scelte di una filosofia e di un'antropologia aperta che sappia scegliere il dialogo rispetto all'imposizione e all'affermazione di un'unica verità.

Un marxismo dialogico ed ermeneutico deve essere capace di integrare i tradizionali valori del movimento operaio, fondati sull'eguaglianza e sulla solidarietà, con i valori della persona, della sua individualità mai completamente riducibile a quella degli altri, della differenza di genere, di cultura, di religione.

Dunque non più un soggetto forte e monolitico da trovare e da proporre, qual è stata invece una certa configurazione canonica del proletariato industriale secondo un certo marxismo dogmatico, ma un soggetto capace di integrazione con le differenze altrui a partire da una riflessione e da una capacità dialogica con le proprie differenze interiori e le proprie esigenze di individuazione.

Domenico Losurdo ha infine riletto i vari usi possibili di Marx politico attraverso una singolare metaforizzazione letteraria dei testi marxiani.

Muovendo da tre luoghi celeberrimi del marxismo, quali l'Ideologia tedesca, il Manifesto del Partito comunista e la Critica del programma di Gotha, Losurdo assegna tali opere a tre diversi generi letterari.

Così fa rientrare la profezia dell'Ideologia tedesca – secondo la quale nella società comunista del futuro scomparirebbe ogni costrizione giuridica, ogni forma di divisione del lavoro e persino il lavoro in quanto tale, risultando ad ogni individuo «possibile fare oggi questa cosa, domani quell'altra, la mattina andare a caccia, il pomeriggio pescare, la sera allevare il bestiame, dopo pranzo criticare», a seconda della sua voglia, «senza diventare né cacciatore, né pescatore, né pastore, né critico» – nella letteratura utopica, utile a una fase ingenua di riscatto e di liberazione da forme di subalternità culturale, ma inutilizzabile, anzi dannosa, per dar luogo a un progetto concreto e costruttivo di emancipazione sociale.

Laddove Manifesto e Critica al programma di Gotha possono essere annoverati per Losurdo nel genere letterario storico-politico, a patto di tener conto però di una loro differenza essenziale.

Giacché l'evocazione di una grande rivoluzione, capace di cambiare una volta per sempre la faccia del mondo e di emancipare in modo radicale ogni individuo e i rapporti tra gli individui, quale compare nel Manifesto, è parte di un discorso che fa riferimento alla lunga durata dello sviluppo dell'umanità; mentre la Critica del programma di Gotha si preoccuperebbe di indicare le misure immediate cui dovrebbe far ricorso il proletariato che abbia conquistato il potere politico in un determinato paese o gruppo di paesi.

La stratificazione e le possibili contraddizioni del testo marxiano vanno perciò elaborate attraverso un'individuazione dei diversi registri temporali-linguistici che Marx ha utilizzato di volta in volta.

Altrimenti, senza questa dislocazione su piani logici ed esigenze teorico-politiche diverse, si fa dell'opera marxiana un indistinto, si sovrappone un piano sull'altro, giungendo ad esempio a leggere e a denunziare la distanza, che separa la prospettiva di lunga durata dai possibili compiti immediati di un potere politico appena conquistato, facendo ricorso alla categoria di «tradimento».

Ed è proprio tale assenza di una logica dei distinti, che, obbligando a condannare il movimento reale in nome delle proprie fantasie e dei propri sogni, giunge a privare il marxismo di ogni reale carica emancipatrice.

[1] Alfred Schmidt, Il concetto di natura in Marx, tr. it. di Giorgio Baratta e Giuseppe Bedeschi, Bari, Laterza, 1969 (ed. originale Der Begriff der Natur in der Lehre von Marx, Frankfurt a. M., Europäische Verlagsanstalt, 1962).

[2] Piano di uno scritto sullo Stato (1845), secondo il testo pubblicato nel 1932 dall'Istituto Marx Engels Lenin di Mosca, in Marx- Engels Opere complete, Roma, Editori Riuniti, 1972, vol. IV, Appendice I, p. 658.

recensione da IL MANIFESTO di: M. Musto, Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia

LA GENESI SVELATA DEL FILOSOFO DI TREVIRI

"Sulle tracce di un fantasma", un volume collettivo dedicato all'opera di Karl Marx edito da manifestolibri di Roberto Ciccarelli

Scala le classifiche, risale nei sondaggi, ma spunta anche nei convegni mentre la nuova edizione delle sue opere procede con passo sicuro.

Quella di Marx è un'onda consolidata che si espande in maniera anche sotterranea, ma sempre più solida e documentata.

Il volume Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia (Manifestolibri, pp.391, € 30), curato da Marcello Musto, raccoglie gli interventi del convegno napoletano omonimo tenutosi ai primi di aprile del 2004 è un esempio del risveglio teorico, e filologico, che il filosofo di Treviri riscuote ormai anche in Italia.

Nell'intervento di apertura del volume Manfred Neuhaus descrive la monumentale ripubblicazione dell'opera completa, la "Marx-Engels Gesamtausgabe" (Mega), prevista in 114 volumi (siamo a quota 50) diretta dalla Internazionale Marx-Engels-Stiftung (Imes) e pubblicata dalla Berlin-Brandenburgische Akademie der Wissenschaften (Bbaw).

Il metodo filologico adottato per la pubblicazione della nuova Mega, scrive Neuhaus, segue il principio moderno della genetica del testo: oggi l'imperativo assoluto non è più quello di ricondurre il testo a quelle che sembrano ai filologi le intenzioni dell'autore, come accade nella prima edizione curata dallo studioso russo David Rjazanov, ma documentare come il testo si costruisca sin dalle sue fasi iniziali di abbozzo.

L'impresa filologica accolse da subito l'ostilità dei ricercatori tedeschi che la condannarono per eccesso di "accademismo, formalismo e pedanteria".

Queste obiezioni rallentarono il lavoro, anche perché tutti gli editori, continua Neuhaus, subivano la tensione "tra il credo marxista-leninista e le rivendicazioni scientifiche dell'edizione".

A difendere il lavoro del gruppo di ricerca berlinese furono tuttavia numerosi filosofi, filologi e storici tra i quali Ernesto Ragionieri, Giuseppe Del Bo e Gian Mario Bravo (che nel volume pubblica un contributo sulla ricezione di Marx nella sinistra socialista italiana).

Solo dopo il 1989 il lavoro di Neuhaus, di Gerald Haubmann e degli altri editori ricominciò a pieno regime, e con molta più libertà.

Diversa era anche l'organizzazione editoriale, non più quella gerarchica imposta dagli istituti di partito a Mosca e a Berlino sin dagli anni Trenta, ma un "network egualitario di team di ricerca internazionali", dal Giappone agli Stati Uniti alla Russia e all'Italia (Malcolm Sylvers, che insegna storia dell'America a Venezia, sta preparando un volume sulla corrispondenza di Marx e Engels) come testimonia anche la ricca documentazione presente sul sito bilingue www.bbaw.de/forschung/mega/.

Una novità senz'altro interessante è l'iniziativa editoriale guidato da Izumi Omura dell'Università Tohoku di Sendai in Giappone che ha provveduto a digitalizzare la Miseria della filosofia (varianti e apparato critico compresi) e a metterlo in rete all'indirizzo www.tohoku.ac.jp.

Il progetto mira a costruire una banca dati elettronica per permettere a tutti di muoversi nell'immenso corpus marx-engelsiano con l'agilità dei più moderni motori di ricerca.

Nel 2004, con la pubblicazione del terzo libro del Capitale (50esima pubblicazione del progetto originale) questa impresa pluridecennale ha acquisito tutto il suo spessore sia storiografico sia politico.

Il lavoro idi scavo filologico sulla lettera marxiana, e sul suo processo di elaborazione, ha permesso di valutare gli interventi, e i loro limiti, di Engels come editore di Marx e quindi di dare nuove basi alla storica polemica che sin dal XIX secolo ossessiona la ricezione del marxismo: quella sulla trasformazione dei valori in prezzi.

Il volume ed è diviso in quattro sezioni che raccolgono 24 interventi, da Domenico Jervolino a Domenico Losurdo, da Mario Cingoli a Gianfranco Borrelli, da Andrè Tosel a Alex Callinicos e Statis Kouvelakis.

Dal punto di vista teorico la terza parte mostra senz'altro più di un interesse.

Sotto la lente c'è il rapporto tra Marx e Hegel.

La tesi condivisa è che Marx prende spunto dalla Scienza della logica e dalla Fenomenologia dello Spirito di Hegel, per articolare la sua tesi sul valore.

La dialettica usata da Marx è tuttavia diversa: se infatti per Hegel lo spirito assoluto riproduce le proprie condizioni di esistenza auto-fondandosi, e non esce mai da se stesso, produce cioè un'astrazione mentale di se stesso (Chris Arthur), il capitale è un'astrazione reale che non attiene più all'ambito della logica (per Hegel) o dell'esperienza trascendentale dell'Io (per Fichte), perché è un'attività concreta posta in essere dal processo lavorativo di ogni individuo in quanto erogatore di forza-lavoro sussunta dal capitale (Roberto Finelli).

Questa attività permette al capitale di integrare ogni sua alterità radicale, cioè il lavoro vivo che si cristallizza dando luogo a lavoro morto che produce altro lavoro morto (Riccardo Bellofiore).

Alla base dunque di un movimento dialettico, quello della transustaziazione della materialità e della natura nel suo valore di scambio (Geert Reuten), esiste un analogo movimento storico-politico, la "sussunzione reale del lavoro al capitale" che a sua volta moltiplica la conflittualità all'interno del processo (la sussunzione del proletariato al rapporto salariato), come anche la sua adeguazione al rapporto di capitale.

recensione da APRILE di: M. Musto, Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia

IL FANTASMA RITROVATO, LA NUOVA OPERA DI MARX di Dario Stefano Dell'Aquila

Pochi pensatori hanno scosso il mondo come Karl Marx, ma, paradossalmente, ancora oggi Marx rimane un autore, "misconosciuto" o "idolatrato", del quale manca un'edizione integrale e scientifica delle sue opere.

E' per questo che l'ottimo e corposo volume, Sulle Tracce di un fantasma.

L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, a cura di Marcello Musto, (ManifestoLibri 2005, pp.

392 € 30) costituisce uno dei più interessanti e importati contributi alla riscoperta e all'interpretazione dell'opera di Marx.

Il libro raccoglie gli interventi presentati all'omonima conferenza internazionale, promossa da un ampio arco di università e svoltasi a Napoli, dal 1 al 3 aprile 2004.

Si divide in quattro sezioni (La nuova edizione delle opere complete (MEGA²); Il giovane Marx; Il capitale; Un oggi per Marx) e presenta saggi dei più importanti studiosi del pensiero di Marx, provenienti da dieci diversi paesi (tra gli altri Enrique Dussel, Jacques Bidet, Fritz Wolfgang Haug, Gian Mario Bravo, Domenico Losurdo).

L'introduzione di Musto costituisce un buon punto di partenza, per comprendere il nesso tra la questione filologica e quella filosofica.

L'edizione delle opere complete di Marx ed Engels è cominciata nel 1975 ed interrotta nel 1989.

L'anno successivo è nata l'IMES (Fondazione Internazionale Marx Engels) con lo scopo di completare la pubblicazione (su 114 volumi previsti ne sono stati pubblicati 50).

La difficoltà del lavoro (che si svolge attraverso gruppi di ricerca in Università di Germania, Russia, Francia, Olanda, Giappone, Usa, Danimarca e Italia), nonché i risultati raggiunti (www.bbwa.de/vh/mega) sono ben esposti dagli interventi di Manfred Neuhaus, segretario dell'IMES e direttore del progetto MEGA², e da Gerald Hubmann, collaboratore della MEGA².

La gran mole di manoscritti, estratti, annotazioni, lettere (15.000 quelle ritrovate) da il senso della complessità di una lavoro filologico che, portato a compimento, può restituire un Marx privo dei soffocamenti e delle manipolazioni testuali che hanno violato il senso e lo spirito del suo lavoro.

E a testimonianza che il risveglio di interesse per l'opera del Moro non ha confini, si può leggere l'intervento del giapponese Izumi Omura (che tratta, tra l'altro, le versioni digitali dei manoscritti di Marx, disponibili sul sito dell'Università di Sendai www.tohoku.ac.ip) o quelli di Alex Callinicos e Wei Xiaoping, relativi alle vicende delle interpretazioni critiche dell'opera marxiana nel mondo anglosassone e in Cina.

Ma la parte filologica è strettamente connessa alle analisi delle opere giovanili e a quella del Capitale, ovvero la seconda e la terza sezione del volume.

L'attenzione al giovane Marx è soprattutto rivolta ai primi scritti politici (Giuseppe Cacciatore, Stathis Kouvélakis) e ai Manoscritti economico-filosofici del 1844 (Mario Cingoli, Musto); l'analisi del Capitale, che contiene i principali contributi teorici del libro, dedica molto spazio al rapporto tra Marx ed Hegel (Cristopher Arthur, Roberto Finelli, Riccardo Bellofiore, Dussel), alla sostanza e alla forma del valore della merce (Geert Reuten), al processo di costruzione del testo marxiano (Haug), alla struttura della società capitalistica (Bidet).

L'attualità del pensiero di Marx, la necessità di liberare la sua opera da strategie di dominio del discorso e dalla polvere degli archivi, diventa fondamentale per chi parla del "comunismo della finitudine", la formula che adoperano André Tosel e Domenico Jervolino per indicare l'esigenza di un nuovo paradigma, di una società comunista intesa come possibilità, desiderio, frutto di lotte, ma non esito fatale del divenire storico.

Michael Krätke, infine, evidenzia la peculiarità della critica marxiana dell'economia politica e la sua indispensabilità per la comprensione del capitalismo contemporaneo.

Un volume ricco, che non rende possibile dare conto di tutti gli interventi che ospita e che, evitando il difetto che spesso presentano i lavori collettivi, ha non solo un preciso filo conduttore, ma una forte identità narrativa.

C'è la sensazione che questa nuova riscoperta dell'immenso lavoro di Marx, in senso fisico prima che teorico, getti una luce inaspettata su un autore più citato che studiato.

Merito di questo libro è di trasmettere pienamente al lettore la consapevolezza che quello che il '900 ha chiuso così frettolosamente si riapre.

Se la globalizzazione è, tra l'altro, la velocità con cui circolano le merci, i lavoratori, i capitali; c'è qualcuno che non desidera, nella propria cassetta degli attrezzi, un nuovo-vecchio Marx, libero da cerimonie di Stato e da piccoli tatticismi interpretativi?

recensione dal SITO ITALIANO DI FILOSOFIA POLITICA di: M. Musto, Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia

di Carla Fagiani

"D'altra parte, come diceva Arnaldo Momigliano, a non leggere non succede nulla" Livio Sichirollo È in libreria il volume che raccoglie le relazioni presentate alla Conferenza Internazionale Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, svoltasi a Napoli dal 1 al 3 aprile del 2004.

I contributi ivi contenuti di diversi e illustri autori, nazionali e internazionali, hanno innanzitutto l'obiettivo di risvegliare l'interesse per l'opera di Marx, offrendo una sede di confronto alle più recenti interpretazioni dei suoi scritti e illustrare la ripresa della pubblicazione della Marx Engels Gesamtausgabe (MEGA2).

Insieme a ciò, restituire alla ricerca contemporanea un autore, - misconosciuto, volgarizzato, soprattutto poco letto anche dai marxisti - da considerare ormai un classico; tuttavia, prova ne è lo spessore tematico e critico degli interventi qui raccolti, non un classico asettico.

In altri termini, l'opera di Marx appare, pur nella sua imponente raccolta di scritti (la maggior parte pubblicati postumi) fondamentalmente incompiuta.

Sistemare l'opera di Marx, oggi, vuol dire innanzitutto interpretarne la lettera del testo (e quindi fare un lavoro filologico attento a distinguere, per es., in Das Kapital, ciò che è di Marx e ciò che è di Engels), vuol dire contestualizzare non solo il suo pensiero, ma proprio i suoi scritti, uno ad uno, sganciandolo così, definitivamente, da un'epoca, quella del socialismo reale, che, oltre che ormai passata, in effetti non sembra proprio appartenergli; non aiutandoci nemmeno a capire la complessità teorica del suo pensiero.

Ma, esiste un pensiero di Marx? Per questo autore, più che per altri, bisogna affermare - questo è l'indirizzo di ricerca inaugurato da questa raccolta - che il suo pensiero è inchiodato, per così dire, al testo scritto.

Leggere Marx, oggi, vuol dire perciò affrontare con pazienza i suoi testi, senza pretendere di ricavarne un sistema compiuto, una linea di sviluppo predeterminata (comprese le rotture epistemologiche del suo percorso; Marx giovane/Marx maturo; Marx comunista/Marx critico dell'economia, ecc.), o addirittura una Weltanschauung, un'indicazione per il futuro dell'umanità; piuttosto, dobbiamo riconoscergli il lavoro di critica radicale del suo presente.

Kritik, d'altronde, è il termine che ritorna più di frequente nei titoli dei suoi scritti.

Eppure, dicevamo, Marx non è un classico asettico: "Credere di poter relegare il patrimonio teorico e politico di Marx ad un passato che non avrebbe più niente da dire ai conflitti odierni, di circoscriverlo alla funzione di classico mummificato con un interesse inoffensivo per l'oggi o di rinchiuderlo in specialisti meramente speculativi, si rivelerebbe impresa errata al pari di quella che lo ha trasformato nella sfinge del grigio socialismo reale del Novecento." (dall'Introduzione, p.24).

La filologia, ancella insostituibile del lavoro del filosofo, qui prende in mano l'arma e, inaspettatamente, rovescia il campo: l'immersione nel testo di Marx non ci distoglie dalla nostra Gegenwart.

Al contrario, la complessità del testo si adatta, quasi combaciando, alla complessità dell'età presente; sia per ciò che riguarda il giovane Marx, quello della critica a Hegel e poi dell'Ideologia tedesca, sia il Marx maturo, quello del Capitale, della critica dell'economia politica.

Bisogna tuttavia fare attenzione a ciò: non si tratta dell'attribuzione di capacità profetiche all'autore, al suo pensiero o alle sue teorie.

Qui si fa astrazione dalla soggettività dell'autore (la sua biografia, le sue intenzioni politiche, la sua personalità, ecc.) e si guarda esclusivamente all'oggetto, al testo scritto.

È uno sforzo interpretativo e di lettura, una fatica del concetto, che, per es., con Aristotele viene quasi spontaneo esercitare.

Con Marx, tutto questo finora non è accaduto (le ragioni potranno essere abbondantemente indagate, ma in altra sede).

Allora, vediamo meglio alcuni degli interventi, capaci, a nostro avviso, di gettare luce su questa sorta di insolito potere di adattamento del testo al contesto.

Ne consideriamo solo tre, a fronte di un totale di ben 24 saggi, con note bibliografiche e riferimenti testuali all'opera marxiana.

Non prima, però, di aver richiamato l'attenzione del lettore sullo stile modernissimo del linguaggio marxiano, citando un passo tratto dal Discorso per l'anniversario del "People's Paper" 1856 (nel Prologo, a p.11): "C'è un grande fatto caratteristico di questo nostro XIX secolo, un fatto che nessun partito osa negare.

Da un lato sono nate forze industriali e scientifiche di cui nessuna epoca precedente della storia umana ebbe mai presentimento.

Dall'altro esistono sintomi di decadenza che superano di gran lunga gli orrori registrati durante l'ultimo periodo dell'impero romano.

Ai nostri giorni, ogni cosa appare gravida del suo contrario.

Macchine, dotate del meraviglioso potere di ridurre e rendere più fruttuoso il lavoro umano, fanno morire l'uomo di fame e lo ammazzano di lavoro.

Le nuove sorgenti della ricchezza sono trasformate, da uno strano e misterioso incantesimo, in sorgenti di miseria.

[...] gli operai [...] sono l'invenzione dell'epoca moderna quanto lo sono le macchine stesse.

Nei segni che confondono la classe media, l'aristocrazia ed i miseri profeti del regresso, riconosciamo il nostro vecchio amico Robin Goodfellow, la vecchia talpa che sa scavare la terra tanto rapidamente, il valoroso pioniere - la rivoluzione." È da segnalare innanzitutto il saggio di G.

Hubmann - Classici incompiuti.

Costellazioni filologico-editoriali in Marx e altri classici delle scienze sociali (pp.59-69) - perché descrive in sintesi e con efficacia l'attento lavoro decostruzionista ("philologic turn") operato dalla rinnovata edizione dei testi di Marx.

Citiamo due esempi: 1) l'Ideologia tedesca non sarà pubblicata come opera compiuta, come invece finora è stato fatto, da cui consegue l'inaggirabile difficoltà di rintracciare in essa l'esposizione del cosiddetto materialismo storico, che la tradizione ha invece consacrato a teoria, ma che addirittura lo stesso Marx avrebbe di suo pugno limitato nella sua valenza esplicativa (vd. p. 64); 2) anche con Il capitale le cose cambiano in sostanza, poiché i reperti filologici utilizzati per la pubblicazione MEGA2 hanno permesso di individuare frammenti residui, che ne attestano una prima e differente stesura.

Più che di una decostruzione, qui si tratta di una rivoluzione copernicana: bisognerà almeno prenderne atto.

"Non è detto, però, che l'intervento filologico sull'opera di Marx debba essere solo di natura decostruttiva [...]" (p.62).

Vengono pubblicati, infatti, oltre 200 articoli di Marx ed Engels scritti per il "New York Tribune" nel 1855, tra cui 21 nuovi lavori di cui finora non era stata riscontrata la paternità artistica; inoltre, la quarta sezione della MEGA2 , con i suoi 32 volumi, contiene materiale finora inedito.

Pensiamo a quanto dell'attività giornalistica di Marx - dagli articoli sulle guerre dell'oppio in Cina a quelli su Napoleone III in Francia e le vicende del Credit Mobilier, l'intreccio politica-affari, diremmo oggi - sia presente nell'edizione corrente del III libro del Capitale (soprattutto nella IV e nella V sezione: a proposito del capitale commerciale, del credito, del capitale finanziario, il capitale produttivo d'interesse, ecc.); pensiamo perciò a quanto sia importante il controllo filologico comparato degli articoli e del Capitale.

Tutto ciò getta luce nuova sul modo di studiare "interdisciplinare, senza limiti di carattere economico" proprio di Marx: un lettore instancabile, che annotava e registrava (quasi) maniacalmente tutto quello che veniva rielaborando dalle sue letture.

Dulcis in fundo: il feticismo non è una metafora.

Almeno non è utilizzato metaforicamente da Marx, a proposito del carattere di feticcio della merce e il suo arcano, ma è nozione che risulta da studi storico-religiosi condotti particolarmente su De Brosses (Über den Dienst der Fetischgötter).

Parimenti, per "formazione sociale" dobbiamo rifarci alla geognosia, ovvero al concetto di formazione geologica in quanto "divenire della terra come un processo, come un'auto-creazione" (vd. p. 65).

Tutto questo emerge con certezza dagli studi-appunti marxiani di geologia, oltre che dalla lettera a Vera Sassulitsch del 1881.

Torna alla mente l'espressione "era capitalistica", assai ricorrente nel Capitale, e che viene ad assumere ora il significato che le spetta: analoga a un'era geologica.

Ma, insieme a ciò, abbondano gli studi di chimica, di fisiologia, ecc., tanto che si possono avanzare diverse e nuove ipotesi sull'effettivo uso marxiano di un solo paradigma metodologico.

Allora, è il caso di sottolineare, insieme a Hubmann, che la lettura di un classico non può avvenire all'insegna dell'ingenuità che si affida esclusivamente all'impatto comunicativo del testo.

Leggere un testo classico è un lavoro che, avvalendosi della fatica filologica, deve avere tutta la pazienza di riconoscere l'orizzonte problematico che il testo può eventualmente aprire.

Indichiamo allora due possibili aperture o due possibili problemi aperti da Marx e approfonditi nella presente raccolta.

Il tema della democrazia è affrontato nelle pagine de Il Marx "democratico", di G. Cacciatore (pp.145-160).

Nel 1843 il giovane Marx redige uno scritto di critica al diritto pubblico hegeliano.

Commenta analiticamente i §§261-313 dei Lineamenti di filosofia del diritto (1821) di Hegel.

Lasciando qui da parte le pur rilevanti questioni teoretiche del confronto Marx/Hegel, che cosa emerge di rilevante dal punto di vista politico in questo scritto, secondo la lettura di Cacciatore? Da una parte Marx riconosce allo Stato moderno hegeliano la funzione (insostituibile) di connettere gli interessi particolari espressi in sede di società civile, e di connetterli effettivamente restituendo ad essi un luogo di comune realizzazione, che è l'interesse universale o del popolo, tramite la rappresentanza cetuale nell'assemblea legislativa e l'Io voglio del monarca; dall'altra, però, di rendere tendenzialmente autonomo il momento dell'universale dal particolare (la figura del monarca ereditario in cui solo risiede il potere sovrano; oppure la premoderna rappresentanza cetuale).

In altri termini, lo Stato moderno hegeliano soffrirebbe di astrazione, ossia, in ultima analisi, di mancata rappresentanza (oltreché concreta rappresentazione) della realtà che lo istituisce.

"Ciò che tuttavia emerge dai testi finora esaminati è un riferimento indiretto all'idea di democrazia che appare, per così dire, in filigrana rispetto ad una generale visione dello Stato come luogo di composizione e universalizzazione degli interessi particolari della società civile.

È solo a partire dalla Kritik des Hegelschen Staatsrechts [...] che Marx affronta direttamente il problema della democrazia.

[...] In questi testi marxiani è possibile individuare quel concetto ampio e universale di democrazia che è stato utilizzato proprio in non pochi segmenti della filosofia e dell'ideologia politica della sinistra post-marxista in una dimensione critica nei confronti di alcuni esiti teorici e storici del comunismo [...] Marx, quando individua nella democrazia una reale possibilità di fusione tra la forma e il contenuto della costituzione politica pone un problema che [...] è apparso e appare ancora oggi il vero nucleo problematico della democrazia, cioè l'inaggirabile rapporto tra la forma regolativa e giuridica e i contenuti cosiddetti sostanziali di emancipazione sociale e di uguaglianza." (p. 147 e ss.) "Rendere plausibile la democrazia", è di questo che le pagine marxiane, seppure in filigrana, stanno parlando.

La democrazia "ampia e universale, quella piena realizzazione dei diritti umani (politici e sociali) capace ogni volta di fissare regole e procedure condivise per l'edificazione di un nuovo "contratto sociale" di cittadinanza e di civiltà, di emancipazione e di uguaglianza." (p.157).

La critica all'astrattezza dello Stato moderno hegeliano, raffigura perciò, evidentemente, la matrice teorica di ogni possibile critica ai limiti interni al modello democratico-formale.

Compreso il nostro, of course.

Con La scienza del Capitale come "circolo del presupposto-posto".

Un confronto con il decostruzionismo di R. Finelli (pp.211-223), entriamo nelle pagine del Capitale di Marx, non considerandolo tuttavia un testo economicistico, ma di critica dell'epistemologia operante nelle maglie dell'economia politica classica del tempo e, ancor più, nelle maglie della filosofia dominante il nostro tempo.

"Nell'ambito della filosofia continentale europea oggi svolge funzioni egemoniche il "decostruzionismo", il quale, com'è noto, critica ogni narrazione che pretenda coerenza e sistematicità [...] Appare evidente che gli studi e la ricerca su Marx non possono non confrontarsi con questo vertice egemonico di riduzione della realtà a linguaggio [...] La mia esposizione è articolata in quattro tesi." (p.211).

Nella prima tesi Finelli indaga la logica interna alla critica dell'economia politica in Das Kapital; la logica del presupposto-posto, di matrice hegeliana.

Secondo tale logica, in sintesi, i processi di identificazione del soggetto con se stesso (il Geist, lo spirito), attraversano, contestualmente, un cammino duplice: di costruzione attraverso decostruzione del proprio Io. L'identità Io=Io è da porre come mero presupposto ossia da decostruire in quanto mero presupposto, attraverso una "pratica d'interiorizzazione, di un processo che dall'esterno va all'interno [...]" (p.212) L'identificazione di sé con sé presuppone l'identità (l'IO), ma, per così dire, solo virtualmente (in sé); l'effettiva identificazione avviene su di un piano pratico, in cui la prima identità (quella virtuale) può andare anche a fondo.

La seconda tesi di Finelli concerne la nozione di astrazione reale.

"La mia tesi è cioè che il Capitale di Marx è costruito sul modello del passaggio hegeliano dall'in sé al per sé, del passaggio cioè di un'astrazione, come quella del lavoro astratto, dal piano di un'astrazione solo mentale [...] ad un'astrazione, come sostiene Marx nell'Introduzione del '57, "praticamente vera"; ad un'astrazione cioè che non attiene più all'ambito della logica o delle ipotesi investigative della conoscenza ma a quello assai diverso della prassi, ossia della concreta attività posta in essere dal processo lavorativo di ogni individuo in quanto erogatore di forza lavoro sussunta, non in modo formale ma in modo reale, sotto il capitale." (p.213) La terza tesi mostra la profonda differenza, nonostante la profonda analogia, che intercorre fra la logica hegeliana e quella marxiana.

In sostanza, "L'astrazione intellettualistica di Hegel è dunque cosa assai diversa dall'astrazione pratico-lavorativa di Marx. [...] per Marx la connessione tra mondo dell'astratto e mondo del concreto si realizza, proprio perché il vettore di quel movimento è la caratteristica di un lavoro, generalizzato e di massa, che produce oggetti, merci, servizi concreti proprio attraverso la sua natura paradossale di lavoro astratto." (p.218) L'astratto hegeliano non riesce ad attraversare, come invece riesce in Marx, il piano della pura e trasparente teoresi, in cui rimane in sostanza imprigionato, nonostante la forza dialettica del negativo. In fine, la quarta tesi si occupa direttamente del postmoderno come svuotamento del concreto.

"Così il postmoderno va interpretato [...] come inveramento del moderno, nel senso di costituire il tempo storico della piena diffusione, fino alla globalizzazione, di un'economia fondata sulla ricchezza astratta. [...] La giusta definizione di Frederic Jameson del postmoderno come la "logica culturale del tardo capitalismo" va dunque integrata con la messa in verità della teoria marxiana dell'astrazione reale" (p.222).

Il lavoro astratto è inteso perciò come principio (presupposto) di un modo di produzione e riproduzione sociale che, solo alla fine del processo (posto), appare praticamente 'destrutturato' nella sua valenza qualitativa, svuotato di qualità, di relazione e di nessi intersoggettivi.

Allora, in conclusione, vediamo come la lettura dei testi di Marx possa, ancora oggi e forse proprio oggi, restituire un esempio pratico di libertà operante in campo filosofico: libertà di leggere e interpretare il testo in modo filologicamente corretto, senza che ciò impedisca ma anzi contribuisca a far emergere la complessità del contesto in cui il testo è inserito, insieme alla complessità del contesto in cui è a sua volta inserita la nostra impegnata e impegnativa lettura.

da Liberazione del 29 dicembre 2005

TORNARE A MARX NON BASTA. TROPPO PRODUTTIVISTA di Giuseppe Prestipino

Una recensione di Tonino Bucci a Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, volume curato da Marcello Musto per la Manifestolibri 2005, contenente gli Atti di un Convegno internazionale tenutosi a Napoli, ha offerto spunti per un dibattito, ospitato da questo giornale.

Sono stato presente in quel Convegno, so di un altro nutritissimo Convegno sulla MEGA (la nuova edizione delle opere di Marx ed Engels) organizzato in Giappone ed intervengo sollecitato dall'articolo scritto da Luigi Cavallaro nel quale, pur con la consueta competenza, egli non ha rinuncianto a dichiarare i suoi noti rimbrotti per il cosiddetto "eco-marxismo", che a suo dire non potrebbe in nessun modo "rivendicare la propria discendenza da Marx".

Mi limito a due scarne notazioni: l'una sulla "discendenza", ossia sul rapporto tra teoria (sociale) e politica; l'altra sul marxismo come scienza economica.

Vi sono teorie che possono guidare l'agire politico o esser fatte proprie da quest'ultimo.

Ma, se tra la teoria e la politica che vuol appropriarsene l'intervallo temporale oltrepassa l'arco di un "secolo lungo", anche la migliore teoria dev'essere tradotta come dev'essere tradotto quel che è scritto, ad esempio, in portoghese per essere letto in un'altra lingua.

E' questo uno degli insegnamenti di Gramsci.

E il buon traduttore-filologo pubblica la sua traduzione con il testo originale a fronte o, quanto meno, intercalando nella sua traduzione alcune parentesi contenenti parole-chiave in lingua originale.

Fuor di metafora: il politico odierno non può proporsi, semplicemente, di "ritornare a Marx"; deve farci sapere su quale "traduzione di Marx" cade la sua scelta.

Il passaggio da una teoria del XIX secolo a una politica d'oggi dev'essere mediato sul piano teorico prima che su quello politico.

Ed è un falso problema quello che in un pensatore distingue (come fa, tra gli ultimi, Guido Carandini) lo scienziato dal profeta.

Perché fare scienza è, nello stesso tempo, fare previsioni: che non è corretto chiamare profezie, se profeta è colui che parla in stato di semi-incoscienza, o colui per la cui bocca si rivelerebbe la parola di un dio.

Le previsioni di Marx, come quelle di tutti i grandi, sono geniali ma contraddittorie: per certi aspetti si sono avverate per altri no.

E anche Il Capitale, nel quale Marx non fa esplicite previsioni, ma compie soprattutto una rigorosa analisi sul suo tempo, "non è esente da contraddizioni" (Maria Turchetto).

Vengo al marxismo come scienza economica.

Ogni scienza economica ha per oggetto scambi: di merci o, più in generale, di beni dei quali sia presupposta una scarsità.

D'altra parte, se la scienza economica rinvia comunque al concetto di scarsità, allora è vero che o la scienza economica è un sottoinsieme della scienza degli ecosistemi o non è propriamente una scienza.

L'economia, prima che economia politica, sarà dunque economia ecologica, perché l'ecologia assume come suo oggetto precipuo la scarsità o l'esauribilità in un significato più ampio comprendente, oltre i beni prodotti dall'uomo, quelli disponibili nell'ambiente naturale.

E perché anche l'ecologia prende ad esaminare relazioni di scambio.

Consideriamo gli scambi tra gli esseri umani e l'ambiente in generale.

Sappiamo che l'animale umano non si adatta più all'ambiente, ma adatta a sé l'ambiente.

È questa una mutazione che non produce gravi disastri finché l'essere umano vuole un ambiente "a misura d'uomo".

Ma, se comincia a mettersi in testa di poter trasformare febbrilmente anche se stesso, nei propri bisogni e nei propri caratteri biologici e psichici, costringendo la natura a inseguire, e persino a precedere, quelle sue metamorfosi (o "metastasi") esistenziali, allora una sorta di follia suicida si impadronisce degli umani e sembra impadronirsi anche dell'ambiente naturale.

Gli umani, in altri termini, intervengono dapprima sulla natura, per appropriarsene, mediante artifici.

In un secondo tempo, trasformano in larga misura la natura stessa, facendone, per così dire, una natura artificiale.

Ma, da ultimo, rivolgono contro se stessi l'arma dell'artificializzazione e tendono in tal modo a creare esseri umani artificiali.

Marx, il cui oggetto di studio è il modo capitalistico, deve conseguentemente e a buon diritto prescindere dalla "natura fisica" dei prodotti, benché, nella Critica al Programma di Gotha, dichiari: "Il lavoro non è la fonte di ogni ricchezza.

La natura è fonte dei valori d'uso (e di tali valori consta la ricchezza reale!) come il lavoro che in sé è soltanto espressione di una forza naturale".

Ma, quando il Marx dei Grundrisse scorge le prime avvisaglie di un processo che può preludere al superamento di quel modo di produzione, egli prevede allora il ruolo crescente della scienza tecnologizzata come nuova forza produttiva, per effetto della quale diverrebbe cosa "miserabile" l'equazione tra valore e quantità di lavoro umano salariato.

Non prevede, invece, il crescente impiego della natura e delle sue risorse, che è strettamente correlato agli sviluppi portentosi di quelle tecno-scienze.

E, prefigurando la società futura, scrive che la "vera ricchezza" consisterà, non più nei valori di scambio derivati da quell'equazione, ma nei valori d'uso; anzi - così interpreta Charles Bettelheim -, nell'"accrescimento dei valori d'uso".

Ed ecco il punto debole dell'economia critica, ovvero il debito involontario di Marx proprio verso la da lui criticata realtà capitalistica: l'"immane raccolta di merci", che è l'immagine emblematica con la quale si apre la sua opera maggiore, diverrebbe pur sempre, nella società futura, un "immane" accrescimento, invece che di valori di scambio, di valori d'uso? Ma, allora, l'accusa che Bettelheim rivolge all'economia sovietica, di accogliere una forma-valore capitalistica per adattarvi presunti contenuti socialistici, una simile o meglio una simmetrica accusa non meriterebbero forse anche gli iniziatori del materialismo storico, per aver fatto proprio l'anelito capitalistico verso un illimitato "accrescimento", inteso di fatto come un vino vecchio, o come un vecchio contenuto, da riversare (o occultare) entro una botte nuova, ossia entro una (presunta) forma comunistica? Sia chiaro che gli ambientalisti seri non intendono demonizzare l'accrescimento dei valori d'uso come se fosse il Male assoluto.

Raniero La Valle ha detto: chi governa il mondo s'è accorto che, se a parer suo il tenore di vita statunitense "non è negoziabile", l'ambiente restringerà inevitabilmente gli spazi di vita per gli umani; perciò chi governa il mondo ha scelto un suo pensiero "apocalittico" in base al quale i pochi si salveranno e i più saranno reietti o dannati.

Io vorrei precisare che una tale opzione "apocalittica" è relativamente recente e che è venuta dopo gli anni dell'euforia neo-liberista e della globalizzazione capitalistica incontrastata, allorché si predicava invece che prima o poi, chi più chi meno, tutti avremmo direttamente o indirettamente beneficiato del nuovo exploit della "libera" economia, tutti saremo divenuti più o meno ricchi.

Ebbene la messa in guardia da un indiscriminato accrescimento dei valori d'uso - non soltanto delle merci o dei valori di scambio - nasce dal fondato timore che tutti possano ritrovarsi (più o meno) poveri a breve scadenza: che tutti siano condotti controvoglia all'ascetismo.

In un saggio presente in Sulle tracce di un fantasma, André Tosel ci fa capire che certo marxismo prolunga l'hegeliana cattiva infinità o persino l'hegeliano Spirito Assoluto, insiti nella moderna illimitata volontà di dominio tecno-capitalistica.

La prolunga, sia pure soltanto come volontà di dominio sulla natura, e non più di dominio proteso anche sugli esseri umani.

E, aggiungo (ulteriori riflessioni nel volume collettivo Accadde domani. Tra utopia e distopia, Edizioni Aracne, 2005), se il dominio è accompagnato sempre da una qualche forma di violenza, la nonviolenza non dovrebbe estendersi anche a quel che è fragile e/o esauribile nella natura extra-umana? Dovremmo sognare una liberazione senza alcun dominio.

E quindi connotata dalla coscienza del limite. Non vorremmo regnare-sul-mondo o avere-il-mondo, ma essere-nel-mondo.

September 2005
Created: Thursday, 01 September 2005 16:43 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Roberto Ciccarelli, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Il Manifesto, September 01, 2005.

 

La genesi svelata del filosofo di Treviri

«Sulle tracce di un fantasma», un volume collettivo dedicato all'opera di Karl Marx edito da manifestolibri.

Scala le classifiche, risale nei sondaggi, ma spunta anche nei convegni mentre la nuova edizione delle sue opere procede con passo sicuro. Quella di Marx è un'onda consolidata che si espande in maniera anche sotterranea, ma sempre più solida e documentata. Il volume Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia (Manifestolibri, pp.391, € 30), curato da Marcello Musto, raccoglie gli interventi del convegno napoletano omonimo tenutosi ai primi di aprile del 2004 è un esempio del risveglio teorico, e filologico, che il filosofo di Treviri riscuote ormai anche in Italia.

September 2005
Read more ...
Created: Friday, 01 April 2005 16:39 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Dario Sefano Dell’Aquila, review of Sulle Tracce di un fantasma. L'Opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, April, 2005.

Il Fantasma Ritrovato, La Nuova Opera Di Marx

Pochi pensatori hanno scosso il mondo come Karl Marx, ma, paradossalmente, ancora oggi Marx rimane un autore, "misconosciuto" o "idolatrato", del quale manca un'edizione integrale e scientifica delle sue opere. E' per questo che l'ottimo e corposo volume, Sulle Tracce di un fantasma.L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, a cura di Marcello Musto, (Manifesto Libri 2005, pp.392 € 30) costituisce uno dei più interessanti e importati contributi alla riscoperta e all'interpretazione dell'opera di Marx. Il libro raccoglie gli interventi presentati all'omonima conferenza internazionale, promossa da un ampio arco di università e svoltasi a Napoli, dal 1 al 3 aprile 2004.

April 2005
Read more ...
Created: Saturday, 01 January 2005 19:16 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews | Tags: italiano

Roberto Finelli, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Critica Marxista, 2005.

January 2005
Created: Saturday, 01 January 2005 17:28 | Rate this article
( 0 Votes ) 
| Category: Reviews

Maria Cristina Basso, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia

Un Pensiero Ricorrente: La (ri)scoperta dell’opera di Marx

 

Risultato della conferenza internazionale omonima, svoltasi a Napoli dall’1 al 3 aprile 2004 e organizzata dallo stesso curatore del volume Marcello Musto, Sulle tracce di un fantasma.

January 2005
Read more ...