Reviews

Agustín Santella, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Marxismo Critico, April 27, 2017.

Entre los años ochenta y principios de los noventa del siglo pasado, los marxismos atravesaron una crisis que parecía ser final. Sin dudas, el acontecimiento clave fue el derrumbe de los “socialismos reales”, que venían a condensar un desgaste de esperanzas emancipadoras.

April 2017

Jaime Ortega Reyna, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Andamios, April 2017.

Una vieja anécdota —probablemente falsa— nos servirá como intro- ducción para reseñar la última compilación que ha hecho Marcello Musto a propósito del filósofo de la “Tesis XI” titulada De regreso a Marx.

April 2017

Christopher Araujo, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Marx and Philosophy Review of Books, February 16, 2017.

Notwithstanding their commemorative subtitles, the Marcello Musto edited Workers Unite! The International 150 Years Later is quite different from his Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later. Published in 2008, the latter is a collection of essays on the significance of Marx’s ‘Rough Draft’ by a series of contemporary scholars, including Arthur, Foster and Carver.

February 2017

Marie Gouze, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Diciotto Brumaio, February 13, 2017.

Al tempo stesso troppo onore e troppo torto

Sto leggendo un fitto volumetto di Marcello Musto, L’ultimo Marx (1881-1883), Donzelli, 2016. Dovrebbe essere letto soprattutto da coloro che – come scrivevo recentemente – Marx più che conoscerlo di prima mano preferiscono farselo raccontare.

February 2017

Luigi Candreva, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Azioni Parallele: Quaderni D'aria, February 12, 2017.

Marcello Musto, L'ultimo Marx

Il 30 marzo 1911, Giolitti dichiarava alla Camera che “Carlo Marx è stato mandato in soffitta”. Da un secolo a questa parte, il vecchio Moro è stato mandato in soffitta più volte. Ultima, finora, in occasione della fine dell'Urss e dei paesi satelliti, tra il 1989 e il 1991, con la quale è stata dichiarata anche la fine del “comunismo”, oltre che, con una certa esagerazione, della storia.

February 2017

Annibale C. Raineri, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, PalermoGrad: la crisi vista dal Sud, February 10, 2017.

L'ultimo Marx e noi

Nel 2016 Donzelli ha pubblicato il libro di Marcello Musto L’ultimo Marx 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale. Vale la pena soffermarcisi.

February 2017

Bruno Bongiovanni, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, L'Indice, February 1, 2017.

February 2017

Benedetto Vecchi, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Il Manifesto, January 18, 2017.

Una condivisione di pensiero critico

Cento anni separano il presente da un «evento» che ha cambiato il corso della Storia. Un secolo dove la speranza di una trasformazione radicale del vivere in società si è nutrita dell’immaginario di uomini e donne senza voce che prendevano la parola e sovvertivano gli assetti di potere. Era il coronamento di quella rivoluzione che Karl Marx aveva inseguito per tutta la sua vita. Soltanto che il filosofo di Treviri l’aveva vista possibile in altri paesi da quella dove accadde. Soltanto in tempi recenti studi sull’Ultimo Marx (il titolo del volume di Marcello Musto per Donzelli) hanno messo in evidenza come, stanco e con il corpo segnato da anni di studio e condizione precarie, si interessasse alla formazione sociale russa, intravedendo anche in quell’immenso territorio possibilità di una rivoluzione.

January 2017

Alfio Neri, review of Karl Marx’s Grundrisse. Foundations of the Critique of Political Economy 150 years later, Carmilla, January 7, 2016.

Da cinquant’anni mancava un’introduzione ai Grundrisse. Oggi finalmente abbiamo un testo che ci permette di affrontare iLineamenti fondamentali di critica dell’economia politica.

January 2017

Alessandro Visalli, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Nella fertilità cresce il tempo, January 1, 2017.

Marcello Musto, “L’ultimo Marx

Marcello Musto è di Marx in qualche modo uno specialista, attualmente visiting professor di sociologia teorica a Toronto, presso la York University, nel 2103 ha pubblicato “Ripensare Marx e i marxismi” (una presentazione qui), oltre ad una serie di antologie e volumi collettanei sullo stesso tema che sono stati tradotti in venti lingue.

January 2017

August H. Nimtz, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Science & Society, January 2017.

The International Workingmen’s Association, or First International, was the jewel in the crown of Marx’s practice, declared Engels at his partner’s funeral in 1883. He planned to write an account about Marx’s role in the IWA but didn’t live long enough to do so.

January 2017

Alfio Neri, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Carmilla, December 24, 2016.

L’ultimo Marx

Non era solo un vecchio malandato. La salute di Marx era malferma ma il suo cervello funzionava. Avere problemi fisici non significa essere rincoglioniti.

December 2016

Loris Narda, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Commonware, December 21, 2016.

Marx ad Algeri

“Qual è la legge ultima dell’essere?”

“La lotta!”

(Risposta di Marx a John Swinton)

December 2016

Chiara de Cosmo, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Officine Filosofiche, November 15, 2016.

Un grande pensiero rivoluzionario deve la sua forza al rigore della teoria che lo sostanzia, rigore che è in grado di portare a concretezza la generale percezione che «il mondo deve essere cambiato.

November 2016

Felice Mometti, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Communia Network, November 6, 2016.

Segnalazioni marxiane

Sarebbe probabilmente esagerato dire che per la prima volta c’è la possibilità di leggere l’opera di Marx senza le supervisioni dei comitati centrali, le edizioni orientate dai gruppi dirigenti dei partiti comunisti, le incrostazioni dei marxismi ossificati e la ripetizione di formulette preconfezionate. Certamente esagerato ma con un qualche fondo di verità.

November 2016

Guido Liguori, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Il Manifesto, October 12, 2016.

L’operosità del Moro negli ultimi anni della sua intensa vita

Karl Marx. Una biografia intellettuale in forma di saggio scritta da Marcello Musto per Donzelli.

October 2016

Giorgio Mele, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale. Critica Marxista, 2016.

L’ultimo Marx

Il 10 marzo 1883, dopo il controllo del dottor Donkin, Federico Engels comunica che le condizioni di Karl Marx, malato ormai da tempo, sembravano migliorate.

October 2016

Alfonzo Berardinelli, review of L’ultimo Marx, 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, La Repubblica, September 30, 2016.

September 2016

Diego Gabutti, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, Italia Oggi, September 24, 2016.

Dostoevskij indovinò le derive della rivoluzione. Marx invece era convinto che i terroristi russi avrebbero portato la democrazia

Per essere uno che non intendeva «prescrivere ricette [...] per l'osteria dell'avvenire», come ci ricorda Marcello Musto in un saggio dedicato ai suoi ultimi anni, Karl Marx finì per prestare la sua zazzera (un Che Guevara molto in anticipo sui tempi) a chi, senza preoccuparsi delle controindicazioni, non fece che prescrivere ricette per l'osteria dell'avvenire a intere nazioni.

September 2016

William A. Pelz, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Labor Studies Journal, October 17, 2016.

In many parts of the industrialized world, workers have spent decades, if not longer, focused narrowly on their own unique situations.

September 2016

Carmine Castoro, review of L’ultimo Marx, 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, L’Unità, September 16, 2016.

 

September 2016

Antonio Carioti, review of L’ultimo Marx. 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale, La Lettura, September 11, 2016.

La vena fatalista nelle idee di Marx

È un bel ritratto di un uomo eccezionale al tramonto della sua vita, quello che Marcello Musto ci offre nel libro L’ultimo Marx (Donzelli, pp. 148, e 24), apprezzabile soprattutto per l’intreccio fra l’attività intellettuale del protagonista e il versante umano, denso purtroppo di terribili dolori, in quel biennio 1881-83, per l’autore del Capitale.

September 2016

Antony Burlaud, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Actuel Marx, 2016.

C’est pour épargner au lecteur anglais une plongée dans les épais volumes publiés autrefois par l’Institut du marxisme-léninisme de l’URSS que Marcello Musto a réalisé cette anthologie de textes de l'Association internationale des travailleurs.

September 2016

Babak Amini, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Rethinking Marxism, June 28, 2016.

Realistic portrayal of an organization as diverse as the International Working Men’s Association (IWMA) which has been historically and ideologically depicted mainly from the vantage point of a single individual, namely, Karl Marx (and sometimes alongside the ghostly presence of the anarchist, Mikhail Bakunin), is the task undertaken in this thematized anthology by Marcello Musto. The central aim of the book is to redistribute the credit for the political significance of the IWMA to the ordinary workers and labour activists who composed the body of this extraordinary organization.

June 2016

Modesto Emilio Guerrero, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Agência Periodística de Información Alternativa, April 18, 2016.

De regreso a un Marx siempre latente

De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual , es un recorrido intelectual atrevido, por el interior de la más importante corriente de pensamiento social de base mundial del último siglo y medio.

April 2016

Edgardo Logiudice, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Herramienta, 2016.

De los regresos a Marx

El más mediático regreso a Marx en lo que va del siglo ha sido un pseudoregreso.Fue el de Pikkety con El Capital del siglo XXI, quien confesó que nada tenía que ver con el autor de la célebre obra. Un poco más acá, y con menos prensa y sin el matiz provocativo del economista francés, el filósofo alemán Joseph Vogl escribió un sugerente El espectro del capital.

January 2016

Santiago M. Roggerone, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Ideas de Izquierda: Revista de Política y Cultura, 2016.

En un capítulo de Los Simpson, Bart vende su alma a Milhouse por la suma de cinco dólares.Tras gastar el dinero en esponjas con forma de dinosaurios, comienza a arrepentirse de haber efectuado menuda transacción.

January 2016

Antônio David, review of Trabalhadores, uni-vos. Mouro, January 2016.

January 2016

Terrell Carver, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Political Studies Review, 2016.

The title of this landmark volume refers to the International Workingmen’s Association (IWMA), formally founded in London in 1864, and known in more recent times simply as ‘The International’ or ‘First International’.

January 2016

Esteban Ruiz, review of De regreso a Marx. Nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual, Exlibris, 2016.

El incansable trabajo de Marcello Musto, uno de los principales impulsores a nivel mundial de los estudios marxianos, ha dado otro fruto: De regreso a Marx: nuevas lecturas y vigencia en el mundo actual (2015).

January 2016

Roberto Carocci, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Critica Marxista, 2015.

I 150 anni della Prima Internazionale

Erano circa duemila i lavoratori e le lavoratrici che il 28 settembre 1864 si riunirono al St. Martin’s Hall di Londra per ascoltare i comizi di alcuni dirigenti sindacali. L’incontro, cui erano presenti diversi delegati europei, era stato preparato con una certa accuratezza poiché nelle intenzioni degli organizzatori avrebbe dovuto dare vita a un ambito sovranazionale di studio sulle condizioni degli emergenti ceti operai.

September 2015

Roberto Carocci, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Succedeoggi, April, 2015.

Prima dei socialisti

Donzelli pubblica, a cura di Marcello Musto, una preziosa raccolta di discorsi, interventi e documenti della Prima Internazionale. La genesi di un movimento lungo oltre un secolo.

August 2015

Iain McKay, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Anarchist Writes, March 21, 2015.

Introduction

The editor of Workers Unite! should be congratulated on his aim, namely to make the debates within the International Working Men’s Association (IWMA) accessible for radicals active 150 years after it was founded in 1864.

March 2015

Diego Gbautti, review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, Italia Oggi, February 12, 2015.

February 2015

Morgana Gomes, review of Trabalhadores, uni-vos. Boitempo, December 16, 2014.

Entrevista de Marcello Musto a Morgana Gomes

O slogan que finaliza a mensagem inaugural da I Internacional e que fora escrito por Karl Marx, 150 anos depois, mantém-se atual no que refere as reivindicações dos trabalhadores inseridos no processo de globalização em todas as partes do mundo

December 2014

Alfonso M. Iacono, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Il Tirreno, December 15, 2014.

December 2014

Denis MacShane, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Tribune, November 17, 2014.

A new international rescue – intellectuals of the world unite

It is 150 years since trade union leaders, intellectuals and left activists assembled in autumn 1864 in London to create the International Working Men’s Association, commonly known as the First international. It was followed by the Second or Socialist international in 1889 which still limps along in an attenuated, under-financed way today.

November 2014

Alfio Neri, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Carmilla, November 15, 2014.

Prima Internazionale

Negli anni Settanta questo libro avrebbe davvero spopolato. Sarebbe stata un’autentica bomba. Avrebbe creato un dibattito enorme. Poteva fare davvero piazza pulita di molti luoghi comuni. Molte cose sarebbero apparse sotto una nuova luce. Non sto facendo affermazioni avventate. Gli anni Settanta erano abitati da militanti con una formazione culturale trascurata. Era un’epoca in cui premeva l’immediato, la grande svolta sembrava proprio dietro l’angolo.

November 2014

Luciano Canfora, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Corriere della Sera, November 3, 2014.

L'alba della Prima Internazionale Un'eredità che sembra smarrita

Escono, certo per caso, quasi contemporaneamente, due libri tra i quali non è fuor di luogo stabilire un collegamento. Un volume che racconta e documenta l'atto di nascita della Prima Internazionale (Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, a cura di Marcello Musto, Donzelli) e inoltre un libro di Domenico Losurdo significativamente intitolato La sinistra assente (Carocci).

November 2014

Gilberto Cruvinel, review of Trabalhadores, uni-vos. GGN, November 02, 2014.

I Internacional foi palco de disputas políticas e modelo para organizações futuras, diz cientista polìtico italiano

RIO - Os bairros operários de Liverpool e Manchester aparecem nos jornais do século XIX como lugares lúgubres e paupérrimos, onde famílias inteiras dormiam no mesmo cômodo, uns sobre os outros.

November 2014

Leonardo Cazes, review of Trabalhadores uni-vos. O Globo, November 01, 2014.

Quando os trabalhadores do mundo se uniram

Os bairros operários de Liverpool e Manchester aparecem nos jornais do século XIX como lugares lúgubres e paupérrimos, onde famílias inteiras dormiam no mesmo cômodo, uns sobre os outros. Não surpreende, portanto, que tenha nascido na Inglaterra, berço da Revolução Industrial, a tentativa pioneira de organização dos trabalhadores a nível mundial.

November 2014

Paulo Barsotti, review of Trabalhadores, uni-vos. Boitempo, October 27, 2014.

Esta preciosa antologia política organizada por Marcello Musto, de manifestos, documentos e intervenções da AIT – Associação Internacional dos Trabalhadores (1864-1872), a “primeira” Internacional –, é uma excelente maneira de brindar aos seus 150 anos de fundação.

October 2014

Giuseppe Bedeschi, review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, Il Sole 24 Ore, October 26, 2014.

October 2014

Lombardia Oggi, review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, Lombardia Oggi, October 12, 2014.

October 2014

Maria Grazi Meriggi, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, Il Manifesto, October 02, 2014. 

La parola all’Internazionale

Saggi. I discorsi e le soluzioni nei diversi mondi del lavoro, a partire dalla storia della più grande esperienza collettiva. In un libro pubblicato da Donzelli, a cura di Marcello Musto

October 2014

La Regione Ticino, review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, La Regione Ticino, September 29, 2014.

September 2014

Paolo Petroni, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, ANSA, September 28, 2014.

I 150 anni della Prima Internazionale

Cadono il 28 settembre e un volume riunisce discorsi e documenti

Centocinquanta anni fa, il 28 settembre 1864, alla St. Martin's Hall di Londra, gremita da oltre duemila lavoratori, si teneva la sessione inaugurale dell'Associazione internazionale dei lavoratori: l'atto fondativo della prima organizzazione internazionale del movimento operaio.

September 2014

Rita Felerico, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, Positano News, September 27, 2014.

Centocinquant’anni fa, il 28 settembre 1864, alla St. Martin’s Hall di Londra, si teneva la sessione inaugurale dell’Associazione internazionale dei lavoratori: l’atto fondativo della prima organizzazione internazionale del movimento operaio. Visti a distanza di 150 anni, questi 80 testi (26 dei quali tradotti per la prima volta in italiano) – editi da Donzelli e curati con estremo rigore scientifico da Marcello Musto, vedono contemporaneamente la luce in inglese presso l’editore Bloomsbury.

September 2014

Massimiliano Panarari, review of Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, La Repubblica, September 26, 2014.

September 2014

Stefania Miccolis, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!, Rassegna Sindacale, October 15, 2014.

September 2014

Silvia Baglini, review of Ripensare Marx e i marxismi, Azioni Parallele, September 10, 2014.

Ripensare Marx e i marxismi si presenta come titolo programmatico a partire dalla grande operazione editoriale e filologica costituita dalla Mega2, la nuova edizione critica delle opere complete di Marx e Engels avviata negli anni Settanta del secolo scorso.

September 2014

Angelo d'Orsi, review of Prima Internazionale. Lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Indirizzi, risoluzioni, discorsi e documenti, La Stampa, September 1, 2014.

Così si unirono i lavoratori di tutto il mondo

Il 28 settembre di 150 anni fa nasceva a Londra la Prima Internazionale: la sua vicenda in un’antologia di testi dell’epoca, da Marx a Bakunin, agli scritti degli operai

Londra, 28 settembre 1864: la sala del St. Martin’s Hall, nel cuore di Londra, era affollata da duemila uomini e donne di umili condizioni, inglesi, ma anche tedeschi, francesi, spagnoli, russi, polacchi, italiani… Nessuno, quel giorno, sospettava che stava nascendo la prima organizzazione mondiale proletaria. Forse neppure Karl Marx, la testa pensante più celebre, autore (pur in collaborazione con Engels) del Manifesto del Partito comunista che a Londra aveva visto la luce nel 1848.

September 2014

George C. Comninel, review of Workers Unite! The International 150 Years Later, Socialism and Democracy, 2014.

Workers Unite! The International 150 years later by Marcello Musto (ed.)

What is most distinctive about this book is that, instead of being about “Marx and the International,” it is about the International Workingmen’s Association (IWA) itself – though fully recognizing the important role that Marx played within it. This makes it a rarity.

January 2014

Choeng-Lip Chu, review of Ripensare Marx e i marxismi: Studi e saggi, Marxism 21, 2014.

마르크스와 마르크스주의들을 다시 생각한다에 대한 본 서평에서는 이 책의 저자 무스토가 MEGA2에 대한 면밀한 검토를 통해 [1844년 경제학·철학 수고]나 [그룬트리세] 등 마르크스의 주요 저술에 대한 기존의 해석들과자본론󰡕 제2권 및 제3권에 대한 엥겔스의 편집 작업이 지닌 문제점 등에 대해 전개하는 비판적 논의 를 살펴본다. 이를 통해 제2인터내셔널과 제3인터내셔널, 마르크스-레닌주의를 거 치며 교조적 경전으로 왜곡된 마르크스의 이론이 철두철미하게 비판적이고 끊임없 이 논거를 모색하는 열린 텍스트로 이루어졌다는 점이 강조된다.

January 2014

Antonio Negri, review of Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Critical Economy 150 Years Later, Rethinking Marxism, 2014.

I began working on the Grundrisse in the 1960s. When I started, I had already been a Communist for years, but I was not yet a Marxist. I’d worked a lot on Kant, Hegel, neo-Kantianism, Weber, Lukács, and then finally, as I was approaching thirty in the early 1960s, I began reading Capital. I had already read through the going interpretations of the young Marx.

January 2014

Fernando Paz Sánchez, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, Iztapalapa, June 2013.

En abril de 2004 varias instituciones de estudios superiores de Italia, entre otras la Universidad de Estudios de Nápoles, el Instituto di Napoli “L’ Orientale” y la Univer- sidad de Bari, organizaron un coloquio internacional sobre el tema Tras las huellas de un fantasma. La obra de Karl Marx entre la lología y la losofía.

June 2013

Antonio Negri, review of Karl Marx’s Grundrisse. Foundations of the Critique of Political Economy 150 years later, Uninomade, January 29, 2013.

1. Cominciai a lavorare sui Grundrisse negli anni ’60. Quando cominciai ero comunista da parecchio tempo, non ancora marxista. Avevo lavorato molto su Kant, Hegel, e il neokantismo, Max Weber, Lukacs e poi, infine, all’inizio degli anni ’60, avvicinandomi ai 30 anni, avevo cominciato a leggere Il Capitale.

January 2013

Alfio Neri, review of Ripensare Marx e i marxismi, Carmilla, January 26, 2013.

Ripensare Marx e i marxismi

Il modo di leggere Marx è cambiato negli ultimi anni. Gli scritti sono (quasi) sempre quelli ma sono intervenuti due fattori nuovi che hanno cambiato molte cose. Innanzitutto, i nuovi equilibri geopolitici hanno reso obsolete le letture legate agli schieramenti della guerra fredda.

January 2013

Jaime Ortega Reyna, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, Herramienta Web, 2013.

El presente libro, coordinado por Marcello Musto, nos ofrece los últimos avances de la investigación marxista a partir de la publicación completa de las obras de Marx y Engels, particularmente el proyecto de la MEGA2.

January 2013

Guido Oldrini, review of Ripensare Marx e i marxismi, Marxismo Oggi, 2013.

January 2013

Robert Ware, review of Marx for Today, Philosophy in Review, 2013.

Marx is back, after making a steady return since the 150th anniversary of the Communist Manifesto in 1998. It has taken decades of work to rethink, reapply, rework, and restore Marx to get to the renaissance that is clearly underway today. 

January 2013

Dunja Larise, review of Marx for Today, Political Studies Review, 2013.

The aim of this collection of essays is to offer new interpretations of Marx’s writings by showing his distance from the dogmatic and economistic streams of Marxism of the twentieth century, as well as to suggest the usefulness of his theoretical work for the contemporary world. The first part of the volume assembles texts that focus on the re-reading and reinterpretation of Marx’s work from an interdisciplinary and contemporary perspective. The second part deals with the global reception of Marx after 1990.

January 2013

Xabier Grácia, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, Dialéctica, 2013.

“Este [Eckstein] pertenece a ese género de periodistas, nacidos con el crecimiento de la prensa obrera, que saben escribir de todo: derecho de familia japones, biología moderna, historia del socialismo, teoría del conocimiento, etnografía, historia de la civilización, economía política, problemas tácticos..., de todo lo que haga falta.

Estos polígrafos se mueven por todos los campos del saber con una descarada seguridad que los investigadores serios pueden envidiar sinceramente. Y cuando les falta toda comprensión para el asunto tratado, la sustituyen produciéndose con osadía y petulancia.” - Rosa Luxemburg (Una Anticrítica)

January 2013

Jordy Cummings, review of Marx for Today, Studies in Marxism, 2013.

Marx for Today

Marcello Musto’s new edited volume Marx for Today is a superlative collection of essays by a fantastic roster of today’s most important Marxist thinkers. Grouped together, these essays coalesce into something greater than its parts, forming a whole that drives home the point that Marx as theorist and scientist of human emancipation is even more relevant in the second decade of the 21st century than he was in his own lifetime, as Ellen Wood points out in her contribution.

January 2013

Francesca Antonini, review of Ripensare Marx e i marxismi, Storia del pensiero politico, 2013.

Ripensare Marx e i marxismi. Studi e saggi

Che negli ultimi anni si stia verificando una vera e propria Marx-Renaissance è un dato di fatto: riferimenti al filosofo di Treviri sono sempre più diffusi nella carta stampata e un crescente interesse per la sua riflessione politica, economica e filosofica si va manifestando in ambito accademico, italiano e non solo (si pensi solo all’ultima monografia di M. Tomba, Strati di tempo. Karl Marx materialista storico, Jaca Book, Milano, 2011, o al saggio di E. Hobsbawm, Come cambiare il mondo. Perché riscoprire l’eredità del marxismo, Rizzoli, Milano, 2011).

January 2013

Antonino Infranca, review of Ripensare Marx e i marxismi, Margem Esquerda, 2012.

É indubitável que a atual crise do sistema capitalista fez renascer o interesse pelo maior e mais radical inimigo do capitalismo, Karl Marx. Esse interesse, depois da queda dos regimes do socialismo real, é agora mais livre e mais objetivo, uma vez que a pesquisa sobre a obra de Marx não é mais ligada a defesa preconceituosa e extremistas daqueles odiosos sistemas políticos.

December 2012

Rita Felerico, review of Ripensare Marx e i marxismi, Il Denaro, December 7, 2012.

December 2012

Giovanni Russo Spena, review of Ripensare Marx e i marxismi, Contro la crisi, November 25, 2012.

Ripensare Marx e i marxismi. Se la trasformazione bussa alla porta della soggettività politica

Marcello Musto, giovane ed autorevolissimo docente di Teoria Politica alla York University di Toronto, è autore di un testo che ritengo fondamentale per ogni studioso di Marx e per ogni militante anticapitalista: Ripensare Marx e i marxismi (Carocci editore).

November 2012

Tom Whittaker, review of Marx for Today, Counterfire, November 23, 2012.

Marx for Today

Having been declared officially dead and consigned to history’s proverbial dustbin roundabout 1989, Marx has returned surprisingly quickly, popping up in various places. For Marcello Musto, the editor of this collection of essays on Marx, there ‘has always been a “return to Marx”’. For the eminent poststructuralist philosopher Jacques Derrida, ‘it will always be a mistake not to read and reread and discuss Marx’ (p.4).

November 2012

Enrico Guarneri, review of Ripensare Marx e i marxismi, Cassandra, 2012.

Poche cose sono chiare, ai nostri giorni, quanto l’ urgenza di ricostruire una cultura di opposizione, vera e popolare. Oggi come ieri essa implica una ideologia “di classe” che dia alla lotta coscienza e progetto. E questa comporta un enorme sforzo di divulgazione di quello che resta la grande storia teorica del socialismo e del comunismo attraverso lavori sistematici e persino manualistici (la critica filologica è necessaria ma è faccenda da specialisti).

November 2012

Matteo Gargani, review of Ripensare Marx e i marxismi, Syzetesis, 2012.

Ripensare Marx e i marxismi raccoglie studi e saggi di Marcello Musto editi tra il 2005 e il 2010 su diverse riviste italiane e straniere. Il libro consta di due parti, la prima analizza formazione e produzione intellettuale marxiana dal periodo scolastico sino al 1860, cfr. Parte prima. Per una nuova biografia intellettuale di Marx (1818-1860). La seconda è rivolta sia ad alcuni aspetti dell’esegesi novecentesca, sia alle tortuose vicende della pubblicazione e della ricezione delle opere marxiane, cfr. Parte seconda. Sulla diffusione e sulla recezione dell’opera di Marx.

November 2012

Cesare Pianciola, review of Ripensare Marx e i marxismi, L'indice dei libri del mese, October 1, 2012.

La locomotiva del progresso e le altre storie possibili

La gravità della crisi attuale ha ravvivato l'interesse per Marx; nel settembre 2008 la Frankfurter Allgemeine Zeitung scriveva: “La storia del capitalismo è la storia delle sue crisi. Qui Marx aveva completamente ragione”. Vladimiro Giacché, che nel 2009 ha raccolto l'antologia di scritti marxiani Il capitalismo e la crisi (DeriveApprodi, pp. 176, € 15), al convegno “Marx e la crisi” (Università di Bergamo, 23 aprile 2010; cfr. http://wwwdata.unibg.it/dati/persone/46/3907) diceva:“Molte delle certezze su cui erano state edificate la visione del mondo e la filosofia della storia diffuse a livello di massa negli ultimi decenni sembrano oggi – se non proprio in frantumi – quantomeno incrinate. Per capire i motivi del rinnovato interesse nei confronti di Marx bisogna partire da qui".

October 2012

Alfonso M. Iacono, review of Ripensare Marx e i marxismi, Il Tirreno, September 22, 2012.

September 2012

Agustín Santella, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, Crítica y Emancipación, September 8, 2012.

“La nueva edición crítica de la obra de Marx y Engels sobre la que giran los ensayos incluidos nos permite reflexionar sobre un Marx libre de todo dogmatismo, de toda prevención ideológica, y abierto a la problemática viva de nuestro tiempo”, dice Gabriel Vargas Lozano en el prólogo.

September 2012

Nick Taylor, review of Marx for Today, The London School of Economics and Political Science, July 23, 2012.

Since the onset of global crisis in recent years, academics and economic theorists have been drawn to Marx’s analysis of the inherent instability of capitalism. The rediscovery of Marx is based on his continuing capacity to explain the present.

July 2012

Rubén D. Atahuichi López, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, La Razón, June 22, 2012.

‘Hoy, Marx no hablaría de dictadura del proletariado’

Marcello Musto - Marcello Musto recorre América Latina con la presentación del libro ‘Tras las huellas de un fantasma, la actualidad de Karl Marx’, para provocar el debate sobre el pensamiento marxista.

July 2012

Michael Maidan, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Marx & Philosophy Review of Books, June 18, 2012.

This collection of essays marking the one hundred and fiftieth anniversary of the composition by Marx of the Grundrisse comprises 32 essays and a Foreword by Eric Hobsbawn. Part I (Critical Interpretations) contains eight interpretative essays on different aspects of the Grundrisse. Part II looks at the history of the composition of the Grundrisse. Finally, part III reviews the history of the publication, translation and international reception of Marx’s 1857-8 notebooks.

June 2012

Antonino Infranca, review of Ripensare Marx e i marxismi, Critica Marxista, 2012.

Ripensare Marx

Non c’è più alcun dubbio che l’attuale crisi del sistema capitalistico ha fatto tornare di grande attualità la “critica roditrice” del più radicale nemico del capitalismo, cioè Karl Marx. Il ritorno di interesse, dopo la caduta dei regimi del socialismo reale, è adesso più libera e più oggettiva, perché la ricerca su Marx non è più legata alla obbligatoria difesa pregiudiziale e ad oltranza di quegli odiosi sistemi politici.

June 2012

Vera Bessone, review of Ripensare Marx e i marxismi, Corriere Romangna, May 16, 2012.

May 2012

Alfonso Gianni, review of Ripensare Marx e i marxismi, Gli Altri, April 5, 2012.

Marx liberato dai marxiani

Il nuovo libro di Marcello Musto (Ripensare Marx e i marxismi. Studi e saggi, Carocci editore, Roma 2011, pp. 373, euro 33,00) appare fin dal titolo come una raccolta di saggi che l’autore, attualmente professore di Teoria Politica presso la York University di Toronto, ha prodotto lungo l’arco di un quinquennio, tra il 2005 e il 2010.

April 2012

Gianfranco Ragona, review of Karl Marx, Introduzione alla critica dell'economia politica, Commento storico critico di Marcello Musto, La società degli Individui, 2011.

L’Introduzione alla critica dell’economia politica, oggi ripubblicata in Italia in base a solidi criteri scientifici (Karl Marx, Introduzione alla critica dell’economia politica. Commento storico critico di Marcello Musto, Macerata, Quodlibet, 2010), apparve per la prima volta postuma nel 1903, dopo essere stata abbandonata per quasi mezzo secolo alla «rodente critica dei topi», seguendo in ciò il destino di altre opere marxiane: LIdeologia tedesca, per limitarsi a un solo celebre esempio.

March 2012

Roberto Ciccarelli, review of Ripensare Marx e i marxismi, Il Manifesto, January 26, 2012.

Un teorico ribelle alla gabbia della realtà

Il volume di Marcello Musto da poco pubblicato da Carocci è una cartografia puntuale sulla riflessione e il progetto di ripubblicare tutte le opere di Karl Marx. Con l'obiettivo di sottrarre l'autore del «Capitale» a una lettura accademica

January 2012

Francesca Izzo, review of Ripensare Marx e i marxismi, L'Unità, January 16, 2012.

Riscoprire Marx ostile al socialismo di stato

«Mega2» è il titolo della prima edizione critica che raccoglie tutti gli scritti editi e inediti del filosofo di Treviri. A partire dalla sua lettura Musto scrive un importante contributo sul profilo teorico e umano del pensatore.

January 2012

Fausto Proietti, review of Ripensare Marx e i marxismi, Il Pensiero Politico, 2012.

January 2012

Arianto Sangaji, review of Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, IndoProgress, 2012.

SUATU ketika, Lenin mengatakan, adalah mustahil untuk memahami secara utuh karya Marx tentang Capital, khususnya bab pertama, tanpa melakukan studi dan pemahaman mendalam atas karya Hegel tentang Logic secara keseluruhan. ‘Konsekuensinya,’ demikian Lenin, ‘dalam setengah abad terakhir (di masa Lenin hidup), tak ada seorang pun Marxis yang memahami Marx.’

January 2012

Radio Marx, review of Marx for Today, 2012.

Marx for Today 

Na rond 1989 officieel dood te zijn verklaard en verwezen te zijn naar de spreekwoordelijke vuilnisbak van de geschiedenis, was Marx verrassend snel weer terug, en dook op verschillende plaatsen weer op. Voor Marcello Musto, de redacteur van deze verzameling essays over Marx, was er altijd een “terugkeer naar Marx”. Of zoals de eminente poststructuralistische filosoof Jacques Derrida zei: “het is altijd fout Marx niet te lezen, te herlezen en te bediscussiëren” (blz. 4).

January 2012
Yasin Kaya, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Socialism and Democracy, 2012.

The existence of the Grundrisse was unknown for more than half a century after Marx’s death, and its texts were not available until almost one century after they had been written. Yet their impact has been momentous. The Grundrisse was first publishedin the midst of Stalin’s ascendancy; it became a point of reference in endeavors to liberate Marxist theory and practice from the Stalinist paralysis.

January 2012

Eduardo Scotti, review of Ripensare Marx e i marxismi, La Repubblica, December 17, 2011.

Rileggere Marx e il pensiero marxista al tempo della crisi economica globale

Marcello Musto insegna Teoria politica alla York University di Toronto. È uno dei quei giovani cervelli napoletani in fuga e accolti come risorsa all' estero.

December 2011

Ángel Vargas, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, La Jornada, October 12, 2011.

El fantasma de Karl Marx comienza a recorrer otra vez el mundo

El italiano Marcello Musto y el mexicano Gabriel Vargas subrayan la vigencia de sus tesis. El socialismo sólo será posible con la participación radical y democrática del pueblo, sostiene el primero.

December 2011

Zhang Xiuqing, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, China Book Review, September 2011.

September 2011

Paresh Chattopadhyay, review of Sulle Tracce di un Fantasma. L’Opera di Karl Marx tra Filologia e Filosofia, Studies in Marxism, 2011.

Marx is a disregarded author. The systematization of his critical theory, the impoverishment which has accompanied its divulgation and diffusion, the manipulation and censorship of his writings and their instrumental utilisation for political ends have rendered Marx incomprehensible.

August 2011

Fan Lijun, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Marxism & Reality, June 2011.

June 2011

Xu Changfu, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Marxism & Reality, June 2011.

June 2011

Donatello Santarone, review of Karl Marx, L'alienazione (a cura di M. Musto), Il Manifesto, February 4, 2011.

La prima introduzione al laboratorio marxiano

Nell’ultima settimana dell’agosto 1857, in concomitanza con lo scoppio della prima crisi finanziaria mondiale nella storia del capitalismo, Marx scrisse un testo che intitolò Introduzione e che avrebbe dovuto precedere un lavoro che apparve nel 1859 con il titolo di Per la critica dell’economia politica.

February 2011

Oscar Martinez, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, Revista Solar, 2011.

Introducción

Este, a nuestro parecer, es uno de los libros imprescindi- bles en cuanto a la actualidad de Marx y el “marxismo”. Para comenzar, se toma como punto de partida el coloquio internacional celebrado en Nápoles el 2004, en el cual se presentaron una serie de ilustres pensadores y en la que se basa este libro.

January 2011

Enrico Guarneri, review of Karl Marx Introduzione alla critica dell’economia politica, Cassandra, 2011.

I Lineamenti fondamentali dell’economia politica (“Grundrisse”) costituiscono l’agone privilegiato della marxologia, ma anche di una certa tendenza degli approcci iniziali al pensiero di Marx. Si tratta del materiale preparatorio del Capitale, “frutto di quindici anni di studio”, di cui nel’59 Marx redige una accurata “Relazione”, Si tratta di un testo di non facile comprensione, per il quale vale il suggerimento di Jenny Marx di lasciare agli specialisti le cose più tecniche e difficili.

January 2011

Fred Moseley, review of Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Review of Radical Political Economics, 2011.

This book is an important addition to the scholarship on Marx’s Grundrisse, on the 150th anniversary of its writing. The book consists of three parts: critical interpretations, Marx’s life at the time of the Grundrisse (including his writings on the economic crisis of 1857-58), and the dissemination and reception of the Grundrisse around the world.

January 2011

Wang Xiaosheng, review of Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years LaterStudies in Marxism, 2011.

Although the book is not a monograph, it contains a number of inspiring and informative essays about the life of Marx at the time of his writing the Grundrisse, about the social background of the book, and extensive information on the dissemination and reception of the Grundrisse throughout the world.

January 2011

Joel Wainwright, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Human Geography, 2011.

The sesquicentennial of Marx’s Grundrisse 
(1973 [1857]) brought renewed attention to this extraordinary and confounding text, comprised of the notebooks in which Marx took his first steps toward Capital (1867). In his Foreword to this collection, Eric Hobsbawm describes the Grundrisse as “an enormously difficult text in every respect” (p. xxiii), and to make matters more complex, Marx’s notebooks have been subject to a peculiar publication history.

January 2011

Contemporary Sociology: A Journal of Reviews, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Contemporary Sociology, 2011.

When Eric Hobsbawm in 1964 edited and introduced Jack Cohen’s translation of a 53- page fragment of Marx’s mighty Grundrisse in his Pre-Capitalist Economic Formations (International Publishers), even committed readers did not notice its importance to Marxology, just as they had failed to register N. I. Stone’s 1904 translation of the Grundrisse’s introduction (overseen by Karl Kautsky) as the vital clarification, the ‘‘missing link,’’ of Capital that it was later claimed to be.

January 2011

Redazione, review of Karl Marx, L'alienazione (a cura di M. Musto), Mobydick, September 18, 2010.

L'alienazione secondo Marx

Forse l'avevamo archiviato troppo presto il vecchio Karl Marx. Certo, per costruire nuove società il Capitale non serve più, ed è sufficiente quello che si è sperimentato nelle disgraziate parti del mondo che hanno visto l'applicazione del cosiddetto socialismo scientifico e delle sue dittature proletarie. Che hanno lasciato panorami di orrore e di macerie, di squallore estetico e morale, di atroci persecuzioni e di infamie senza fine. Però l'analisi di Marx è ancora attuale nel mondo del lavoro a cottimo e interinale, del precariato come condizione di vita, del turbo capitalismo globale che atomizza sempre di più uomini e comunità, disgrega anzioni e rende la solidarietà variabile dipendente. Sicchè sono ancora utili le pagine marxiane sull'Alienazione pubblicate da Donzelli.

September 2010

Donatello Santarone, review of Karl Marx, L'alienazione (a cura di M. Musto), Il Manifesto, August 4, 2010.

Una vita prigioniera nella gabbia delle merci

Nella sobria ed elegante collanina degli “essenziali” – nata per riprodurre alcuni temi classici utili al presente – l’editore Donzelli propone una sintetica antologia di testi marxiani sul tema dell’alienazione presentati da Marcello Musto. Si tratta di un concetto centrale nella riflessione del filosofo di Treviri che il curatore, docente alla York University di Toronto, colloca nella sua introduzione all’interno della più generale trattazione di questa problematica.

August 2010

Titoli Marxiani, review of Karl Marx, L'alienazione (a cura di M. Musto), Liberazione, July 20, 2010.  

Titoli marxiani

Tra i titoli marxiani in libreria c'è anche quello di Marcello Musto, Karl Marx, L'alienazione (Donzelli 2010), un'antologia di brani tratti da varie opere. Con Marx, scrive l'autore nell'introduzione, "la teoria dell'alienazione uscì dalle carte dei filosofi per irrompere nelle piazze attraverso le lotte operaie, e divenire critica sociale. Questo fenomeno non coincide con l'oggettivazione in quanto tale, ma con una specifica realtà economica: il lavoro salariato e la trasformazione dei prodotti del lavoro in oggetti che si contrappongono ai loro produttori".

July 2010

Corrado Augias, review of Karl Marx, L'alienazione (a cura di M. Musto), Il Venerdì di Repubblica, May 21, 2010.

Segnalati da Augias

In una preziosa collana definita “Gli essenziali” Donzelli pubblica le celebri pagine di Marx diventate, anni fa, manifesto sociale. Il curatore Marcello Musto le correda di prefazione e note. Capire il meccanismo del lavoro in una società capitalistica significa passare dalla libertà del capitale alla libertà umana dell’individuo sociale. 

May 2010

Alex Marshall, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Critique, April 21, 2010.

Blessed with an elegant introduction by Eric Hobsbawm, this substantial collection of essays to commemorate the anniversary of the writing of Karl Marx's groundbreaking 1857–58 notebooks on political economy—the core from which Capital subsequently emerged—represents a highly interesting and ambitious project.

April 2010

Giuseppe Cospito, review of Karl Marx, Introduzione alla critica dell'economia politica, Critica Marxista, 2010.

L’Introduzione del 1857

Nei Quaderni del carcere Gramsci critica gli sviluppi dell’economia marxista, in particolare in Urss, osservando come quella dovrebbe essere una disciplina «critica», a differenza di quella accademica che riflette incessantemente sui propri metodi e strumenti di analisi, «si vale troppo spesso di espressioni stereotipate, e si esprime in un tono di superiorità a cui non corrisponde il valore dell’esposizione» (A. Gramsci, Quaderni del carcere, a cura di V. Gerratana, Torino, Einaudi, 1975, vol. III, p. 1803). Per ovviare a questo limite egli ritiene necessaria un’«introduzione metodico-filosofica ai trattati di economia», prendendo a modello le «prefazioni al primo volume di Economia critica» (vale a dire Il Capitale) e alla «Critica dell’Economia politica» (ivi, p. 1844), cioè la celeberrima Prefazione del 1859.

January 2010

John Hoffman, review of Karl Marx's Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, Science and Society, 2009.

Each day brings speculation as to whether the economic crisis sweeping the globe will plunge society into the depths of a depression comparable to that of 1929-31. It is ironic that, since the collapse of the Communist Party states almost 20 years ago, Marxism has been largely cast aside and yet today we face an economic crisis of epic proportions.

January 2009

Feiyi Zhang, review of Karl Marx’s Grundrisse: Foundations of the Critique of Political Economy 150 Years Later, International Socialism, 2009.

The current global financial meltdown highlights the need to both grasp and apply Karl Marx’s analysis of the crisis-prone and exploitative capitalist economy. The Grundrisse is a manuscript in which Marx elaborated his plan for his major work, Capital, and developed his understanding of the central characteristics of capitalism.

January 2009

Jan Hoff, review of Karl Marx's Grundrisse. Foundations of the Critique of Political Economy 150 years later, 2008.

Das 150-Jahre-Jubiläum der Marxschen Grundrisse der Kritik der politischen Ökonomie von 1857/58 hat in der internationalen Fachwelt – im Gegensatz zur breiteren Öffentlichkeit – erhebliche Resonanz hervorgerufen. Die große Rezeptionswelle der späten 60er und der 70er Jahre, die nicht zuletzt durch Roman Rosdolskys umfangreichen Kommentar von 1968 inspiriert wurde, ist längst abgeklungen. Dennoch bilden die Grundrisse einen ständigen Bezugspunkt in der internationalen Debatte zur Kritik der politischen Ökonomie. In diesem Zusammenhang steht auch der vorliegende Sammelband.

September 2008

Massimiliano Tomba, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Filosofia Politica, 2007.

Il volume Sulle tracce di una Fantasma. L’opera di Marx tra filologia e filosofia, edito da manifestolibri e curato da Marcello Musto, raccoglie gli interventi di un omonimo convegno internazionale tenutosi a Napoli nell’aprile del 2004.

January 2007

Frieder Otto Wolf, review of Sulle Tracce di un Fantasma. L’opera di Karl Marx tra Filologia e Filosofia, Das Argument, 2007.

In sechs Abteilungen geht dieses Buch über Derridas These vom unvertreibbaren >Gespenst< hinaus, indem es dessen Spuren so kompetent nachgeht, dass es ein ^Heute für Marx^^ in Anspruch nehmen kann. Nachdem herausgearbeitet wurde, was die MEGA² für ein zeitgenössisches Verständnis des Marxschen Werkes bedeutet (Manfred Neuhaus, Gerald Hubmann, Izumi Omura und Malcolm Sylvers, 31-115), stellt sich ein zweiter Abschnitt den beiden großen Lücken der marxistischen Tradition, der unausgearbeiteten ^Kritik der Philosophie^^ und dem für das Projekt eingreifender Theorie besonders gravierenden Fehlen einer ^Kritik der Politik^^ (Mario Cingoli, Peter Thomas, Giuseppe Cacciatore, Marcello Musto, Gianfranco Borrelli und Stathis Kouvelakis, 117-207).

January 2007

Marco Bertorello, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Erre, 2007

1. Filologia e filosofia nella Marx-Engels-Gesamtausgabe (MEGA²)

Ad oggi siamo ancora privi di un'edizione integrale e scientifico-critica delle opere di Marx e, tuttavia, è in corso da qualche anno un risveglio d’interesse per lo studio di questi scritti.

January 2007

Angelo D’Orsi, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, La Stampa, November 25, 2006.

November 2006

Fabiola Quijas, review of Tras las huellas de un fantasma. La actualidad de Karl Marx, La Jornada, November 8, 2006.

Una visión multifacética de varios autores de China, Japón y Europa sobre diversos temas alusivos a Karl Marx y el marxismo, se reúne el libro En la pista de un fantasma: las obras de Karl Marx entre la filología y la filosofía.

November 2006

Giuseppe Manzo, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, La Rinascita della Sinistra, October 20, 2006.

Il ritorno di Karl Marx

Pochi pensatori hanno scosso il mondo come Karl Marx, ma, paradossalmente, ancora oggi Marx rimane un autore «misconosciuto» e privo di un’edizione integrale e scientifica delle sue opere. E’ per questo che l’ottimo e corposo volume, Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, a cura di Marcello Musto (Manifestolibri 2005, pp. 392, € 30), costituisce uno dei più interessanti e importati contributi alla riscoperta e all’interpretazione dell’opera di Marx.

September 2006

Carla Fabiani, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Recensioni filosofiche, May 2006.

«D’altra parte, come diceva Arnaldo Momigliano, a non leggere non succede nulla» Livio Sichirollo.

È in libreria il volume che raccoglie le relazioni presentate alla Conferenza Internazionale Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, svoltasi a Napoli dal 1 al 3 aprile del 2004.

May 2006

Roberto Monicchia, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Miscropolis, April 27, 2006.

L'opera del fantasma

Avviato nel 1975 nella Ddr, il secondo tentativo di edizione integrale delle opere di Marx ed Engels (Marx-Engels, Gesamtausgabe, Mega), è entrato in crisi dopo il 1989. Il progetto avviato da Rjazanov negli anni ‘20 era stata interrotto dallo stalinismo, quello nuovo sembrava affondare con il socialismo reale.

April 2006

Vincenzo Moretti, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, La Stampa, March 14, 2006.

Studiare Marx. Quello vero!

Si può ritenere Karl Marx “un autore misconosciuto, vittima di una reiterata incomprensione”?

March 2006

Lidia Cirillo, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Erre, 2006.

Per una nuova esplorazione di Marx

Vi ricordate la “crisi del marxismo”? Dalle nostre parti politiche si reagì con rituali esorcistici ( o con quelli che allora potevano apparire tali) sull’attualità ontologica di Marx, a testimonianza più dell’irriducibilità della nostra passione che della nostra lucidità intellettuale.

January 2006

Vincenzo Moretti, review of Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Rassegna Sindacale, 2006.

Si può ritenere Karl Marx “un autore misconosciuto, vittima di una profonda e reiterata incomprensione”? A leggere l’introduzione di Marcello Musto, curatore di questo interessante, rigoroso, sorprendente, volume, sì.

January 2006

Autori Vari , review of On the Tracks of a Spectre: The Works of Karl Marx between Philology and Philosophy, Liberazione, September 29, 2005.

MARX SENZA PARTITI NEL MONDO di Tonino Bucci

Se c'è stato un autore contemporaneo il cui pensiero sia stato studiato, interrogato, rielaborato di pari passo con le vicende storiche, questo risponde al nome di Marx.

December 2005

Liberazione, 29 settembre 2005

MARX SENZA PARTITI NEL MONDO

Se c'è stato un autore contemporaneo il cui pensiero sia stato studiato, interrogato, rielaborato di pari passo con le vicende storiche, questo risponde al nome di Marx.

Negli oltre cento anni che ci separano dalla sua morte le opere del filosofo tedesco non sono state semplicemente oggetto di studio accademico.

Non che nella storia del marxismo siano mancati dissidi intorno a oggetti teorici - in apparenza - evanescenti.

September 2005

Roberto Ciccarelli, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Il Manifesto, 2005.

La genesi svelata del filosofo di Treviri

«Sulle tracce di un fantasma», un volume collettivo dedicato all'opera di Karl Marx edito da manifestolibri.

Scala le classifiche, risale nei sondaggi, ma spunta anche nei convegni mentre la nuova edizione delle sue opere procede con passo sicuro. Quella di Marx è un'onda consolidata che si espande in maniera anche sotterranea, ma sempre più solida e documentata. Il volume Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia (Manifestolibri, pp.391, € 30), curato da Marcello Musto, raccoglie gli interventi del convegno napoletano omonimo tenutosi ai primi di aprile del 2004 è un esempio del risveglio teorico, e filologico, che il filosofo di Treviri riscuote ormai anche in Italia.

September 2005

Dario Sefano Dell’Aquila, review of Sulle Tracce di un fantasma. L'Opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, April, 2005.

Il Fantasma Ritrovato, La Nuova Opera Di Marx

Pochi pensatori hanno scosso il mondo come Karl Marx, ma, paradossalmente, ancora oggi Marx rimane un autore, "misconosciuto" o "idolatrato", del quale manca un'edizione integrale e scientifica delle sue opere. E' per questo che l'ottimo e corposo volume, Sulle Tracce di un fantasma.L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, a cura di Marcello Musto, (Manifesto Libri 2005, pp.392 € 30) costituisce uno dei più interessanti e importati contributi alla riscoperta e all'interpretazione dell'opera di Marx. Il libro raccoglie gli interventi presentati all'omonima conferenza internazionale, promossa da un ampio arco di università e svoltasi a Napoli, dal 1 al 3 aprile 2004.

September 2005

Roberto Finelli, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Critica Marxista, 2005.

January 2005

Maria Cristina Basso, review of Sulle tracce di un fantasma. L'opera di Karl Marx tra filologia e filosofia, Studi Filosofici, 2005.

Un Pensiero Ricorrente: La (ri)scoperta dell’opera di Marx

Risultato della conferenza internazionale omonima, svoltasi a Napoli dall’1 al 3 aprile 2004 e organizzata dallo stesso curatore del volume Marcello Musto, Sulle tracce di un fantasma. L’opera di Karl Marx tra filologia e filosofia (Manifestolibri 2005, pp. 392 € 30), raccoglie gli interventi di alcuni tra i più rilevanti nomi della riflessione contemporanea sull’opera marxiana.

January 2005